Pocket-lint è supportato dai suoi lettori. Quando acquisti tramite i link sul nostro sito, potremmo guadagnare una commissione di affiliazione. Scopri di più

Questa pagina è stata tradotta utilizzando l'intelligenza artificiale e l'apprendimento automatico.

(Pocket-lint) - Cè unopposizione diametralmente opposta nel mondo dei DJ: o sei dietro Sennheiser, con le sue cuffie HD25; o fai parte del team Pioneer, con la sua linea HDJ-X over-ear.

Quale adorna le tue orecchie - o forse, più precisamente per la maggior parte, orecchio singolare - molto probabilmente dipende da cosa sei abituato a usare o che ha dimostrato la sua longevità e durata negli anni di utilizzo. Dopotutto, queste non sono esattamente cuffie per lascolto , sono strumenti del mestiere.

Lultima cuffia DJ di medio livello della gamma Pioneer, la HDJ-X7, è qui per provare a essere il tuo nuovo compagno di cabina, promettendo un monitoraggio migliore e più pulito ad alti volumi rispetto al suo predecessore. Ci riesce?

Il nostro parere veloce

Il Pioneer HDJ-X7 mostra perché il marchio ha uneredità così forte nella categoria delle cuffie per DJ, con durata e volume come i suoi due punti di forza chiave.

Tuttavia, non pensiamo ancora che il comfort sia alla pari con il Sennhesier HD25, ma Pioneer ha il sopravvento quando si tratta di durata del prodotto, in base alla nostra esperienza precedente.

Se vuoi delle cuffie versatili sia come ascolto quotidiano che come cuffie da DJ funzionanti, allora opteremmo per le Sennhesier e risparmieremmo qualche sterlina in più nel processo. Se stai cercando cuffie DJ dedicate come strumento del mestiere, allora, probabilmente, Pioneer ha il sopravvento.

Recensione Pioneer HDJ-X7: alza il volume

Recensione Pioneer HDJ-X7: alza il volume

4.0 stelle
Pro
  • Durata della costruzione
  • Design consolidato con meccanismo girevole
  • Vestibilità rigida (come si aspetterebbe un DJ)
  • Design del cavo twist-lock
  • Forte e chiaro
Contro
  • Il comfort può essere discutibile
  • Preferiamo Sennhesier HD25 per lisolamento e lascolto quotidiano
  • Non cuffie per lascolto quotidiano
  • Costose

Design

  • Struttura in metallo, standard militare statunitense (MIL-STD-810G)
  • Meccanismo girevole per ribaltare i padiglioni auricolari
  • Custodia per il trasporto e adattatore a vite jack da 1/4 di pollice inclusi
  • Cavi a spirale da 1,2 m (3 m di estensione) e cavi diritti da 1,6 m inclusi
  • Pesa 312 g

Il comfort dellHDJ-X7 dipenderà da cosa sei abituato a indossare. Molti DJ optano per queste lattine (beh, di solito lX10, il grado sopra, che offre una resistenza al sudore certificata) e sono quindi abituati al modo in cui un padiglione auricolare può ribaltarsi su se stesso, su e fuori strada, mantenendo un solido -connessione allorecchio, che è utile per richiamare le tracce mentre si ascolta il monitor della cabina.

Pocket-lintImmagine recensione Pioneer HDJ-X7 5

Troviamo questo design sconcertante, però. Non è solo comodo avere il retro di un pezzo di plastica bloccato in un lato della tua testa, né lo è mai stato. Ma, come abbiamo detto sopra, dipende da cosa sei abituato; sapere esattamente come si posizioneranno le cuffie e come potranno essere regolate è fondamentale. Pioneer ha già il suo piede non solo attraverso la porta, ma completamente dallaltra parte, quindi cambiare questo design di base e familiare sarebbe semplicemente infastidito da troppi utenti dedicati. Ci sarebbero proteste.

Quello per cui stai davvero acquistando lHDJ-X7 è la durata. Il telaio in metallo - che è appena visibile, il prodotto sembra nel complesso piuttosto plasticoso - è super resistente. Giralo, lascialo cadere, mettilo in una borsa, fai qualunque cosa. Queste lattine sono testate per il grado militare degli Stati Uniti, quindi non cadranno a pezzi in men che non si dica. E avendo sperimentato un trio di Sennheiser HD25 nel corso degli anni, possiamo dirvi che questa è una delle aree e dei motivi per cui le persone scelgono il Pioneer.

Indossati come cuffie "normali", i padiglioni imbottiti e larchetto dellHDJ-X7 sono comodi per periodi di tempo, ma pizzicano un po. Tuttavia, questo non può essere visto come una lamentela: non vuoi che le cuffie del DJ si spostino da nessuna parte, volino via dal tuo cenno del capo e finiscano nei giradischi o nella tua vodka e soda. Oh no, lX7 rimarrà al suo posto, rigidamente, senza sentirsi come se la tua testa fosse in una morsa reale.

Pocket-lintImmagine recensione Pioneer HDJ-X7 16

Nella confezione è inclusa una custodia per il trasporto - è leggera e semplice, un po irrisoria per le nostre aspettative di custodia rigida - insieme a due cavi e un adattatore a vite da 3,5 mm a 1/4 di pollice. I cavi si bloccano a spirale nella base del padiglione sinistro, assicurando una connessione solida che, se non sei abituato, probabilmente ti vedrà strappare il mixer dalla scrivania a una festa in casa (a meno che tu non opti per il cavo a bobina da 3 m, forse). Peccato che non ci siano porte nei padiglioni sinistro e destro per scegliere quale lato del tuo udito vuoi danneggiare di più.

Tutto sommato, il design Pioneer HDJ-X7 è esattamente come previsto. È ciò che gli utenti di vecchia data si aspettano: costruzione solida che durerà per anni, un cavo che non si staccherà (a differenza dellequivalente del Sennheiser) e unusabilità che ha unaffinità con generazioni di DJ.

Praticità e suono

  • Driver dinamici chiusi a cupola da 50 mm
  • Risposta in frequenza 530,000Hz
  • Uscita 102dB

È qui che lX7 differisce di più rispetto al suo predecessore: i driver da 50 mm sono stati recentemente sviluppati per fornire, secondo Sennhesier, "un monitoraggio pulito, anche a volumi elevati". Il che ha perfettamente senso: vuoi suonare le cose ad alto volume, molto forte .

Pocket-lintImmagine recensione Pioneer HDJ-X7 7

Potremmo impantanarci nei tecnicismi della qualità del suono, ma come diciamo queste non sono cuffie per lascolto , di per sé, sono cuffie DJ per aiutarti a rendere il tuo lavoro più facile e divertente. Perché ciò accada, lX7 deve isolare il suono, fornire bassi e alti ampi a volumi considerevoli per individuare facilmente ciò che è necessario ascoltare in un ambiente rumoroso.

In generale, lX7 fa il suo lavoro. Ma non pensiamo che lo faccia come il Sennhesier HD25. Lisolamento acustico dellX7 non è altrettanto efficace per reprimere il mondo esterno, quindi è probabile che ne avrai bisogno a un volume più alto. Certo, forniscono quel volume senza scrupoli e sicuramente segneranno la casella "distruzione dellorecchio" se non stai attento (che, di nuovo, non è una lamentela: i DJ vogliono questo volume ultra a portata di mano), ma almeno è facile indossare gli erplug sotto perché non cè pressione dal design over-eat (presente in alcuni design on-ear, che può causare una sensazione di "silenziamento" con alcuni "plug").

Abbiamo trascorso un po di tempo ad ascoltare brani casualmente a casa, entrambi i padiglioni auricolari che adornano le orecchie, e possiamo confermare che lX7 offre unottima separazione vocale, alti frizzanti e bassi quanto basta per distinguere la cassa, i modelli di basso e simili. Ci aspettavamo una maggiore definizione dei bassi, in verità, ancora una volta perché la trasmissione diretta allorecchio del Sennhesier HD25 è migliore sia per lascolto casuale che, a nostro avviso, per selezionare sezioni definite allinterno delle tracce per il cueing e il beat-matching (se i bambini anche farlo più in questi giorni).

Pocket-lintImmagine recensione Pioneer HDJ-X7 13

Che lHDJ-X7 possa fornire da 5Hz a 30kHz è sicuramente eccessivo. I produttori filtrano sotto i 20Hz se hanno il senso di mantenere comunque pulite le tracce nella sezione sub-bass, mentre nessun hi-hat techno starà sparando a 30kHz, poiché comunque è al di fuori dello spettro delludito umano. Tuttavia, queste lattine hanno la carne dove conta: cè abbastanza schiocco, crepitio e pop per definire e assicurarti di catturare quei suoni importanti quando prepari un mix.

Per ricapitolare

LHDJ-X7 mostra perché Pioneer ha uneredità così forte nella categoria delle cuffie per DJ, con durata e volume i suoi punti di forza chiave.

Scritto da Mike Lowe.