Pocket-lint è supportato dai suoi lettori. Quando acquisti tramite i link sul nostro sito, potremmo guadagnare una commissione di affiliazione. Scopri di più

Questa pagina è stata tradotta utilizzando l'intelligenza artificiale e l'apprendimento automatico prima di essere revisionata da un redattore umano nella vostra lingua madre.

(Pocket-lint) - La Clio è apparsa sulla scena nel 1990 e negli ultimi 30 anni è diventata una delle auto più vendute in Europa. Questo è ancora vero per il 2020, dove ha continuato a essere lauto più venduta nella sua categoria durante la prima parte dellanno.

Ora ha meno a che fare con Nicole e papà e più con la riprogettazione di quinta generazione apparsa alla fine del 2019, che ora, in questa forma, ottiene il suo completo restyling ibrido. È ancora compatto, è ancora civettuolo, ma in vero stile 2020, ora è un po più verde.

-

Il nostro parere veloce

Non cè un numero enorme di portelli ibridi sulla strada, con molti che guidano in più grandi segmenti e questo aggiunge allappello del Clio. È una formula di successo che andrà a beneficio di coloro che si trovano a fare una ragionevole quantità di guida stop-start. Cè anche un costo, e quel costo al momento della scrittura è poco meno di un premio di £ 1000 per prendere lE-Tech Hybrid sul TCe 130 sullo stesso assetto, non una differenza proibitiva nel grande schema delle cose.

Ciò che offre lHybrid sono credenziali leggermente più ecologiche in unauto che è generalmente molto buona e questo renderà la decisione leggermente più semplice per coloro che desiderano acquistare a questo livello. LE-Tech Hybrid può anche essere tranquilla e noiosa da guidare, se lo desideri, e quellappeal ibrido dovrebbe essere adatto anche a coloro che desiderano efficienza nella guida in città e qualcosa di un po più interessante quando le strade si aprono.

Per noi è unottima combinazione e, sebbene la Clio non possa fare grandi affermazioni sullauto elettrica, ha ancora molto della personalità delle piccole auto per cui la Clio è sempre stata conosciuta, racchiusa in un ottimo pacchetto.

È, secondo noi, ciò che Nicole avrebbe voluto.

Recensione Renault Clio E-Tech Hybrid: Cest magnifique!

Recensione Renault Clio E-Tech Hybrid: Cest magnifique!

4.5 stars - Pocket-lint recommended
Pro
  • Buoni interni
  • Ottimo display e tecnologia di bordo
  • Sistema ibrido intelligente
  • Buona maneggevolezza
  • Divertente da guidare in modalità Sport
Contro
  • Lo spazio per le gambe del sedile posteriore è limitato
  • La batteria è troppo piccola per percorrere qualsiasi distanza significativa senza emissioni

Ridisegnato da zero

La Renault Clio è completamente nuova, ma ciò non significa che sia completamente diversa. Quando vedrai questo piccolo portello allorizzonte, saprai che è la Renault Clio. È anche unauto di bellaspetto, i grandi cambiamenti sono stati una riprogettazione dellilluminazione per adattarsi al resto della famiglia Renault.

Pocket-lintRenault Clio E-Tech Hybrid recensione foto 4

Sembra ben proporzionato e lo è, ma non è un grande cambiamento rispetto a Clio IV, la versione precedente. Ciò a cui si riferisce realmente la parte "tutto nuovo" è la piattaforma su cui si trova. Per i geek, questo è CMF-B, la piattaforma modulare condivisa con Nissan sotto auto come Nissan Juke .

Perché questo discorso noioso è pertinente? Perché il passaggio a questa piattaforma è stato progettato per aprire le porte ad auto come questa E-Tech Hybrid. Si tratta di essere in grado di impacchettare in modo efficiente un motore elettrico e una batteria senza tagliare lo spazio interno e distruggere lauto.

Con questo in mente, il messaggio "tutto nuovo" ha molto più senso per questa versione dellauto rispetto alle versioni a combustione (ICE) che sono già in circolazione. Il motore si trova dietro il motore - in effetti ci sono due motori, ma ne parleremo più avanti - mentre la batteria si trova sullasse posteriore. Sì, è ottimo per la distribuzione del peso.

Pocket-lintFoto recensione Renault Clio E-Tech Hybrid 8

Ti rimane uno stivale abbastanza rispettabile a 300 litri - e i sedili posteriori si piegano ancora come nella versione ICE. La critica più grande che avremmo è che cè un labbro pesante per entrare nel bagagliaio, quindi se stai sollevando qualcosa di pesante, sarà un po più di una lotta.

È tutta una questione di riprogettazione degli interni

Spostandosi allinterno, la Renault Clio aumenta la qualità con materiali più morbidi al tatto. È una cabina più bella rispetto alle precedenti Clio, ma cè una cosa da notare per chi è interessato allE-Tech Hybrid: inizia inizialmente con lassetto S Edition (con anche una bella versione Launch Edition), e coloro che desiderano il Play o Iconic più economico lassetto dovrà aspettare.

La versione che abbiamo guidato era una specifica francese, con guida a sinistra, ma equivalente alla S Edition nel Regno Unito. Ci sono alcune parti che ci piacciono molto dellabitacolo, come le trame e i materiali che Renault ha scelto a questo livello. Cè un bel pannello di tocco morbido strutturato bianco contrastante che attraversa il trattino nella foto qui. Non sappiamo se arriverà nel Regno Unito, ma ci piace. Tenerlo pulito potrebbe essere unaltra questione.

I sedili sono comodi, e mentre non sono in pelle a questo livello, sono piacevolmente scolpiti per tenerti seduto sul posto mentre sfreccia negli angoli arrotondati, qualcosa in cui la Clio è piuttosto abile.

I sedili posteriori non hanno il lusso di tanto spazio. Non è raro per una supermini e se i tuoi sedili anteriori non sono troppo indietro è abbastanza comodo, con ampio spazio per la testa anche per un adulto di oltre 6 piedi. Fai scivolare un po indietro quei sedili anteriori e lo spazio per le ginocchia è il vero problema, ma se stai mettendo un paio di interpolazioni nella parte posteriore dovrebbero andare bene.

La visibilità è generalmente ottima, con molte regolazioni sul sedile per darti una posizione seduta e implorare o per piegarti un po più in basso - è solo lampio montante C (dove la portiera posteriore incontra il bagagliaio) che può bloccare quegli sguardi nel punto cieco, ma in realtà non è un grosso problema.

Pocket-lintfoto degli interni 8

Nel complesso, è un bellinterno. Ci sono materiali superiori in auto come lAudi A1 , ma cè un senso rinfrescante di partenza dallA1 e Polo, dando a Clio un po più carattere.

Una storia tecnologica avvincente

La cosa grandiosa dellallestimento S Edition è il grande display centrale, molto simile al display che troverai nella Renault Zoe , e che esegue lo stesso sistema di infotainment che in realtà è molto buono.

Misura 9,3 pollici, seduto in verticale come un iPad legato alla parte anteriore dellauto. Praticamente tutto avviene tramite il tocco, ma Renault ha mantenuto i pulsanti fisici per alcune opzioni chiave. Uno di questi è il pulsante EV per attivare la modalità elettrica, laltro è il pulsante MySense per accedere alle modalità di guida.

Pocket-lintFoto recensione Renault Clio E-Tech Hybrid 13

Il navigatore è alimentato dalla ricerca Google e integra il traffico TomTom, mentre ci sono connessioni USB che significano che puoi avere Android Auto o Apple CarPlay tramite il sistema Easy-Link di Renault. Tuttavia, ci piace il sistema di navigazione satellitare predefinito di Renault: come abbiamo detto della Zoe, offre istruzioni chiare e il grande schermo rende davvero facile dare unocchiata e andare.

Abbiamo anche avuto la possibilità di testare il sistema audio Bose, che è unopzione da £ 350, equipaggiando lauto con nove altoparlanti. Questo dà una buona dimostrazione di sé e il badge Bose vale quasi il prezzo stesso per coloro a cui piace alzare la musica.

Il guidatore riceve un display digitale da 10 pollici, il cui centro è personalizzabile, con il bordo sinistro che rappresenta lindicatore della batteria e il bordo destro che rappresenta lindicatore del carburante. Ciò offre alla batteria un bel po di spazio sul display, considerando che è davvero buona solo per 2,5 miglia di guida elettrica. Sì, ne parleremo ancora tra un po.

Pocket-lintfoto degli interni 7

Ciò porta anche alla sensazione che la Clio E-Tech Hybrid sia un po più EV di quanto non sia in realtà, con il display del conducente che consente la personalizzazione per mostrare il flusso di energia attraverso la batteria. In realtà, stai guidando sotto la potenza del motore per la maggior parte del tempo, ma è un divertente promemoria che questa macchina è un po più pulita delle sue sorelle a combustione.

Cè una certa personalizzazione del display, con due segmenti che ti permettono di scegliere i dettagli che puoi vedere tramite i comandi al volante, mentre il quadrante principale, singolo e centrale può essere personalizzato allinterno dei controlli MySense sul grande schermo. Ciò consente anche di modificare le caratteristiche delle diverse modalità di guida, a cui passeremo ora.

Sulla strada

Prima di parlare della configurazione ibrida, parliamo di MySense. Questo ti darà tre diverse opzioni: MySense, Sport ed Eco. I nomi spiegano principalmente cosa offrono, con MySense come modalità "auto" predefinita, ma come abbiamo appena detto, puoi personalizzare alcuni piccoli elementi, il più significativo dei quali (per noi) è il peso dello sterzo.

Lo sterzo è leggero e piuttosto indistinto di serie, ma cambiarlo in uno Sport rende il tutto più reattivo e diretto, portando a unesperienza di guida molto più positiva.

Pocket-lintRenault Clio E-Tech Hybrid recensione foto 7

E lo Sport è davvero la modalità di guida che dà vita a questa vettura. Affila lacceleratore, si aggrappa più a lungo alle marce per aumentare i giri e può anche utilizzare il motore per pompare energia nella batteria. Sì, è unironia feroce, perché lintero obiettivo dellE-Tech Hybrid è offrire unauto più ecologica, ma questa Clio si sente come se volesse guidare in Sport e buttare la maggior parte di quei vantaggi fuori dalla finestra.

Questo allude al carattere di Clio. Come avranno capito coloro che hanno letto sulla versione ICE di questa vettura, è scattante, il tipo di macchina che vuole essere guidata su strade di campagna perfette e tortuose. Sospensioni più strette significano che cè poco rollio, mentre la maggiore potenza - 140 CV - nellHybrid significa che ha anche un po più di influenza. È divertente guidare in modalità Sport.

Ma si tratta davvero della tecnologia intelligente che si trova sotto. È lo stesso sistema che troverai nella nuova Renault Captur con un motore da 1,6 litri normalmente aspirato abbinato a un cambio automatico senza frizione e coppia di motori.

Pocket-lintRenault Clio E-Tech Hybrid recensione foto 14

Il motore principale può essere azionato dalla batteria da 1,2 kWh e ti darà 2,5 miglia di guida senza emissioni. Non è molto ed è disponibile solo fino a 37mph. La carica proviene dalla rigenerazione (da quel motore principale) o dal motore che funziona come un generatore per ricaricare la batteria.

Il secondo motore lavora in assistenza, gestisce lavviamento, mentre ha anche un ruolo stabilizzante nel cambio senza frizione della Renault. È lì per rendere le cose più fluide durante il passaggio dal motore principale al motore e così via - e nel complesso è unesperienza fluida, che fornisce la potenza come e quando te lo aspetti.

Lintero obiettivo degli ibridi è ridurre le emissioni e gli sprechi ed è quello che offre la Clio, dato che puoi ricaricare la batteria in frenata o in decollo e quindi utilizzare parte di quella carica per alimentare quel motore piuttosto che tutto proveniente dal motore. È un ibrido nel senso tradizionale, quindi non cè alcuna opzione per collegare e nessuna ambizione intorno a qualsiasi tipo di motore elettrico a lungo raggio. Le cifre di Renault suggeriscono che otterrai circa 64,2 mpg con emissioni a 98 g/km e questo è abbastanza vicino ad altri piccoli ibridi come la Toyota Yaris, mentre migliorano le versioni ICE della Clio.

Pocket-lintRenault Clio E-Tech Hybrid recensione foto 2

Per quanto riguarda le prestazioni, il tempo 0-62mph di 9,9 secondi non batterà alcun record, ma la configurazione è abbastanza reattiva. Potrebbero esserci delle volte in cui sembra che tu stia aspettando di cambiare marcia per ottenere una maggiore accelerazione di velocità da una nuova marcia e senza alcun controllo manuale sul cambio, devi solo lasciare che lauto faccia il suo dovere.

Ottieni sia unopzione di guida D che B, la B qui è più focalizzata sulla rigenerazione e sullaumento di quelleffetto quando ti alzi. Ciò consente di guidare con un solo pedale fino a un certo punto (anche se non si fermerà completamente) e se stai cercando di massimizzare leffetto ibrido, guidare in B in condizioni di stop start e attenersi alla modalità Eco farà per il risultato più efficiente in assoluto.

Per ricapitolare

Sebbene la Clio non possa fare grandi affermazioni sullauto elettrica, ha ancora molta della personalità della piccola vettura per cui la Clio è sempre stata conosciuta, mentre abbatte le emissioni con il suo intelligente sistema ibrido. Non ci sono molti piccoli portelli ibridi sulla strada e il premio che ti viene chiesto di pagare è piuttosto basso rispetto alla benzina equivalente, creando una formula vincente.

Scritto da Chris Hall.