Pocket-lint è supportato dai suoi lettori. Quando acquisti tramite i link sul nostro sito, potremmo guadagnare una commissione di affiliazione. Scopri di più

Questa pagina è stata tradotta utilizzando l'intelligenza artificiale e l'apprendimento automatico prima di essere revisionata da un redattore umano nella vostra lingua madre.

(Pocket-lint) - Audio-Technica è un marchio audio giapponese sempre più noto. E per una buona ragione: produce alcuni ottimi giradischi e cuffie , inclusi i nuovissimi auricolari over-ear ANC900BT con cancellazione del rumore, lanciati al CES 2019 .

Il nostro parere veloce

Gli ANC900BT sono leggeri, confortevoli, offrono un suono eccezionale e una cancellazione intelligente del rumore con controlli touch-and-swipe. Non sono così costosi come alcuni della concorrenza - stiamo pensando a Bose QC35 II e BeoPlay H9i - che mettono queste lattine in una posizione davvero molto forte.

Le cuffie over-ear Audio-Technica ATH-ANC900BT saranno disponibili dalla primavera del 2019 al prezzo di £ 269.

Recensione iniziale di Audio-Technica ATH-ANC900BT: meravigliose lattine con cancellazione del rumore

Recensione iniziale di Audio-Technica ATH-ANC900BT: meravigliose lattine con cancellazione del rumore

squirrel_widget_167066

Design e cancellazione del rumore

  • Tecnologia digitale ibrida di cancellazione del rumore (array di quattro microfoni)
  • Tre modalità di eliminazione del rumore, controllo tramite lapp Connect
  • Cablato (cavo da 1,2 m incluso) o wireless (Bluetooth 5.0)
  • Tocca e scorri i controlli
  • Finitura nera o antracite
  • Custodia inclusa

Quando abbiamo preso in mano per la prima volta lANC900BT siamo rimasti sorpresi da quanto fossero leggeri. Non perché siano di scarsa qualità, perché il marchio si è concentrato sullindividuazione dei componenti più leggeri senza influire sulla qualità audio risultante. Inoltre quella leggerezza si riflette nel modo in cui si indossano; sono molto comodi sulla testa.

Pocket-lintAudio-Technica ATH-ANC900BT recensione immagine 3

Il principio dellANC900BT è la tecnologia di cancellazione del rumore attiva (ANC), che utilizza quattro microfoni (due su ciascun padiglione auricolare) per ridurre il rumore esterno. Con una mossa geniale lANC può essere attivato semplicemente tenendo il palmo della mano sopra il padiglione sinistro, quando una voce (a bassa voce) lo dichiara attivo. È anche disattivato in questo modo, quindi non cè bisogno di scherzare con molti pulsanti e interruttori, il che rende anche un design pulito.

La cancellazione del rumore è disponibile anche in più varianti, con tre impostazioni disponibili tramite lapp. Non siamo stati in grado di accoppiare un dispositivo personale per verificarlo, ma Audio-Technica ci ha detto che sono disponibili diversi punti di forza dellannullamento. Quello standard che abbiamo scelto funziona molto bene - infatti, poiché i padiglioni si adattano bene, il rumore esterno è già in qualche modo limitato. Sicuramente uno per i viaggiatori frequenti che non vogliono quel fastidioso rumore/sibilo aereo.

Qualità del suono e batteria

  • Driver da 40 mm con diaframmi rivestiti in carbonio simile al diamante
  • Codec audio Qualcomm aptX, AAC e SBC, audio ad alta risoluzione
  • Wireless Bluetooth 5.0 a basso consumo energetico
  • Fino a 35 ore di durata della batteria

La qualità del suono è il punto in cui lANC900BT fa un passo avanti rispetto al resto della gamma Audio-Technica. I driver da 40 mm avvolgono comodamente le orecchie, dirigendo un audio pulito e ben bilanciato con anche una buona spinta di bassi.

Pocket-lintImmagine recensione Audio-Technica ATH-ANC900BT 5

Il supporto Hi-Res Audio fa parte del pacchetto, anche in modalità wireless grazie alla compatibilità con aptX. Fondamentalmente, che tu stia ascoltando cablato o wireless, lANC900BT soddisfa tutte le aspettative per la massima qualità.

Si dice che anche la batteria di bordo sia buona per 35 ore, il che è sufficiente per farti attraversare due settimane di spostamenti e anche di più. La ricarica si ottiene utilizzando il cavo Micro-USB: è un peccato che non sia una porta USB-C per la compatibilità con gli smartphone più recenti.

Scritto da Mike Lowe.