Pocket-lint è supportato dai suoi lettori. Quando acquisti tramite i link sul nostro sito, potremmo guadagnare una commissione di affiliazione. Scopri di più

Questa pagina è stata tradotta utilizzando l'intelligenza artificiale e l'apprendimento automatico prima di essere revisionata da un redattore umano nella vostra lingua madre.

(Pocket-lint) - Sono molte le cose che vengono in mente quando si vedono per la prima volta le Dyson Zone, le cuffie a cancellazione del rumore e a purificazione dell'aria dell'azienda.

Il concetto sembra ridicolo. Sembra anche folle. Ma questa è solo la prospettiva iniziale. È davvero futuristico e sensato - persino inevitabile?

Abbiamo provato un prototipo a porte chiuse presso la sede centrale di Dyson a Malmesbury per scoprire com'è realmente la Zona e se pensiamo che possa prendere piede.

Il nostro parere veloce

Sorprendentemente, la Zona non è così assurda come pensavamo quando abbiamo visto per la prima volta il comunicato e le immagini che lo accompagnavano.

Allora immaginavamo che i getti d'aria sparassero sul viso come se ci si trovasse di fronte a una delle asciugatrici dell'azienda. Tuttavia, l'effetto complessivo è molto più sottile di così e pensiamo che verrà perfezionato nel tempo se l'interesse sarà sufficiente.

Dopotutto, siamo ancora nella fase di prototipo e non sono ancora stati annunciati né il prezzo né la data di uscita.

Quindi, anche se non sarà certamente adatto a tutti, possiamo sicuramente immaginare che alcuni nelle aree urbane indossino lo Zone per combattere l'inquinamento.

Anteprima di Dyson Zone: Proviamo le stravaganti cuffie per la purificazione dell'aria

Anteprima di Dyson Zone: Proviamo le stravaganti cuffie per la purificazione dell'aria

Pro
  • Purifica l'aria che respirate
  • Cancellazione attiva del rumore
  • Monitoraggio dell'aria circostante
  • Visiera staccabile
  • Filtri sostituibili
Contro
  • Design ingombrante
  • Pesante da indossare
  • Richiede molta sicurezza

Un design polarizzante

Le cuffie Dyson Zone seguono il design standard di un paio di cuffie, come ci si potrebbe aspettare.

Ci sono due padiglioni molto grandi, un archetto ben imbottito che nasconde la batteria all'interno dei suoi cuscinetti e vari pulsanti sensibili al tocco per controllare le opzioni ANC.

Pocket-lintFoto in anteprima di Dyson Zone 1

È nel momento in cui si collega magneticamente il paradenti alle cuffie che le cose iniziano a farsi più interessanti.

Questa visiera, che si trova a pochi centimetri dal viso, cattura l'aria pompata attraverso due motori nascosti nei padiglioni auricolari che consentono di respirare aria pulita. I motori, che sono versioni miniaturizzate di quelli presenti negli aspirapolvere dell'azienda, si trovano dietro due filtri e purificano l'aria quando viene aspirata nel sistema.

In teoria, è tutto molto semplice. Tuttavia, ci sono voluti più di cinque anni per svilupparlo, con oltre 500 prototipi che hanno portato a quello che abbiamo testato. Il design in sé, anche senza la visiera, è molto interessante. Poiché ospitano i driver dei diffusori, oltre a motori e filtri, i padiglioni sporgono parecchio dal lato della testa.

Si tratta di un paio di cuffie di grandi dimensioni che, una volta inserite nella custodia, meritano una borsa tutta per sé. Non si tratta quindi di un paio di cuffie da infilare nel normale zaino.

Pocket-lintDyson Zone foto in anteprima 6

Non si tratta solo dell'aspetto: tutte le parti e le batterie pesano rapidamente. Dato il compito, Dyson ha fatto del suo meglio, ma lo Zone non è affatto leggero. E anche se l'archetto imbottito aiuta molto, diremmo che sono ancora più pesanti degli Apple AirPods Max e certamente più pesanti dei Sony WH-1000XM4.

Dyson non ha ancora comunicato il peso ufficiale. Si tratta di un prototipo, dopotutto, e quindi è ancora soggetto a modifiche. In effetti, è notevolmente diverso dalle foto ufficiali rilasciate alla stampa a marzo.

Indossare il Dyson Zone

Nonostante l'aspetto e il peso, la vestibilità è incredibilmente comoda. È abbastanza stretto da creare una buona tenuta, ma non è eccessivamente compressivo. Una volta indossato, il visore si collega magneticamente ai padiglioni auricolari e può essere facilmente allontanato dal viso senza cadere, consentendo di parlare, mangiare o bere.

Naturalmente è ancora abbastanza grande da essere sempre presente, ma non è opprimente come ci aspettavamo. Non è nemmeno così scomodo come indossare una maschera facciale, anche perché non tocca mai il viso e si limita a sostare davanti ad esso.

Se la si mette in posizione, si attiva automaticamente anche il controllo attivo del rumore, riproducendo la musica se si sta ascoltando qualcosa mentre inizia la purificazione dell'aria. L'intero movimento è delicato. Non ci sono getti d'aria che vi fanno sentire come in una galleria del vento, ma noterete subito che c'è qualcosa di diverso.

Pocket-lintDyson Zone foto in anteprima 7

Abbiamo indossato il Dyson Zone solo per pochi minuti, principalmente per valutare la vestibilità e la sensazione al tatto, piuttosto che per testare le prestazioni. In questo senso, sarà interessante vedere come si comporta in un ambiente reale e non solo in una sala conferenze.

Per quanto riguarda l'audio, Dyson dichiara di aver optato per un suono neutro, anche se sarà possibile regolarlo tramite l'app Dyson Link quando verrà lanciato. Il brano che abbiamo ascoltato - Graceland di Paul Simon - suonava bene, ma non è stato assolutamente un modo esaustivo o definitivo per testare le prestazioni audio dello Zone.

L'ANC, che funziona tramite otto microfoni posizionati intorno alle cuffie, ha fatto un buon lavoro nel tagliare il rumore ambientale di chi parla nella stanza. Ciò significa che il fruscio dei motori non era così evidente come ci aspettavamo, soprattutto se il volume era alzato.

Anche in questo caso, la situazione potrebbe cambiare in meglio o in peggio con il continuo sviluppo di Dyson Zone. Tuttavia, come ci ha detto l'azienda, è consapevole del fatto che ci sono due motori rumorosi vicino alle orecchie e sta facendo tutto il possibile per contrastarlo.

Le specifiche di Dyson Zone di cui siamo a conoscenza

Senza specifiche ufficiali, molte cose potrebbero ancora cambiare. Tuttavia, una prova di 45 minuti con uno dei principali ingegneri Dyson coinvolti nel progetto ha permesso di colmare alcune lacune.

Ad esempio, ci saranno tre modalità di cancellazione attiva del rumore: On, Transparent e Conversation.

I filtri saranno inoltre sostituibili, con raccomandazioni diverse in base alla zona del pianeta in cui si vive. I clienti del Regno Unito, ad esempio, dovrebbero essere in grado di utilizzarlo per un anno prima di doverlo sostituire, ma è probabile che Dyson consigli agli utenti della Cina di cambiare i filtri più frequentemente e ai clienti dell'India ancora di più.

Pocket-lintAnteprima di Dyson Zone foto 9

L'applicazione di accompagnamento fornirà dati sull'inquinamento in tempo reale attraverso i sensori nei padiglioni auricolari, in modo che possiate vedere quanto la Zona sta funzionando per voi, e anche quale parte del vostro viaggio è più interessata.

L'azienda sta anche valutando la possibilità di utilizzare questo sistema di monitoraggio per inviare avvisi sull'inquinamento, dando la possibilità di indossare la visiera staccabile se non la si indossa già.

Sappiamo anche che sarà ricaricabile tramite USB-C, offrendo una funzione di ricarica che, secondo Dyson, renderà lo Zone rapidamente operativo. A questo punto, però, non sappiamo quanto velocemente si ricaricherà e quanto durerà la batteria.

Ma perché?

La domanda più pertinente che riguarda la Zone, ovviamente, è perché esista davvero. Dopo tutto, dopo che gli ultimi due anni sono stati dominati dalle maschere per il viso in tessuto, perché mai dovreste - o dovreste - mettervi in testa di indossare ancora una volta qualcosa davanti al viso.

La risposta, secondo Dyson, è l'inquinamento, soprattutto nelle aree urbane. Ben il 92% della popolazione mondiale vive in luoghi in cui i livelli di qualità dell'aria superano le linee guida dell'Organizzazione Mondiale della Sanità sulla qualità dell'aria ambiente.

Mentre la maggior parte del Regno Unito e degli Stati Uniti non si trova in questa zona di pericolo, luoghi come l'India, la Cina e l'Estremo Oriente lo sono certamente.

In termini reali, l'OMS ritiene che circa 3 milioni di morti all'anno siano legate all'esposizione all'inquinamento atmosferico esterno. L'inquinamento dell'aria interna può essere altrettanto letale. Nel 2012, l'OMS ha stimato che 6,5 milioni di decessi (l'11,6% di tutti i decessi globali) erano associati all'inquinamento atmosferico interno ed esterno.

L'idea, secondo Dyson, è che indossare un purificatore personale potrebbe essere la soluzione migliore fino a quando non riusciremo a risolvere il problema dell'inquinamento.

Prezzi

Le cuffie per la purificazione dell'aria Dyson Zone saranno disponibili online a partire dall'autunno 2022 e nei Dyson Demo Store.

I prezzi non sono ancora stati rivelati.

Per ricapitolare

Siamo ancora in una fase di prototipo, senza prezzo né data di uscita, ma possiamo certamente immaginare che la gente lo indossi se risolve il problema dell'inquinamento nelle aree urbane.

Scritto da Stuart Miles. Modifica di Rik Henderson.