Pocket-lint è supportato dai suoi lettori. Quando acquisti tramite i link sul nostro sito, potremmo guadagnare una commissione di affiliazione. Scopri di più

Questa pagina è stata tradotta utilizzando l'intelligenza artificiale e l'apprendimento automatico.

(Pocket-lint) - Nel 2016 Beats ha aggiornato due delle sue cuffie più popolari, le Powerbeats e le Solo , e ha rilasciato le nuovissime Beats X. Tutti e tre sono dotati dello stesso chip W1 che rende gliApple AirPods così comodi da accoppiare per gli utenti di iPhone.

Per il 2017 è tempo che allo Studio venga riservato lo stesso trattamento. Lo Studio 3 Wireless è lultimo prodotto di punta di Beats, anchesso dotato dello stesso processore W1. Sebbene assomigli allultimo modello, tutto allinterno è cambiato in meglio.

Studio Wireless 3 è il prodotto di cuffie over-ear per battere tutti gli altri?

Il nostro parere veloce

Le Beats Studio 3 Wireless potrebbero non essere adatte agli audiofili, ma per tutti gli altri queste cuffie over-ear sono molto facili da raccomandare. Soprattutto per gli utenti di iPhone, grazie alla facilità di accoppiamento del chip W1 e alla facilità d'uso tra dispositivi.

Anche se non sei un utente iPhone, la durata della batteria ultra-lunga, il design attraente e confortevole e la seria qualità del suono fanno sì che queste Beats si distinguano dalla concorrenza over-ear.

Alternative da considerare

Sony MDR-1000X

squirrel_widget_138674

Le cuffie on-ear di Sony dell'anno scorso ci hanno stupito. Sono un prodotto a cinque stelle con eccellenti qualità di cancellazione del rumore e un suono brillante. Un anno dopo, potrebbero avere un seguito, ma sono ancora molto facili da raccomandare. Senza dubbio una delle migliori coppie di Sony da molto tempo a questa parte.

Leggi la recensione completa:Sony MDR-1000X recensione: Cuffie a cancellazione di rumore semplicemente fenomenali

Bose QC35

squirrel_widget_139017

Quando si tratta di cancellazione del rumore, le Bose QC35 hanno la reputazione di essere i leader del mercato. Con Bose si ottiene anche il suono caratteristico dell'azienda, che è assolutamente piacevole.

Leggi la recensione completa:Recensione di Bose QuietComfort 35: Il perfetto compagno di viaggio

V-Moda Crossfade II senza fili

squirrel_widget_140895

Una delle nostre coppie preferite di auricolari quest'anno, potrebbe non avere la cancellazione attiva del rumore, ma ha ancora un sacco di andare per esso. La qualità costruttiva e i materiali sono superbi, e il suono è fantastico.

Leggi la recensione completa:V-Moda Crossfade 2 Wireless recensione: Suono e comfort in un robusto design industriale

Recensione Beats Studio 3 Wireless: cuffie dal suono intelligente e di lunga durata

Recensione Beats Studio 3 Wireless: cuffie dal suono intelligente e di lunga durata

5 stars - Pocket-lint editors choice
Pro
  • Durata della batteria ridicolmente lunga
  • Qualità del suono molto piacevole e design confortevole
  • Grande facilità d'uso per gli utenti Apple grazie al chip W1
  • Molti bassi
Contro
  • Mette in pausa la musica quando arrivano le notifiche su Apple Watch
  • Il design in plastica potrebbe non essere adatto a tutti
  • Molti bassi

squirrel_widget_142148

Anteprima Beats Studio 3 Wireless: Design

  • Stesso design del precedente Studio Wireless
  • Imbottitura morbida migliorata sui padiglioni
  • Colorazioni regolari nere opache, bianche, rosse e blu navy
  • Edizioni speciali in porcellana grigia e rosa

In superficie, il nuovo Studio 3 Wireless sembra molto simile, anzi quasi identico, al precedente Studio Wireless. Ha la stessa fascia in plastica con cerniere integrate che consentono di piegare entrambi i padiglioni verso linterno per riporli.

Come dovrebbero fare le orecchie, i padiglioni sono progettati per circondare completamente le orecchie di chi li indossa con limbottitura migliorata ricoperta di un materiale morbido simile alla pelle. In combinazione con limbottitura morbida e flessibile sul lato inferiore dellarchetto, crea un paio di cuffie molto comode.

Pocket-lintBeats Studio 3 Wireless image 8

Siamo stati in grado di tenere lo Studio Wireless 3 sulla nostra testa per ben due o tre ore e ancora non abbiamo sentito alcun disagio. Limbottitura per le orecchie è estremamente confortevole, con lunico aspetto negativo che una volta tolti, ti rendi conto che le tue orecchie hanno sudato mentre allinterno di questi sontuosi copriorecchie.

Come lultima generazione, cè un pannello con finitura cromata sopra ciascuna delle cerniere, anche se mancano finiture lucide nelle opzioni di colore. Ciascuno dei sei colori è opaco, con lunica lucentezza fornita dai suddetti pannelli cromati e dalliconico logo "b" sullesterno dei padiglioni.

Cè una serie di controlli fisici allesterno del padiglione sinistro che ti consentono di saltare le tracce, regolare il volume, rispondere alle chiamate o avviare Siri sul tuo iPhone. Licona centrale "b" sul lato sinistro funge da pulsante di riproduzione/pausa, mentre la parte superiore dellanello circostante è il pulsante di aumento del volume e la parte inferiore è il pulsante di riduzione del volume.

Il pulsante di accensione nella parte inferiore del padiglione destro funge anche da tasto di attivazione Pure ANC (che è la cancellazione attiva del rumore, se non hai familiarità con lacronimo). Tienilo premuto per un secondo e accenderà o spegnerà le cuffie. Premilo due volte rapidamente per attivare o disattivare la cancellazione del rumore incorporata.

Pocket-lintBeats Studio 3 Wireless image 4

Nel complesso, gli Studio 3 Wireless sono incredibilmente comodi da indossare. E nonostante siano di plastica non danno quella sensazione "economica" di alcune versioni precedenti delle cuffie Beats. Laggiunta di nuovi colori opachi, in particolare la versione Shadow Grey che abbiamo recensito, garantisce che rimangano eleganti e sottili, non ostentati o eccessivamente lucidi.

Anteprima Beats Studio 3 Wireless: cancellazione del rumore in modo intelligente

  • La cancellazione del rumore ANC pura si adatta allambiente circostante
  • Anche il rumore del vento viene eliminato

La maggior parte della cancellazione attiva del rumore si basa sulla riproduzione di un singolo rumore preimpostato silenzioso per eliminare il rumore ambientale. In un buon paio di auricolari, questo può funzionare bene, ma non è molto flessibile. Scoprirai che non elimina i rumori a frequenza più alta, o forse anche alcuni di quelli incredibilmente bassi.

Beats ha preso una strada diversa con la sua tecnologia Pure ANC in Studio Wireless 3. Invece di riprodurre semplicemente una frequenza preimpostata, rileva continuamente il rumore intorno a te e regola leliminazione del rumore e la riproduzione della musica in base al tuo ambiente. Che sia su un aereo o in un bar o un caffè affollato. Passa attraverso questo processo fino a 50.000 volte al secondo.

Durante luso, abbiamo scoperto che la cancellazione del rumore ha funzionato molto bene, essendo in grado di eliminare la maggior parte del rumore indesiderato dallambiente circostante. Queste cuffie sono particolarmente adatte a gestire le frequenze più basse, come ad esempio il boom delle voci maschili. Allo stesso modo, anche disattivare il sibilo interno di un aereo non è un problema.

Pocket-lintBeats Studio 3 Wireless image 7

Tuttavia, non ti chiude in una bolla silenziosa. Se ascolti abbastanza attentamente, puoi ancora sentire rumori forti, ad alto impatto o acuti. Il battito delle mani e la chiusura delle porte, ad esempio, sono ancora udibili con Pure ANC acceso.

Un altro problema con lANC di altre società è, a volte, il rumore del vento. Poiché lANC utilizza in genere microfoni allesterno dei padiglioni auricolari, il vento può spesso soffiare su di essi facendo un orrendo rumore di "strappo" nelle orecchie.

Perché le cuffie Philips Go sono perfette per lo sport e l'esercizio

Il nuovo motore Pure ANC di Beats può dire quando questo sta accadendo e anche eliminare questo. Come test: dopo quattro o cinque secondi di aria soffiata direttamente nelle nostre orecchie da una ventola vicina, gli auricolari hanno capito che stavano incontrando la rottura del vento e hanno semplicemente eliminato quel fruscio. Non era perfetto, ma gestiva la maggior parte del rumore indesiderato.

Il vero vantaggio è che puoi dire quando la cancellazione del rumore è attiva e quando no. Inoltre, la possibilità di accenderlo o spegnerlo semplicemente premendo due volte il pulsante di accensione è un bel tocco, che aiuta a prolungare la durata della batteria piuttosto che lasciarlo acceso in ogni momento.

Anteprima Beats Studio 3 Wireless: Chip W1 e batteria per giorni

  • Chip W1 incluso
  • Fino a 40 ore di riproduzione con ANC disattivato
  • Fino a 22 ore di riproduzione con ANC attivo

Abbiamo già visto la comodità del chip W1 negli Apple AirPods, che consente un abbinamento senza problemi tra i tuoi dispositivi Apple, quindi è fantastico vederlo qui in Studio 3 Wireless.

Il chip W1 ti consente di accoppiare le cuffie al tuo iPhone semplicemente avvicinando i due dispositivi e facendo clic su "connetti" sul pop-up di accoppiamento che appare sullo schermo.

Quando accedi allo stesso account iCloud Drive sul tuo iPad e/o Mac, le cuffie vengono automaticamente abbinate anche a quei dispositivi. Tira fuori il tuo MacBook, accendi Studio 3 Wireless e puoi riprodurre immediatamente la musica. Nei test del mondo reale, questa è una di quelle funzionalità al gusto di Apple che funziona. E funziona così bene.

Pocket-lintBeats Studio 3 Wireless image 10

Anche se tecnicamente non è magico, lo sembra sicuramente, visti i nostri anni di esperienza con altri dispositivi Bluetooth che richiedono il re-pairing.

Tuttavia, cè un aspetto negativo di questa tecnologia W1. Se possiedi un Apple Watch, si connette automaticamente allorologio contemporaneamente al telefono, quindi qualsiasi notifica emetterà un segnale acustico nelle orecchie. Il che è potenzialmente utile, tranne che nei nostri test ha messo in pausa la musica ogni volta, il che significa che abbiamo dovuto premere di nuovo il pulsante di riproduzione, manualmente. Se non fosse stato per il pulsante play/pausa posizionato convenientemente sullauricolare, questo avrebbe potuto essere seriamente dannoso per la nostra esperienza.

Ancora più importante, il chip W1 rende le prestazioni della batteria molto più efficienti. Lo Studio 3 ne è un perfetto esempio. Con il Pure ANC acceso, le cuffie possono riprodurre musica in streaming in modalità wireless, senza interruzioni, fino a 22 ore. Sono 10 ore in più rispetto al modello precedente, nonostante abbia praticamente la stessa capacità della batteria. Con Pure ANC disattivato, Beats promette fino a 40 ore folli.

Sorprendentemente, pensiamo che le stime di Beats siano prudenti. Quando ci siamo seduti per monitorare effettivamente la percentuale della batteria, cosa che puoi fare grazie al chip W1, dopo tre ore di ascolto costante tramite Spotify, la batteria è scesa dal 96% all85%. A quel ritmo (~ 3,7 percento allora), sarebbe rimasto vicino al 20 percento alla soglia delle 22 ore dichiarate. Vale la pena notare che questo era in un ambiente relativamente tranquillo e quindi le cuffie non avevano molto rumore esterno/ambiente con cui fare i conti.

Pocket-lintBeats Studio 3 Wireless image 3

Ad ogni modo, Beats Studio 3 Wireless può durare molto a lungo tra una ricarica e laltra, anche se hai attivato leliminazione del rumore. Inoltre, con la tecnologia di ricarica Fast Fuel integrata, sarai in grado di collegare i tuoi nuovi Beats per soli 10 minuti e ottenere fino a tre ore di riproduzione.

Anteprima Beats Studio 3 Wireless: Suono

Beats è noto per il basso, ma ci piace molto il profilo sonoro del nuovo Beats Studio. Certo, il basso è prominente, ma non confonde le frequenze medie o alte. Ma non commettere errori, cè ancora un sacco di roba di fascia bassa.

Gli Studio 3 Wireless conservano i dettagli, quindi qualunque genere di musica ti piaccia pensiamo che apprezzerai gli auricolari Beats. Sono incredibilmente versatili. È impossibile ascoltare la tua musica preferita e non esserne immerso e travolto.

Nelle canzoni che lo consentono, puoi sentire sottigliezze come le corde che premono contro i tasti metallici durante i cambi di accordo nei suoni acustici. Ad esempio, lascolto di un po della musica più recente di Newton Faulkner con un basso ronzante e alcune percussioni clacky e clacky è la tela perfetta per questi Beat. È così dannatamente divertente, anche se non è quello che uno studio classificherebbe come suono perfetto o bilanciato.

Le Beats Studio 3 Wireless sono uno di quei fantastici paia di cuffie che ti aiutano ad apprezzare ancora una volta le canzoni di cui ti sei quasi dimenticato. Portando i dettagli in primo piano, aiutandoti a sentire dettagli che non avevi notato prima e riempiendo lo sfondo di calore.

Per ricapitolare

Le Beats Studio 3 Wireless potrebbero non essere adatte agli audiofili, ma per tutti gli altri, sono molto facili da raccomandare. Soprattutto agli utenti di iPhone.

Scritto da Cam Bunton.