Pocket-lint è supportato dai suoi lettori. Quando acquisti tramite i link sul nostro sito, potremmo guadagnare una commissione di affiliazione. Scopri di più

Questa pagina è stata tradotta utilizzando l'intelligenza artificiale e l'apprendimento automatico prima di essere revisionata da un redattore umano nella vostra lingua madre.

(Pocket-lint) - Non tutti possono permettersi un allenatore personale per farli progredire negli allenamenti. Allo stesso modo, la maggior parte delle persone si annoia presto ai suggerimenti preregistrati e non sensibili al contesto forniti dalle solite app di allenamento, come ad esempio le app Couth to 5K.

E se ci fosse qualcosa che risolvesse quei problemi? Benvenuto: Lifebeam Vi. Questo paio di cuffie in-ear offre coaching in tempo reale mentre corri, cammini o vai in bicicletta, utilizzando i dati che raccoglie da te mentre ti alleni.

Il nostro parere veloce

Il Lifebeam Vi è uno di quei rari prodotti che rende davvero i tuoi allenamenti più efficaci, soprattutto se non sei un corridore molto esperto. Con il suo coaching e monitoraggio AI combinati in un auricolare ben progettato, offre un coaching tempestivo con una frequenza sufficiente per spronare e farti andare avanti.

Tuttavia, limplementazione non è ancora del tutto perfetta. Quindi, sebbene Vi abbia più delle basi giuste, non raggiunge il suo massimo potenziale. Stranezze come il taglio di Spotify durante le esecuzioni sono uno di questi esempi di probabili miglioramenti del software da apportare. Inoltre, il suono, sebbene decente, potrebbe essere ancora più pulito per gli spostamenti quotidiani.

Con alcuni perfezionamenti del design e suggerimenti più intelligenti ma di coaching, il Vi potrebbe essere la cosa migliore che accadrà alle cuffie sportive e al mercato dei fitness tracker da molto tempo. Dopo un mese di utilizzo, è diventato difficile eseguire limaging senza di loro.

Alternative da considerare

Pocket-lintJabra Elite Sport 2017 immagine 3

Jabra Elite Sport (2017)

A Jabra manca lelemento di allenamento intelligente del Lifebeam Vi, ma con sensori di movimento e frequenza cardiaca integrati, oltre allimpermeabilità e un design completamente senza fili, lElite Sport offre prestazioni stellari. Lapp di Jabra fa anche un lavoro decente nel tracciare la tua attività e nel fornirti aggiornamenti rilevanti durante le tue sessioni a intervalli predeterminati.

Leggi larticolo completo: recensione di Jabra Elite Sport (2017)

Bose Soundsport Pulse

Simile a Jabra, Soundsport Pulse non offre alcun coaching. Se sei già ben bloccato nellusare Strava (o unaltra app di monitoraggio) per tutto, tuttavia, Soundsport Pulse offre un suono eccezionale e un monitoraggio della frequenza cardiaca.

Leggi larticolo completo: recensione Bose SoundSport Pulse

Pocket-lintBragi Dash Pro recensione immagine 1

Bragi Dash Pro

Quando si pensa ad auricolari intelligenti e tecnologici, potrebbe venire in mente il nome Bragi. Dash Pro è senza fili, completo di sensore di frequenza cardiaca, sensori di movimento e unapp che tiene traccia di tutti i tuoi dati. La precisione e laffidabilità non sono così elevate rispetto al Vi, tuttavia, inoltre il Bragi non offre nemmeno un coach AI.

Leggi larticolo completo: recensione di Bragi Dash Pro

Recensione Lifebeam Vi: coaching intelligente in una fantastica cuffia sportiva

Recensione Lifebeam Vi: coaching intelligente in una fantastica cuffia sportiva

4.0 stelle
Pro
  • Il coaching fornisce consigli utili per te
  • Gli auricolari si adattano bene (e vengono forniti con ricambi)
  • Il suono è piacevole e basso
  • Design pulito e archetto flessibile
Contro
  • Spotify interrompeva regolarmente la riproduzione
  • Il coaching potrebbe essere ancora più consapevole del contesto
  • La durata della batteria potrebbe essere migliore
  • Il tie-in di Strava inaffidabile
  • Il suono potrebbe essere più pulito

Design

  • Design della fascia da collo
  • Cuffie magnetiche con clip
  • Peso: 35 g

Gli auricolari con archetto da collo stanno diventando sempre più comuni. Abbiamo lodato i loro benefici molte volte negli ultimi 12 mesi. Se realizzati correttamente, sono comodi da indossare, difficili da perdere e offrono prestazioni wireless e di connessione migliori rispetto ai vecchi tipi di attaccabrighe.

Pocket-lintImmagine hardware Lifebeam Vi 6

A differenza di alcuni che abbiamo testato, la fascia da collo di Lifebeam Vi non è affatto rigida, almeno non intorno alla parte posteriore del collo dove è richiesta flessibilità. Ciò garantisce che si adatti perfettamente al collo di qualsiasi dimensione, senza essere troppo stretto o troppo largo. Inoltre, è ricoperto da un materiale in gomma morbida e aderente per garantire che non scivoli durante gli allenamenti. È efficace e non ci siamo mai sentiti come se stessero cambiando durante le nostre corse.

Una delle nostre scelte di design preferite è luso di magneti e metallo. Lauricolare sinistro è leggermente convesso, mentre il destro è leggermente concavo, assicurando che i due si incastrino perfettamente quando non vengono utilizzati. Ma non è tutto: allestremità di ciascun lato dellarchetto, anche i cappucci terminali sono progettati in questo modo, quindi puoi agganciarvi anche gli auricolari, se preferisci.

Come con la maggior parte dei tipi di archetto da collo, gli auricolari sono collegati al collare utilizzando un cablaggio abbastanza semplice. Tranne che in questo caso, il cavo viene afferrato sul collare mediante alcune clip metalliche. Questi possono essere fatti scorrere su e giù per regolare la quantità di gioco nel cavo. Il design della clip non è del tutto elegante, ma è sicuro, che è la cosa più importante.

Con gli auricolari sportivi è fondamentale che tu abbia la giusta misura nel condotto uditivo, in particolare quando gli auricolari hanno un cardiofrequenzimetro integrato. Se è troppo aderente, fa male, se non è abbastanza aderente, il cardiofrequenzimetro non fornirà una lettura accurata, inoltre gli auricolari probabilmente cadranno. Per fortuna, i designer di Lifebeam hanno pensato a tutto questo.

Pocket-lintImmagine hardware Lifebeam Vi 4

Vi viene fornito con cinque punte di diverse dimensioni e tre dimensioni di alette avvolgenti, per garantire che la vestibilità sia il più confortevole e sicura possibile. Per rendere le cose più comode, le punte e le pinne extra vengono spedite allinterno di una sottile custodia ovale, che puoi portare facilmente durante la tua prima corsa per testare diverse dimensioni. La mancia di default era perfetta per noi, quindi non abbiamo avuto bisogno di esaminarla.

Forse la sorpresa più grande è che, sebbene sia resistente alle intemperie, il Vi manca di una certificazione IP ufficiale contro la resistenza allacqua o alla polvere. Tra i lati positivi, li abbiamo eliminati per tutte le nostre corse tra linizio di dicembre 2017 e la prima metà di gennaio 2018, indipendentemente dal tempo, e le due volte in cui ha piovuto (una volta abbastanza forte) non ci sono state problemi di conseguenza. Tuttavia, il rating ufficiale porterebbe a una vendita più forte.

Caratteristiche e prestazioni

  • Cardiofrequenzimetro
  • Riconoscimento vocale
  • Barometro e sensori di movimento
  • Rilevamento in-ear

Per quanto riguarda le cuffie, le Vi sono tra le più ricche di funzionalità in circolazione. Questo grazie alla sua pletora di sensori integrati e potenza di elaborazione. Guardare lelenco ti assicura di non scambiarli per qualcosa di diverso dagli auricolari di fascia alta incentrati sullo sport.

Allinterno cè un accelerometro a 6 assi e un giroscopio che, insieme, misurano il movimento, lorientamento e la velocità angolare. Cè un barometro per misurare lelevazione e un sensore di frequenza cardiaca integrato nellauricolare sinistro. Lauricolare destro ha un pannello sensibile al tocco per attivare i comandi vocali durante una corsa ed entrambi gli auricolari hanno sensori di rilevamento dellorecchio, in modo che possano dire quando li hai nelle orecchie e quando no.

Gli auricolari dotati di troppe funzioni spesso non funzionano molto bene, ma non era il caso del Vi. Li abbiamo testati su 10 corse individuali di circa 30 minuti ciascuna e abbiamo scoperto che, per quanto riguarda il monitoraggio del fitness, sono alla pari con luso di un orologio sportivo dedicato.

Pocket-lintImmagine hardware Lifebeam Vi 3

Le informazioni sulla frequenza cardiaca corrispondevano quasi esattamente alle letture rilevate dal Garmin Vivoactive 3 che indossavamo durante alcune delle corse, con la media corrispondente esattamente a quella che abbiamo visto sullorologio.

Allo stesso modo, anche la nostra cadenza media (o passi al minuto) era quasi identica, differendo solo di uno o due passi. Ciò potrebbe essere spiegato da qualcosa di semplice come non interrompere lattività esattamente allo stesso tempo su entrambi i dispositivi. Anche il calcolo delle calorie bruciate era quasi identico.

Due funzionalità che non funzionavano in modo affidabile su Vi erano legate a servizi di terze parti, ovvero Spotify e Strava. Prima di scegliere un tipo di allenamento, puoi scegliere di avere musica locale o una playlist Spotify. Essendo abbonati a Spotify, abbiamo optato per una playlist e ci siamo assicurati di sceglierne una da scaricare sul telefono per lutilizzo offline. In tutte le esecuzioni, la playlist di Spotify ha smesso di essere riprodotta allincirca a metà - circa 15 minuti dallinizio della corsa - e nulla di ciò che abbiamo fatto lavrebbe riprodotta di nuovo. Abbiamo provato a saltare avanti, indietro e a premere il pulsante di riproduzione/pausa sulla fascia da collo un certo numero di volte. Senza provare a strappare liPhone dalla cintura e avviare manualmente Spotify, non sarebbe più ripartito.

AI Coaching in fuga

  • Lallenatore usa le prestazioni della corsa per "allenare"
  • I consigli dipendono dalla tua concentrazione

Se hai mai iniziato a provare a eseguire per la prima volta e hai utilizzato app per aiutarti, cè unalta possibilità che ti sia imbattuto in app come Couch a 5k. Praticamente tutti usano messaggi preregistrati che non sono fatti su misura per te, ma ti dicono semplicemente quando iniziare a correre e quando fermarti. Va bene, ma Vi fa di meglio.

Pocket-lintImmagine hardware Lifebeam Vi 5

Con lallenatore basato sullintelligenza artificiale nelle cuffie Vi, lesperienza non è affatto così. In effetti, è piuttosto grande. Piuttosto che darti un discorso preimpostato, esamina i vari punti dati che sta monitorando e poi ti dà suggerimenti e ti aiuta con suggerimenti appropriati durante la tua corsa.

Ad esempio, il nostro obiettivo principale era "correre oltre". Quindi, senza fallo, 10 minuti in ciascuna delle nostre corse di 30 minuti, ci informerebbe che dovevamo aumentare la nostra velocità di passo senza aumentare il nostro ritmo e ci aiuterebbe suonando un ritmo con cui andare a tempo. Passi più piccoli e leggeri significavano meno sforzo e meno impatto sulle articolazioni, permettendoti quindi di correre più lontano.

Abbiamo anche avuto la possibilità di riprodurre questo "gioco" toccando lauricolare destro e dicendo "passo al ritmo". Su questa nota, vale la pena notare che, come molte altre tecnologie basate sui comandi vocali, il fatto che Vi ti senta correttamente o meno è incostante. Probabilmente è una buona cosa quindi che sia limitato a pochi comandi, come chiedere un aggiornamento sulle statistiche.

Una delle parti migliori dellassistente Vi è che ci vuole tempo per conoscere le tue prestazioni e le tue statistiche tipiche. Per noi, ci sono volute poco più di due ore di corsa prima che sentissimo di avere un controllo sul modo in cui correvamo. Successivamente, è stato in grado di dirci quando abbiamo raggiunto la nostra normale "velocità di crociera".

Sembrava anche sapere quando stavamo correndo con una cattiva postura. Arrivando in cima a una lunga collina, si può essere tentati di piegarsi, ma Vi era lì pronta con utili promemoria per sollevare la testa, raddrizzarsi, rilassare le spalle e avvicinare le braccia. Che si trattasse di consapevolezza contestuale, o semplicemente i promemoria standard non sono chiari.

Sul tema della consapevolezza contestuale, ci piacerebbe vedere ancora di più. Dato che le cuffie hanno un sensore barometrico e laccesso a meteo, ora e data, sarebbe bello vedere un coaching più preciso basato sulla ripidità di una salita o se stiamo correndo sotto la pioggia o il sole alto .

Pocket-lintImmagine hardware Lifebeam Vi 7

Lunica menzione delle colline sembra arrivare quando ricevi gli aggiornamenti regolari basati sul tempo o sulla distanza. Anche allora, non è utile. Parafrasato "Hai corso 2 km, hai corso per 14 minuti e 45 secondi, il tuo ritmo medio è di 7 minuti e 22 secondi per chilometro, la tua frequenza cardiaca media è di 178 battiti al minuto, dal modo in cui corri in discesa", è più o meno buono come qui. Come se non sapessimo già di essere su una collina.

Unaltra caratteristica che ci piacerebbe è qualcosa di simile a ciò che offrono gli orologi Garmin, nel sapere quanto soffri, in base alle zone di frequenza cardiaca, e quindi essere in grado di dirti per quanto tempo dovresti riposare dopo lallenamento.

Lapplicazione

  • Inizia le attività individuali
  • Integrazione con Health Kit, Google Fit, Strava e Spotify

Lapp Lifebeam che funziona insieme alle cuffie Vi ha una serie di funzioni utili, ma non la profondità delle informazioni che potresti ottenere con qualcosa come Strava o Garmin Connect.

Una volta che gli auricolari sono associati e collegati, è il caso di aprire lapp per configurare il tuo profilo e impostare i tuoi obiettivi. Puoi impostare diversi obiettivi, scegliendone uno come obiettivo principale. Come accennato, il nostro era "correre oltre". Sono disponibili programmi di coaching per aiutarti a correre 5k, 10k, mezza maratona, camminare per correre e perdere peso.

Nella parte inferiore della schermata iniziale dellapp cè una pila di carte che ti consente di avviare rapidamente unattività. Puoi scegliere tra una corsa libera, una corsa cronometrata (imposta la quantità di tempo per cui vuoi correre), una corsa a distanza (quanto lontano vuoi correre), una sessione di tapis roulant, una passeggiata o un giro in bicicletta. Da questo punto di vista, ciò rende lutilizzo dellapp ridicolmente semplice. Basta selezionare lattività e il tuo obiettivo, quindi premere "andiamo".

Per personalizzare lesperienza e/o visualizzare le tue statistiche accedi al tuo profilo e alle impostazioni toccando la piccola miniatura nellangolo in alto a sinistra. Qui, la schermata principale mostra il tuo obiettivo principale attuale, un pulsante per controllare manualmente la frequenza cardiaca e le statistiche odierne. Lo scorrimento verso il basso mostra i totali complessivi, i record ed elenca le singole attività in ordine cronologico. Toccando un allenamento vengono visualizzate le statistiche per quella particolare attività.

Ad esempio, puoi toccare una corsa e visualizzare i grafici di velocità e frequenza cardiaca, andatura e frequenza dei passi, nonché la distanza totale, il tempo, laltitudine e le calorie bruciate. Puoi anche scorrere verso il basso per visualizzare il ritmo medio, la frequenza dei passi e la frequenza cardiaca, inclusi i risultati/record personali e ottenere una visualizzazione della mappa del percorso.

Puoi anche scegliere di condividere la corsa o scaricarla come file che può essere caricato su altri servizi di fitness, come Strava. Tuttavia, per Strava in particolare, questo non dovrebbe essere necessario in quanto Vi può condividere automaticamente. Attivando lopzione "Connetti a Strava", le tue corse dovrebbero essere caricate automaticamente sulla popolare rete di corsa/bicicletta. Purtroppo, nei nostri test, questo ha funzionato forse due volte senza problemi: il resto del tempo indossavamo un orologio sportivo intelligente per tenere traccia della corsa o dovevamo scaricare il file e caricarlo manualmente su Strava. Se questo deve essere un accessorio serio per il corridore, qui ha bisogno di maggiore affidabilità.

Recensione Lifebeam Vi: Suono

  • Autisti Harman/Kardon

Se ti piacciono molti bassi e molto volume durante gli allenamenti, adorerai il profilo predefinito di Vi. Uscire per una fredda notte dinverno è molto più facile quando hai una playlist hip hop anni 90 che ti risuona nelle orecchie. Soprattutto quando ci sono così tanti bassi e groove.

Stare fermo, ascoltarlo nella quiete del tuo ufficio o di casa, non è altrettanto piacevole. Per gli ottimi standard degli auricolari, il Vi è un po fangoso e manca di una chiarezza totale. Ma questo non significa che non siano un ascolto piacevole. Il basso riempie la musica, dandogli molta presenza e sensazione, senza uccidere le frequenze alte e medie.

Pocket-lintImmagine hardware Lifebeam Vi 8

Se proprio non ti piacciono i bassi eccessivi, cè un pulsante allinterno dellapp che ti permette di disattivare Bass Boost. In confronto, però, senza di essa, la musica tende a suonare un po piatta e senza vita.

Recensione Lifebeam Vi: durata della batteria

  • 4-8 ore (a seconda dellutilizzo)
  • Ricarica tramite Micro-USB

Date le intense richieste di Lifebeam Vi durante gli allenamenti, non sorprende che probabilmente non raggiungerai mai la batteria massima di otto ore per carica. Con il suo monitoraggio costante, elaborazione, coaching e riproduzione musicale, Vi sta facendo molto di più di quanto farebbe una normale cuffia.

È stato difficile misurare la durata della batteria dal 100% di carica fino a quando è scarica. Ad esempio, per dare qualche indicazione, dopo cinque corse, per un totale di poco più di due ore e mezza, più 20 minuti di solo ascolto di musica, la batteria è scesa al 50%.

Naturalmente, le prestazioni della batteria sono variabili in un prodotto come questo. Con il nostro tipo di utilizzo tipico - principalmente in esecuzione con un po di musica - avremmo circa cinque-sei ore di riproduzione prima di dover ricollegare.

Per ricapitolare

Il Lifebeam Vi è uno di quei rari prodotti che rende i tuoi allenamenti davvero più efficaci. Con il suo coaching e monitoraggio AI combinati in un auricolare ben progettato, è difficile immaginare di correre senza di loro. Fornisce suggerimenti di coaching tempestivi mentre corri con una frequenza sufficiente per farti andare avanti e migliorarti.

Scritto da Cam Bunton.