Pocket-lint è supportato dai suoi lettori. Quando acquisti tramite i link sul nostro sito, potremmo guadagnare una commissione di affiliazione. Scopri di più

Questa pagina è stata tradotta utilizzando l'intelligenza artificiale e l'apprendimento automatico prima di essere revisionata da un redattore umano nella vostra lingua madre.

(Pocket-lint) - Sembra che Valve abbia silenziosamente ridotto la memoria interna di alcuni modelli di Steam Deck. Recentemente abbiamo scritto che l'azienda ha detto ai possessori di Steam Deck di non aggiornare le loro SSD con modelli più grandi (più lunghi), ma Valve stessa ha apportato delle modifiche.

Valve ha potenzialmente declassato in modo silenzioso le unità SSD su entrambi i modelli Steam Deck da 256 GB e 512 GB. Passando dalle unità SSD PCI express 3.0 x4 alle unità SSD x2. Ciò significa che le unità utilizzano la metà del numero di corsie PCIe e quindi hanno potenzialmente il 50% in meno di larghezza di banda.

Questo è riportato nella pagina delle specifiche ufficiali di Steam Deck, dove le specifiche dell'unità sono elencate come:

  • 256 GB di unità SSD NVMe (PCIe Gen 3 x4 o PCIe Gen 3 x2*)
  • 512 GB SSD NVMe ad alta velocità (PCIe Gen 3 x4 o PCIe Gen 3 x2*)

L'asterisco conduce a una nota che suggerisce che Valve ritiene che non ci saranno problemi evidenti per i giocatori:

"Alcuni modelli da 256 GB e 512 GB vengono forniti con un'unità SSD PCIe Gen 3 x2. Nei nostri test non abbiamo riscontrato alcun impatto sulle prestazioni di gioco tra x2 e x4".

Come riporta PC Gamer, un controllo su Wayback Machine mostra che la stessa pagina mostrava che entrambi questi modelli funzionavano con un'impostazione x4 NVMe all'inizio di quest'anno. Valve ha chiarito che i test hanno dimostrato che non ci sono problemi di prestazioni di gioco. Ma se avete preordinato uno Steam Deck e vi aspettavate un PCIe Gen 3 x4 NVMe, potreste rimanere delusi.

Consigliamo comunque di acquistare una buona scheda microSD da abbinare alla Steam Deck, perché la memoria interna si riempirà presto.

Scritto da Adrian Willings.