Pocket-lint è supportato dai suoi lettori. Quando acquisti tramite link sul nostro sito, potremmo guadagnare una commissione di affiliazione. Scopri di più

Questa pagina è stata tradotta utilizzando l'intelligenza artificiale e l'apprendimento automatico.

(Pocket-lint) - Negli ultimi anni abbiamo goduto di molti concetti stravaganti di Razer e il 2022 non sarà diverso.

Razer è al CES 2022 per rivelare la sua visione per il futuro del gioco sotto forma di Project Sophia, un concept gaming desk con un design modulare.

L'idea qui è abbastanza semplice. Negli ultimi due anni, le persone hanno cercato di adattarsi alla vita sia lavorativa che di gioco da casa. È difficile trovare uno spazio adatto che soddisfi le esigenze di produttività durante il giorno e di gioco, streaming o creazione di contenuti di notte. Con una configurazione modulare che potrebbe essere impostata per cambiare.

Il progetto Sophia è stato creato per essere adattabile, con un design modulare in modo da poter cambiare facilmente la configurazione della scrivania durante il giorno. Cambiare layout a seconda di cosa stai facendo.

Il concept di Project Sophia prevede attualmente una scrivania altamente personalizzabile, con ben 13 moduli differenti. Questi moduli possono essere utilizzati per configurare la scrivania in diverse modalità. Sia che tu abbia bisogno di accedere a schermi secondari, mixer audio, tavolette con penna o persino strumenti di monitoraggio del sistema.

Richard Hashim, VP of Growth di Razer, ha spiegato la logica del concetto:

"Il progetto Sophia è la nostra visione futuristica di un gioco multiuso e una configurazione di workstation che soddisfa le esigenze molto diverse di una varietà di usi del PC, annullando la necessità di spostarsi tra le aree di lavoro. Il sistema modulare hot-swap consente agli utenti di riconfigurare rapidamente la loro scrivania con una flessibilità quasi infinita, adattando Project Sophia non solo al compito da svolgere, ma anche alle preferenze particolari dell'utente.Questo è il futuro della battlestation.

Il concetto include un PCB personalizzato con le ultime offerte di CPU e GPU di Intel e Nvidia. Si aggancia alla parte inferiore della scrivania, facilitando l'aggiornamento in futuro.

I diversi moduli sono impostati per includere ogni sorta di cose, dai digitalizzatori touchscreen, tablet e strumenti di input creativi per i creativi a cose come l'audio ad alta fedeltà per i giocatori. Moduli tasti di scelta rapida, caricabatterie wireless e persino uno scaldatazze sono altre opzioni possibili.

Naturalmente, la scrivania è rivestita con LED compatibili con Razer Chroma, ma è anche dotata di un enorme schermo OLED da 65 pollici.

Naturalmente, è solo un concetto in questa fase, ma sicuramente un design curioso per il futuro dei giochi.

Scritto da Mike Lowe e Adrian Willings.