Pocket-lint è supportato dai suoi lettori. Quando acquisti tramite link sul nostro sito, potremmo guadagnare una commissione di affiliazione. Scopri di più

Questa pagina è stata tradotta utilizzando l'intelligenza artificiale e l'apprendimento automatico.

(Pocket-lint) - Il nuovo "Space Charger" di Motorola può fornire cinque watt di potenza a un massimo di quattro dispositivi fino a tre metri di distanza, afferma la società in un nuovo post pubblicato sul sito di social media cinese Weibo .

Il cosiddetto Space Charger non sembra ottenere un lancio per i consumatori in qualunque momento presto, poiché la vera tecnologia di ricarica wireless via etere è ancora lontana da cinque a dieci anni dal consumo tradizionale, tuttavia, la dimostrazione è comunque altamente impressionante e indicativa di ciò che accadrà nel prossimo futuro.

La macchina sembra quasi indistinguibile da qualsiasi router comune, ma invece di trasmettere il Wi-Fi, utilizza 1.600 antenne per trasmettere cinque watt di potenza di ricarica a dispositivi compatibili con un angolo di 100 gradi.

Presumibilmente, lutilizzo sarà inizialmente rivolto agli smartphone, almeno per ora, a causa della bassa potenza in uscita. Ad esempio, una macchina come il MacBook Pro da 16 pollici richiede un mattone di ricarica da 96 W.

Per ulteriore riferimento, il mattone iPhone standard e più popolare che tutti hanno imparato a conoscere e utilizzare negli ultimi dieci anni è un caricabatterie da 5 W, tuttavia, sin dalla serie iPhone 11 Pro , Apple ha finalmente fatto il salto fino a 18 W e poi successivamente 20 W sul rilascio della gamma iPhone 12 .

Quindi, naturalmente, anche se una devoluzione a 5 W sembra che sarebbe piuttosto linconveniente, se ci fosse uno di questi Space Charger nella tua casa, in ogni bar, centro commerciale e cinema, il tuo telefono probabilmente non si esaurirebbe mai più. Un futuro del genere dovrebbe sicuramente arrivare nei prossimi due decenni o giù di lì.

Guarda il video promozionale di Motorola per lintrigante Space Charger proprio qui.

Scritto da Alex Allegro.