Pocket-lint è supportato dai suoi lettori. Quando acquisti tramite i link sul nostro sito, potremmo guadagnare una commissione di affiliazione. Scopri di più

Recensione di Wahoo Powrlink Zero: Potenza su due lati basata sui pedali

, Collaboratore · ·
Revisione Una valutazione o critica di un servizio, prodotto o sforzo creativo come l'arte, la letteratura o una performance.

(Pocket-lint) - Il ciclismo è un'attività facile e gratificante da praticare. Con un po' di impegno e una bicicletta abbastanza rudimentale, chiunque può iniziare a pedalare e a macinare chilometri. La maggior parte di noi impara ad andare in bicicletta da bambino e continua a pedalare, che sia per spostarsi, per fare il pendolare o per il tempo libero.

Ma per alcuni il virus della bicicletta è più forte e la competitività inizia a farsi sentire. Se si vuole solo andare un po' più lontano o più veloce, esistono piani di allenamento di base che si possono seguire senza ulteriori spese. Ma se volete seriamente ridurre di qualche secondo i vostri record personali o migliorare i vostri risultati in gara, allora avrete bisogno dell'aiuto della tecnologia.

Ci sono due modi principali per andare più veloci in bicicletta: ridurre la resistenza del vento attraverso biciclette, ruote, caschi e abbigliamento aerodinamici, oppure aumentare la potenza che si spinge sui pedali.

Wahoo ha presentato la sua prima incursione nel mercato dei misuratori di potenza, il Powrlink Zero. Wahoo ha acquistato Speedplay - che progetta e produce un tipo di pedale clipless - nel 2019 e subito i fan di entrambi i marchi si sono chiesti quando sarebbe uscito un misuratore di potenza. Due anni e mezzo dopo sono finalmente arrivati sul mercato. La domanda è: come si comportano rispetto alla concorrenza?

Il nostro parere veloce

L'ingresso di Wahoo nel mercato dei misuratori di potenza a pedale con il Powrlink Zero era atteso da tempo e il risultato è un prodotto eccellente che farà la gioia degli utenti dei pedali Speedplay che desiderano una versione di potenza. La precisione, l'affidabilità e la durata sono eccellenti e la semplice presentazione dei dati di Wahoo mantiene l'attenzione sulle prestazioni.

Gli utenti di altri tipi di pedali dovranno essere consapevoli del fatto che, passando ai pedali Speedplay, potrebbero avere qualche problema iniziale e che le tacchette Speedplay significano che, proprio come dice Wahoo nel suo marketing, i Powrlink Zero sono davvero da tenere solo per l'uso su strada.

Non si può negare che siano costosi e, sebbene siano più economici dei pedali Rally di Garmin, non offrono la flessibilità di poter passare da un tipo di pedale all'altro o di poterli portare fuori strada.

4.5 stars - Pocket-lint recommended
Pro
  • Preciso entro il +/-1%
  • Batteria ricaricabile
  • Connettività affidabile
  • Semplice impostazione tramite l'app Wahoo
  • Facile da scambiare tra le biciclette
Contro
  • Disponibile solo nel modello Speedplay
  • La regolazione dei tacchetti può essere complicata
  • Sono innegabilmente costosi
Show squirrel Widget

We check 1,000s of prices on 1,000s of retailers to get you the lowest new price we can find. Pocket-lint may get a commission from these offers. Read more here.

Cosa contiene la confezione?

I pedali Powrlink Zero di Wahoo vengono forniti con un paio di tacchetti Speedplay e un cavo da USB a USB-C. Prima le cose facili: i pedali sono basati sugli eccellenti Speedplay Zero. Sono semplici da montare, idealmente utilizzando un misuratore di coppia, ma non è essenziale.

Il cavo di ricarica USB (che viene fornito senza spina) si divide in un cavo USB-C a due estremità. Questi si collegano alla base di ricarica a clip, che si aggancia alla pedaliera: facile.

Pocket-lint

Ora arriva la parte difficile per chi non è abituato a usare i pedali Speedplay, come noi. Se si dispone di scarpe da ciclismo a 4 bulloni specifiche per l'uso con i pedali Speedplay, il compito di configurarle sarà molto più semplice, ma se si dispone delle più comuni scarpe a 3 bulloni, sarà necessario utilizzare gli spessori in plastica inclusi per livellare la parte inferiore della scarpa, una piastra di base per convertirla in un attacco a 4 bulloni, il fissaggio della tacchetta stessa e una copertura per poter camminare sulla tacchetta.

Fortunatamente, Wahoo fornisce un utile video per guidare l'utente attraverso il processo, ma è comunque un po' complicato configurare il tutto correttamente. Quella che era iniziata come una rapida installazione di 10 minuti si è trasformata in un esercizio di 45 minuti con la necessità di alcune piccole regolazioni e prove per far funzionare tutto.

Pocket-lint

È stato sufficiente per trasformare il nostro umore da entusiasta a leggermente frustrato, quindi vale la pena di mettere da parte un po' di tempo per la corretta configurazione se non si è abituati ai pedali Speedplay e ricordarsi che si potrebbe non essere in grado di pedalare così rapidamente come si farebbe con altri pedali.

I pedali Speedplay

Anche se non stiamo recensendo il sistema di pedali Speedplay in sé, non possiamo recensire il misuratore di potenza di Wahoo senza almeno parlarne. Abbiamo dovuto imparare e affinare la tecnica per agganciarli, che consiste nell'individuare il pedale nella tacchetta e nel premere con forza con una leggera rotazione: una volta acquisita questa tecnica, diventa naturale, ma all'inizio può essere un po' difficile da padroneggiare.

L'uscita, invece, è molto più prevedibile e facile: basta una semplice rotazione del piede per sbloccare il meccanismo. Il sistema di pedali Speedplay ci è piaciuto molto una volta che ci siamo abituati.

Pocket-lint

Il collegamento tra il pedale e la tacchetta ci è sembrato solido durante gli sforzi più intensi e ci è piaciuto il fatto che il galleggiamento (regolabile da 0 a 15 gradi) permettesse una certa quantità di movimenti naturali, dato che i pedali Speedplay non si ricentrano automaticamente come fanno la maggior parte degli altri sistemi.

In curva c'era molto spazio e non ci siamo mai preoccupati di incastrare un pedale, cosa che invece ci preoccupa sempre con altri sistemi. C'è però un problema di cui soffrono i pedali Speedplay: lo sporco è come la kriptonite per loro.

Wahoo dice espressamente che sono adatti solo per l'uso su bicicletta da strada, e per una buona ragione. Nonostante i pedali si siano dimostrati molto robusti durante il test e abbiamo avuto pochi dubbi sul fatto che potessero resistere a qualsiasi cosa gli venisse lanciata contro, lo stesso non si può dire per il sistema di tacchette. Se si mette il piede nel fango, come ci è capitato in un'occasione, ci si ritrova a pulire la tacchetta sul ciglio della strada prima di poterla riagganciare.

Potenza

Abbiamo testato lo Speedplay Powrlink Zero con il bike computer Wahoo Elemnt Bolt, l'orologio Rival e un orologio Garmin. Tutti si sono collegati senza problemi e hanno fornito letture chiare della potenza, consentendoci di intraprendere sessioni di allenamento in base alla potenza, di mantenere una potenza costante durante le prove a tempo e di misurare i nostri sforzi in gara.

Abbiamo anche scoperto che leggevano e trasmettevano la nostra cadenza in modo impeccabile. Quando abbiamo collegato la nostra bicicletta all'allenatore Kickr di Wahoo, abbiamo scoperto che le misurazioni della potenza si sono allineate l'una all'altra con una notevole coerenza, indicando che la loro precisione è pari al +/-1% dichiarato.

Pocket-lint

Dopo la corsa, l'app di Wahoo presenta e interpreta i dati sulla potenza in vari modi utili. Per i pedali Powrlink a doppio lato, in prova qui, Wahoo riporta il bilanciamento della potenza da ciascun lato. Se l'equilibrio è perfetto, viene riportata una ripartizione 50:50; l'identificazione di eventuali squilibri potenziali consente di apportare modifiche che dovrebbero aumentare la potenza complessiva o, in alcune circostanze, ridurre il rischio di lesioni.

Inoltre, l'app Wahoo calcola il Punteggio di stress da allenamento, il Fattore di intensità, la Potenza normalizzata e l'Indice di variabilità per la corsa, consentendo di comprendere meglio l'impatto delle sessioni di allenamento individuali e cumulative.

Pocket-lint

Fornisce inoltre una curva di potenza, che mostra il tempo massimo trascorso a una determinata potenza e informazioni sulla quantità di tempo trascorsa in ciascuna zona di potenza, in base alla potenza di soglia funzionale (FTP). Ciò che non troverete è l'analisi dettagliata della potenza che Garmin produce per i pedaliVector 3 e Rally a doppia faccia.

Ci sono due scuole di pensiero: dal punto di vista di Garmin, che è in grado di mettere questi dati a disposizione degli utenti in modo che possano utilizzarli come preferiscono, e dal punto di vista di Wahoo, che ritiene che i dati non abbiano alcun valore significativo e quindi non investe nella loro presentazione. Ognuno avrà la propria opinione in merito, ma quando abbiamo testato Powrlink Zero non abbiamo sentito la necessità di andare alla ricerca di più dati di quelli forniti da Wahoo, né pensiamo che ne sentiremmo la mancanza in futuro.

Per ricapitolare

Wahoo ha fatto centro con il suo primo misuratore di potenza a pedale. A parte il fatto che si tratta di pedali Speedplay, il che significa che molti dovranno passare dalla loro attuale configurazione di pedali a questi, il Powrlink Zero è un prodotto completo, che fornisce letture accurate, connettività affidabile e durata.

Scritto da Jon Hicks. Modifica di Chris Hall.
1