Pocket-lint è supportato dai suoi lettori. Quando acquisti tramite i link sul nostro sito, potremmo guadagnare una commissione di affiliazione. Scopri di più

Questa pagina è stata tradotta utilizzando l'intelligenza artificiale e l'apprendimento automatico prima di essere revisionata da un redattore umano nella vostra lingua madre.

(Pocket-lint) - Rode ha presentato il Rodecaster Pro 2, che a suo dire rappresenta una "rivoluzione" rispetto al Rodecaster Pro originale. Si tratta di una console di produzione audio integrata progettata per creatori di contenuti, streamer, podcast, musicisti e altro ancora.

Le sue caratteristiche dimostrano chiaramente che si tratta di un dispositivo che canta e balla in continuazione e che può essere utilizzato per qualsiasi tipo di scopo. Un pacchetto ben congegnato, ricco di funzionalità e di promesse, per elevare il livello di qualità della produzione.

-

Come si può vedere dalle immagini, il Rodecaster Pro 2 offre nove canali diversi, con sei fader hardware, tre fader virtuali e ingressi multipli per diversi dispositivi, tra cui microfoni XLR, chitarre, PC da gioco e altro ancora. È possibile indirizzare ogni tipo di audio nel mix, compresi dispositivi Bluetooth, connessioni da 3,5 mm, smartphone e altro ancora, per poi controllare l'audio di ciascuna sorgente separatamente.

Rode dichiara di aver aggiornato il Rodecaster Pro 2 in numerosi modi, il più importante dei quali è un preamplificatore potenziato, di qualità leader nel settore, che offre un segnale pulito con un guadagno di preamplificazione maggiore rispetto al Rodecaster Pro originale. Funzionerà quindi con un maggior numero di microfoni, anche quelli che richiedono guadagno come lo Shure SM7B.

È stato progettato per essere facile da usare, con un assistente di configurazione intelligente che vi aiuterà a ottenere un suono eccellente fin dall'inizio, ma anche con la possibilità di modificare ogni tipo di impostazione per migliorare ulteriormente il vostro suono. All'interno è presente un motore audio quad-core da 1,5 Ghz, in grado di gestire l'elaborazione di più elementi contemporaneamente e di garantire un rumore bassissimo per migliorare la qualità dell'audio.

Il Rodecaster Pro 2 funziona con diversi microfoni e ne ha preimpostati diversi (ad es. Rode PodMic, Procaster, NT1), in modo da poter passare immediatamente al microfono che si sta utilizzando per ottenere un suono eccellente. Ci sono anche varie manopole per l'elaborazione e gli effetti che sono pre-programmati e possono essere facilmente applicati. Come ci si aspetta, queste impostazioni avanzate includono compressore, de-esser, noise gate, filtri passa-alto, impostazioni di equalizzazione, eccitatore e altro ancora.

Per la messa a punto del suono, l'elaborazione audio di Aphex include impostazioni per Aural Exciter, Big Bottom, Compeller, Noise Gate, filtro passa-alto, equalizzatore e numerosi effetti. A livello hardware, ci sono pulsanti speciali chiamati smart pad che possono essere programmati per ogni sorta di cose, tra cui pagine di effetti sonori, impostazioni di ducking, campionamento live dell'audio e molto altro ancora.

Una caratteristica che salta all'occhio è l'opzione di back channelling che consente agli utenti di parlare tra loro senza essere presenti nella registrazione o nel live stream per gestire la produzione mentre avviene.

Altre caratteristiche salienti sono la possibilità di registrare direttamente su MicroSD o SSD via USB e di registrare o trasmettere su PC. Ci sono anche utili "impostazioni di spettacolo" per chi crea diversi tipi di contenuti. Quindi, se fate streaming, giocate, fate un podcast, fate musica, tutto dallo stesso dispositivo, ma utilizzate impostazioni diverse per ciascuno di essi, potete farlo e impostare diverse "impostazioni di visualizzazione" per ciascuno di essi e passare facilmente da uno all'altro.

Il Rodecaster Pro 2 sembra il sogno di ogni creatore di contenuti e anche un dispositivo incredibilmente utile. È già disponibile per il pre-ordine presso Rode e costerà 699 dollari USA, con spedizione a giugno.

Scritto da Adrian Willings.