Pocket-lint è supportato dai suoi lettori. Quando acquisti tramite link sul nostro sito, potremmo guadagnare una commissione di affiliazione. Scopri di più

Questa pagina è stata tradotta utilizzando l'intelligenza artificiale e l'apprendimento automatico.

(Pocket-lint) - Da quando è stato acquistato da Apple, Beats ha intrapreso una sorta di viaggio per ridefinirsi. In genere prende il meglio della tecnologia Apple e lo avvolge in un prodotto visivamente distinto dalle offerte della società madre.

Quando il vero mercato wireless è esploso dopo il lancio degli AirPods di Apple, ciò ha significato il lancio di Powerbeats Pro , un paio di "boccioli" di allenamento. Ma per il 2021, Beats voleva portare sul mercato qualcosa di conveniente come AirPods Pro ma con un aspetto molto diverso e senza il cartellino del prezzo. Saluta i Beats Studio Buds.

Design

  • Ogni gemma pesa 5 g
  • Impermeabilità IPX4
  • Colori: bianco, nero, rosso
  • Pulsante multiuso singolo su ciascun orecchio

Far parte dellazienda di Apple ha significato offrire qualcosa di diverso agli AirPods e – finora – è quello che Beats è riuscita a fare. Con Studio Buds, è quasi come se il team di progettazione avesse guardato gli AirPods e avesse deciso "non così". Ciò significa che non cè uno stelo che sporge dai tuoi anni, alla AirPods, mentre la forma dellinvolucro è enormemente diversa anche dagli auricolari del marchio Apple.

Pocket-lintBeats Studio Buds recensione foto 5

Invece, linvolucro rotondo compatto si curva in un pulsante a forma di pillola che si trova allesterno di Beats Studio Buds e funge anche da pulsante multifunzione. Facendo clic una volta si riproduce o mette in pausa la musica, mentre un doppio o triplo clic salta le tracce avanti o indietro e una pressione prolungata alterna tra le modalità di cancellazione del rumore attiva (ANC) e trasparenza (passthrough).

Entrambi i boccioli presentano lo stesso controllo, quindi è completamente ambidestro. Non devi ricordare quale auricolare fa cosa. Lunico aspetto negativo dellutilizzo di questo pulsante fisico rispetto a uno sensibile al tocco è che se lo si preme troppo saldamente si finisce per spingere lauricolare più in basso nel condotto uditivo, il che può essere un po scomodo. Per fortuna, non hanno bisogno di essere premuti con forza per attivarli.

Quello che abbiamo scoperto, tuttavia, è stato che gli Studio Buds erano migliori nel rimanere al sicuro nelle nostre orecchie rispetto agli AirPods. I Beats non sembrano spostarsi tanto quanto gli AirPods Pro quando sono in uso; sembrano appena seduti, quasi incollati alle nostre orecchie. Sono anche molto comodi e possono essere facilmente indossati per lunghi periodi senza rendere sensibile o dolorante lingresso del condotto uditivo.

Pocket-lintBeats Studio Buds recensione foto 1

Il case degli Studio Buds ha un aspetto simile anti-AirPods. Piuttosto che essere un rettangolo arrotondato, il Beats viene fornito con una custodia a forma di ciottolo. È compatto, molto più della grande custodia da trasporto Powerbeats Pro, e si infila facilmente in una tasca. Inoltre, ha una porta USB di tipo C per la ricarica.

Purtroppo non cè la ricarica wireless qui, ma con la porta USB-C per la ricarica significa che gli utenti di telefoni Android probabilmente non avranno bisogno di portare un cavo extra in giro solo per ricaricare gli auricolari.

AirPods, ma per gli utenti Android?

  • Accoppiamento one-touch per iPhone (con supporto "Hey Siri" in vivavoce) e Android
  • Fino a 8 ore di riproduzione (24 ore totali con custodia addebitata)
  • Supporto per lapp "Trova il mio"

Con le precedenti cuffie Beats, il produttore ha sfruttato i processori per cuffie di Apple, rendendole davvero convenienti per gli utenti di dispositivi Apple. Di recente, è stato visto il chip H1, che ha abilitato laccoppiamento e la connessione automatici tra più dispositivi Apple utilizzati in prodotti come Beats Solo Pro emodelli wireless Powerbeats.

Ma Beats ha adottato un approccio diverso con gli Studio Buds, scegliendo di non incorporare il chip H1 nei suoi auricolari wireless compatti. Invece, ha creato una nuova piattaforma software per rendere questi auricolari più attraenti anche per gli utenti Android. Gli Studio Buds sono dotati di Google Fast Pair, il che significa che se li metti vicino a un telefono Android con Bluetooth acceso ottieni una grafica intuitiva sullo schermo per laccoppiamento, completa di unimmagine del prodotto e un link per scaricare lapp Beats.

Ancora più cruciale, se aggiorni il tuo telefono Android in seguito, il telefono saprà che un paio di auricolari precedentemente collegati è nelle vicinanze e ti consentirà di connetterti ad essi. Perché con Fast Pair gli Studio Buds sono collegati al tuo account Google.

Ottieni comunque un accoppiamento rapido e semplice anche su iPhone, semplicemente non hai il vantaggio di averli accoppiati automaticamente su tutti i tuoi dispositivi Apple. Anche se hanno ancora quella sensazione di essere strettamente integrati. Ad esempio, se accedi al controllo del volume in Control Center sul tuo iPhone o iPad mentre sono connessi, puoi attivare rapidamente le modalità ANC o trasparenza o visualizzare i livelli della batteria nel widget della batteria. Puoi anche utilizzare lapp Dovè per individuarli.

Pocket-lintbit software foto 4

Allo stesso modo, grazie al supporto Fast Pair, puoi visualizzare i dettagli della batteria di Beats Studio nel menu delle impostazioni del telefono su Android.

Altre comode funzioni includono la possibilità di utilizzare il bocciolo sinistro o destro in modo indipendente, il che può essere un vero toccasana quando li si utilizza per le videochiamate. Puoi agganciare un bocciolo per caricarlo mentre usi laltro per laudio, quindi scambiare e continuare la chiamata senza alcuna interruzione.

A proposito di chiamate, anche qui la prestazione è buona. La chiarezza della voce dai microfoni è più che sufficiente, mentre il bilanciamento del suono attraverso gli auricolari significa che anche le voci dei destinatari arrivano in modo pulito.

Pocket-lintBeats Studio Buds recensione foto 7

Allo stesso modo, la durata della batteria è più che sufficiente per renderli senza problemi. Con ANC disattivato puoi ottenere fino a otto ore di riproduzione musicale. Nei nostri test, li abbiamo giocati a volte per tre ore alla volta e non siamo scesi al di sotto del 60 percento anche con lANC acceso. Inoltre, con la custodia che offre due ricariche complete extra, ci sono durati facilmente una settimana o due tra la necessità di collegarsi a una fonte di alimentazione.

Cancellazione del suono e del rumore

  • Modalità di cancellazione attiva del rumore (ANC) e trasparenza
  • Driver personalizzati da 8,3 mm

Per molto tempo, Beats ha avuto una reputazione, e non quella che avrebbe voluto. "Le cuffie Beats hanno troppi bassi" era la narrativa generale, ma è una reputazione molto forgiata nei primi anni dellazienda. Da allora, ha lavorato duramente per fornire un profilo sonoro piacevole ma più equilibrato. È chiaro da sentire nei Beats Studio Buds.

Ci sono bassi, ma non sono pesanti o travolgenti. È chiaro e strettamente controllato. Un ottimo esempio è il basso in Clash di Dave e Stormzy, che in alcune altre cuffie può essere piuttosto rimbombante e privo di tenuta perché è così prominente. Tuttavia, gli Studio Buds se la cavano molto bene. È lì, è prominente, ma non sembra fangoso.

Pocket-lintBeats Studio Buds recensione foto 8

Gli Studio Buds sono ottimi anche per le canzoni che includono principalmente strumenti acustici. Le corde pizzicate e strimpellate - che si tratti di chitarra acustica o banjo - tagliano il mix, senza distrarre dalle voci, mentre il basso al centro è libero di aggiungere sapore.

Unaltra caratteristica bonus: Studio Buds è compatibile con Spatial Audio di Apple Music, che aggiunge ulteriore profondità e ampiezza a molte canzoni e album popolari. Quanto sia efficace sembra dipendere molto dai singoli mix, e questo è qualcosa che abbiamo notato indipendentemente da quale paio di cuffie o auricolari compatibili abbiamo testato con esso.

Con quelli mixati per ottenere il massimo da Spatial Audio, il senso di larghezza e spazio tra i canali più a sinistra e più a destra è eccezionale.

Dato il prezzo, siamo rimasti colpiti dalla chiarezza e dai dettagli offerti. Alcune persone potrebbero preferire un suono più dinamico e incisivo di quello che viene offerto qui, ma nel complesso sono ben controllati ed equilibrati.

Pocket-lintBeats Studio Buds recensione foto 3

La punta in silicone offre una buona tenuta nellorecchio, che combinata con lANC fa un lavoro efficace per eliminare molto rumore ambientale. Tuttavia, non labbiamo trovato efficace come altri ANC che abbiamo testato.

Non hai la sensazione di essere rinchiuso in una bolla silenziosa come con AirPods Pro, ma gli Studio Buds eliminano efficacemente il rumore del vento, le chiacchiere ronzanti e molto di ciò che sta accadendo intorno a te.

Prime impressioni

I Beats Studio Buds fanno tutto ciò di cui hai bisogno per un paio di auricolari wireless, senza costare una fortuna. Ottieni un suono piacevole e chiaro, oltre a una discreta cancellazione attiva del rumore (ANC).

Ma soprattutto sono solo convenienti. Avere lo stesso pulsante multifunzione su entrambi i lati significa che sono davvero facili da controllare. Sono abbastanza comodi da essere indossati per lunghi periodi. Inoltre, con il supporto per Android Fast Pair, gli Studio Buds si aprono a una sezione del mercato per lo più ignorata dagli AirPods: gli utenti di Google Android.

Potrebbero non essere gli auricolari più eccitanti del pianeta, ma con il loro elenco di comode funzionalità, design, prezzo e suono, Studio Buds sono incredibilmente facili da consigliare se non vuoi spendere troppo.

Considera anche

Pocket-lintalternative foto 2

AirPods Pro

Gli AirPods sono probabilmente gli auricolari più convenienti per gli utenti Apple, soprattutto se si dispone di più dispositivi. Puoi connetterti rapidamente ai tuoi AirPods automaticamente da Mac, iPad o iPhone e il modello Pro offre anche unottima cancellazione attiva del rumore (ANC).

squirrel_widget_168834

Pocket-lintalternative foto 1

Niente Orecchio 1

Non cè niente di nuovo nel gioco degli auricolari per il 2021, ma nella sua fascia di prezzo ce ne sono pochissimi che offrono lesperienza offerta dallEar 1 - e ancora meno che li assomigliano.

Scritto da Cam Bunton. Modifica di __LASSAVED.