Pocket-lint è supportato dai suoi lettori. Quando acquisti tramite i link sul nostro sito, potremmo guadagnare una commissione di affiliazione. Scopri di più

Questa pagina è stata tradotta utilizzando l'intelligenza artificiale e l'apprendimento automatico prima di essere revisionata da un redattore umano nella vostra lingua madre.

(Pocket-lint) - Dall'avvento del Bluetooth stabile ea bassa latenza abbiamo visto molteplici fattori di forma quando si tratta di cuffie e, in particolare, di auricolari. Ci sono stati collarini e auricolari true wireless di tutte le forme e dimensioni. Tuttavia, condividono tutti qualcosa in comune: sono progettati per bloccare il mondo esterno per presentare il miglior isolamento con cui ascoltare la tua musica.

Non così le Sony LinkBuds. Questi sono progettati principalmente per far entrare i rumori esterni; affinché chi lo indossa sia costantemente consapevole di ciò che lo circonda. Sono auricolari con cancellazione del rumore (ANC) anti-attivo, se lo desideri, offrendo il contrario ad altri sul mercato, come gli auricolari Sony WF-1000XM4 , lasciando un foro dove un bocciolo tradizionale si collegherebbe all'orecchio.

Oltre l'iniziale "eh?" reazione ci siamo affezionati all'idea di LinkBuds. Infatti, dopo averli testati per un periodo, ci siamo trovati addirittura affezionati al concept.

Il nostro parere veloce

Non c'è dubbio che i Sony LinkBuds siano un po' strani - auricolari progettati per far entrare i suoni del mondo esterno - e si riveleranno senza dubbio un prodotto di nicchia, ma dopo averli testati in diverse circostanze capiamo da dove viene il produttore.

Sì, altri auricolari true wireless spesso offrono la possibilità di rendere l'esperienza sonora trasparente, ovvero di far entrare il rumore ambientale, ma non abbiamo mai trovato comodo avere una conversazione con loro ancora nelle nostre orecchie. In effetti, comfort è la parola d'ordine in quanto le LinkBud sono facilmente tra le più piacevoli da indossare che abbiamo provato.

In effetti, abbiamo dimenticato che a volte erano dentro, dopo averli indossati durante la registrazione di un lungo podcast. Ed è proprio questo il loro punto: pensati per essere indossati anche quando non sono impegnati, per essere sempre disponibili in quel momento in cui fai una videochiamata o vuoi ascoltare musica mentre lavori o ti alleni. E, in questo, hanno perfettamente senso, con prestazioni e funzionalità abbinate.

Non aspettarti che corrispondano a quelle prestazioni durante il pendolarismo o il viaggio, soprattutto se prevedi di recuperare il ritardo su uno spettacolo Netflix durante. Se è così, stai molto meglio con gli auricolari convenzionali e i modelli dotati di ANC.

Recensione Sony LinkBuds: un diverso tipo di auricolari per una nuova generazione

Recensione Sony LinkBuds: un diverso tipo di auricolari per una nuova generazione

4.0 stelle
Pro
  • Interessante nuovo concetto
  • Estremamente leggero e confortevole
  • La riproduzione musicale è decente
  • Ricca di funzioni interessanti tra cui il controllo del volume adattivo
  • Ottimo per le videochiamate
Contro
  • Il design del driver ad anello aperto significa che il mondo esterno è sempre udibile
  • Fatica a sentire i dialoghi video in un ambiente rumoroso

squirrel_widget_6583700

Design e comfort

  • Peso: 4,1 g per auricolare, custodia da 34 g
  • 5 supporti adatti in scatola
  • Certificato IPX4

In parte il motivo è che sembrano perfettamente adatte alla nuova forma di lavoro in cui molti di noi si sono trovati.

Pocket-lintSony LinkBuds recensione foto 7

Le LinkBud sono estremamente leggere e comode nell'orecchio, quindi possono essere indossate per lunghi periodi. Puoi semplicemente lasciarli nelle orecchie mentre svolgi le tue attività quotidiane, il che è l'ideale per il lavoro ibrido o da casa, la corsa o qualsiasi altra attività in cui hai bisogno di ascoltare il mondo che ti circonda.

Il comfort deriva dal fatto che non hanno un copriauricolare come le gemme convenzionali. L'audio viene fornito tramite un design del driver aperto, con piccoli fori attorno a un anello che proiettano il suono nell'orecchio semplicemente essendo posizionato nel lobo interno. Un piccolo "supporto aderente" in silicone si annida nella parte superiore dell'orecchio per trattenere ogni gemma, ma è così invadente.

Nella confezione sono presenti più dimensioni dei sostenitori, quindi puoi tagliare e cambiare per trovare la migliore che fa per te. Abbiamo scoperto che una combinazione di due taglie (una diversa per ogni orecchio) funzionava meglio per noi. Significava che i LinkBud rimanevano nelle nostre orecchie in ogni momento, anche quando si cammina, si fa jogging leggero o anche se si scuote rapidamente la testa (non è uno sport, ma è sempre un buon test).

Ogni auricolare pesa solo una frazione di oltre 4 grammi, quindi a malapena ti accorgi che sono dentro. Sono anche realizzati in plastica opaca derivata da vecchie parti di automobili (molto più comodi di quanto possa suggerire quella descrizione), quindi sono tanto rispettosi dell'ambiente quanto pratici . Entrambi sono classificati IPX4 per impermeabilità all'acqua, al sudore e alla polvere.\

Pocket-lintSony LinkBuds recensione foto 10

Oltre al driver ad anello aperto, ogni LinkBud sfoggia un sensore di usura e un punto di ricarica della batteria. La custodia di ricarica è ugualmente piccola e ordinata - considerevolmente più piccola della maggior parte che abbiamo visto fino ad oggi - e anche realizzata con gli stessi materiali riciclati.

Configurazione, controlli e funzionalità

  • Abilitato per Spotify Tap
  • Controllo del volume adattivo
  • Google Fast Pair, supporto per Microsoft Swift Pair
  • Google Assistant, Amazon Alexa tramite parole sveglia
  • Funziona con l'app Sony Headphones per iOS e Android

Come con le altre cuffie true wireless di Sony, configurare le LinkBuds è semplice.

Supportano le tecnologie Fast Pair di Google e Swift Pair di Microsoft, per accoppiarsi facilmente rispettivamente a dispositivi Android e PC Windows. Non abbiamo avuto problemi a riconoscerli anche su un iPhone 13 Pro Max .

Pocket-lintSony LinkBuds recensione foto 13

L'app Sony Headphones si occupa quindi del duro lavoro, prima analizzando la forma dell'orecchio e ottimizzando l'esperienza per 360 tracce Reality Audio fornite da diversi fornitori.

L'app aggiorna anche il firmware, se necessario, e presenta diverse funzionalità, tra cui un equalizzatore (EQ), la possibilità di cambiare la connessione Bluetooth tra la priorità di stabilità o qualità del suono. C'è anche uno slider per DSEE, la tecnologia di upscaling proprietaria di Sony che migliora il suono delle tracce con bitrate inferiori. Alcuni potrebbero preferire un audio più pulito e intatto, ma dobbiamo dire che DSEE migliora l'output per noi.

Altre opzioni nell'app includono il controllo del volume adattivo. Sebbene non vi sia alcuna cancellazione adattiva o attiva del rumore, se attivi il controllo automatico del volume, il volume aumenterà e si abbasserà a seconda del rumore ambientale intorno a te. La musica diventa molto più forte se sei su un treno affollato o in un'atrio, ad esempio, per poi attenuarsi di nuovo quando il mondo esterno è più tranquillo.

Puoi anche attivare il "tocco dell'ampia area", che ti consentirà di toccare la guancia vicino a ciascun bocciolo (piuttosto che al bocciolo stesso) per attivare diversi controlli impostati dall'utente. Altrimenti, sono così piccoli che possono diventare piuttosto complicati.

Un'ultima caratteristica da menzionare è "parla per chattare". Questo metterà in pausa la riproduzione di musica o audio quando parli. Ricomincia al termine della conversazione. Ancora una volta, questo può essere attivato o disattivato.

Pocket-lintSony LinkBuds recensione foto 5

Come accennato in precedenza, i LinkBud hanno un sensore di usura che interromperà la riproduzione quando li rimuoverai. Spesso scopriamo con gli auricolari che è meglio disattivare questa funzionalità, poiché il movimento può spostarli leggermente nelle nostre orecchie e sperimentiamo la balbuzie. Lo stesso vale qui. Potrebbe non essere così per tutti poiché dipende principalmente dalla forma dell'orecchio, ma è comunque bene avere l'opzione.

Google Assistant e Alexa sono supportati tramite le rispettive parole di attivazione, con Siri disponibile anche se assegnato a un tocco e anche le gemme sono abilitate per Spotify Tap.

Prestazioni audio e batteria

  • Durata della batteria: 5,5 ore negli auricolari, 12 ore in più nella custodia di ricarica
  • Ricarica rapida: 10 minuti di ricarica per 1 ora di riproduzione
  • Driver ad anello aperto da 12 mm
  • Processore integrato Sony V1
  • DSEE (Digital Sound Enhancement Engine)

Poiché la custodia di ricarica è più compatta della maggior parte, viene fornita con una batteria più piccola. Gli auricolari supportano fino a 5,5 ore di utilizzo dichiarate con altre 12 ore nella custodia. Abbiamo caricato completamente la custodia solo una volta durante i test e i tempi della batteria del produttore, in base alla nostra settimana di utilizzo on-off, sembrano probabili.

Pocket-lintSony LinkBuds recensione foto 4

Tuttavia, le prestazioni audio saranno probabilmente più divise.

Ogni gemma incorpora un driver ad anello aperto da 12 mm che fornisce una riproduzione musicale molto decente quando il mondo esterno è in gran parte silenzioso. In effetti, grazie al design e alla mancanza di elaborazione ANC, diremmo che le LinkBuds forniscono un bel tono alle tracce a volumi medio-alti. Dopotutto, le cuffie con il retro aperto sono state spesso preferite dagli audiofili.

La versione acustica di Stand By Me di Liam Gallagher offre spaziatura e chiarezza decenti, mentre le note più basse di For Sure di Future Island risuonano nei tuoi canali uditivi come dovrebbero. Forse ancora più impressionante, ogni respiro della performance vocale di Billie Eilish in No Time To Die è chiaro e preciso.

Quando le cose si fanno un po' traballanti è quando stai cercando di guardare video su un dispositivo mobile quando sei in viaggio.

Abbiamo testato gli auricolari sul retro di una lunga corsa in taxi e su un treno della metropolitana di Londra e, anche ad alto volume, abbiamo faticato a sentire il dialogo sul ronzio del traffico o sui binari del treno. La musica ha funzionato bene - non così come gli equivalenti ANC, ma suonava abbastanza bene - sono state solo le sottigliezze che sono diventate un po' oscure, che hanno influenzato di più la visione dei video.

Pocket-lintSony LinkBuds recensione foto 9

Il lavoro a domicilio è un'altra cosa, ovviamente. È improbabile che tu abbia un treno della metropolitana della Northern Line che sferraglia nello spazio del tuo ufficio a casa. E così, per le conversazioni Zoom, abbiamo trovato i LinkBud perfetti. I microfoni sono supportati anche da alcuni intelligenti algoritmi di intelligenza artificiale, quindi la tua voce è cristallina.

È importante sentire suonare il campanello, i bambini che urlano e qualsiasi altra distrazione domestica con cui devi impegnarti. Questo è forse il punto in cui i LinkBud brillano di più e ciò che alla fine ci ha convinto del loro valore.

squirrel_widget_6583700

Per ricapitolare

Una stranezza nel mondo degli auricolari, i LinkBud sono progettati specificamente per far entrare il mondo esterno mentre ascolti musica o fai una videochiamata. E per questo, sono perfettamente adatti, essendo dotati di un design del driver ad anello aperto che evita che qualsiasi cosa entri effettivamente nel condotto uditivo. Con questo in mente, le prestazioni sonore sono sorprendentemente buone e il comfort non ha eguali. Non aspettarti di poter guardare video sul tuo telefonino su un treno pieno.

Scritto da Rik Henderson.