Pocket-lint è supportato dai suoi lettori. Quando acquisti tramite link sul nostro sito, potremmo guadagnare una commissione di affiliazione. Scopri di più

Questa pagina è stata tradotta utilizzando l'intelligenza artificiale e l'apprendimento automatico.

(Pocket-lint) - Abbiamo avuto un sacco di problemi di fornitura di scorte quando si tratta di elettronica nellultimo anno. La carenza di chip ha reso le console di gioco, alcuni dispositivi elettronici di consumo e persino le automobili difficili da acquistare o hanno subito ritardi nella consegna.

Purtroppo, non è nemmeno qualcosa che verrà risolto nel prossimo anno. Secondo Toshiba , almeno.

Ha ammesso che farà fatica a soddisfare la domanda per i suoi chip regolatori di potenza, utilizzati nelle auto e nei kit di consumo, fino alla fine di questanno e fino al 2022.

"La fornitura di chip rimarrà molto ridotta almeno fino a settembre del prossimo anno", ha affermato Takeshi Kamebuchi, direttore responsabile dei semiconduttori di Toshiba Corp (come riportato da Bloomberg ).

"In alcuni casi, potremmo scoprire che alcuni clienti non saranno completamente serviti fino al 2023".

Il dirigente ha aggiunto che alcuni produttori di chip stanno dando la priorità ai produttori di automobili, poiché le linee di assemblaggio dipendono dalla tecnologia. Si dice che Volkswagen e Toyota Motor Group abbiano dovuto interrompere o ridurre la produzione nellultimo anno a causa della carenza.

Altri produttori di elettronica vengono persino incoraggiati a riprogettare i circuiti stampati per ridurre il numero di componenti interessati richiesti. Sony ha recentemente rilasciato una PS5 leggermente modificata , ad esempio.

"Consideriamo quale cliente si trova ad affrontare la situazione più grave, come il rischio che lintera linea di produzione si fermi o che lattività venga cancellata senza la fornitura di chip", ha affermato Kamebuchi.

"I produttori di console di gioco sono tra i clienti che fanno le richieste più forti e sono sinceramente dispiaciuto per la loro frustrazione poiché nessuno di loro ha una soddisfazione al 100%".

Scritto da Rik Henderson.