Pocket-lint è supportato dai suoi lettori. Quando acquisti tramite i link sul nostro sito, potremmo guadagnare una commissione di affiliazione. Scopri di più

Questa pagina è stata tradotta utilizzando l'intelligenza artificiale e l'apprendimento automatico prima di essere revisionata da un redattore umano nella vostra lingua madre.

(Pocket-lint) - Quando si parla di auto elettriche, Nissan è un veterano. Dopotutto, la Nissan Leaf è uno dei veicoli elettrici più affermati in circolazione, un grande venditore in Europa e una delle auto che ha fatto da apripista alla transizione verso l'elettrico.

Molti si sono chiesti perché Nissan abbia impiegato così tanto tempo per espandersi oltre la Leaf in altri settori, ma con il suo nuovo SUV elettrico, l'Ariya, il produttore sta facendo esattamente questo.

-

Nonostante il passo tanto atteso, però, la Ariya arriva in un mercato molto diverso da quello della Leaf. Non solo c'è una maggiore urgenza e richiesta di auto elettriche, oltre a una migliore comprensione di ciò che offrono, ma c'è anche molta più concorrenza.

E, probabilmente, il successo della Leaf è stato in parte dovuto alla mancanza di concorrenza, con la Renault Zoe come unica alternativa.

L'esperienza di Nissan confluisce nell'Ariya e ne fa un modello da battere, oppure si tratta di un SUV di medie dimensioni destinato a perdersi nella confusione? Ecco le nostre impressioni.

Il nostro parere veloce

Eravamo tutti in attesa che Nissan portasse la sua esperienza di auto elettrica su un palcoscenico più grande, e la Ariya ne è la dimostrazione. Eseguita con raffinatezza e disinvoltura, la Ariya offre un'esperienza di guida di qualità, pratica e confortevole, con prezzi competitivi rispetto alle rivali dei marchi premium tradizionali.

Ci sono tocchi che aiutano l'Ariya a distinguersi, con alcuni elementi interni interessanti che non troverete altrove - e altri che invece troverete. È moderno e fresco, con un ampio spazio, e probabilmente sarà una scelta popolare per le famiglie.

La concorrenza nel settore dei SUV elettrici di medie dimensioni è ormai agguerrita e, tra Hyundai, Kia e Toyota, l'aggiunta di Nissan offre un'ampia gamma di opzioni di qualità raggruppate intorno allo stesso tipo di prezzo e tutte dotate di grande fascino.

Sicuramente, se state acquistando un'auto di queste dimensioni, vorrete la Nissan Ariya nella vostra lista di candidati.

Recensione della Nissan Ariya: Il nuovo re dei SUV elettrici?

Recensione della Nissan Ariya: Il nuovo re dei SUV elettrici?

4.5 stars - Pocket-lint recommended
Pro
  • Aspetto elegante
  • Qualità degli interni
  • Opzioni per batteria e motore
  • Tanta tecnologia
  • Buon livello di specifiche
Contro
  • La ricarica della corrente continua non è velocissima
  • Il display non è incisivo come altri
  • La presentazione del navigatore può essere un po' confusa
  • Il bagagliaio potrebbe essere più grande

Design e costruzione

La cosa più semplice da fare per Nissan in questo segmento sarebbe stata quella di prendere il suo top seller - la Nissan Qashqai - e dargli una versione elettrica, come ha fatto Kia con la Niro. Nissan ha però ambizioni più ampie.

Invece, la Ariya poggia su una piattaforma progettata per l'elettrico e, proprio come abbiamo visto da Hyundai con la Ioniq 5, questo paga enormi dividendi. Non c'è alcun compromesso nella piattaforma, in quanto non si cerca di ospitare un motore a combustione in una versione diversa, quindi i risultati sono complessivamente migliori.

Pocket-lintNissan Ariya foto 1

Significa che Nissan lancia la Ariya come un'auto completamente nuova. L'azienda parlerà della sua esperienza e dirà che Leaf + Qashqai = Ariya, ma questo sminuisce l'Ariya: è molto di più. L'Ariya è più elegante e più liscia e, sebbene si possa vedere il DNA Nissan in questo design, ha un aspetto più premium.

Come è giusto che sia, visto che è naturalmente più costosa della Qashqai - anche della versione e-Power di quel modello popolare - e il risultato è qualcosa che si confronta con rivali come Audi e BMW.

Nissan ha mantenuto gli specchietti retrovisori tradizionali (e ne siamo felici), mentre le maniglie delle porte sono piuttosto standard. Con il passaggio a un design esterno più elegante, non sappiamo perché non si sia optato per qualcosa di leggermente più futuristico per aprire la portiera, ma non è un grosso problema.

Pocket-lintNissan Ariya foto 39

Una delle firme del design Nissan è la griglia, che è stata appiattita e integrata. L'idea della forma rimane, ma ora è un pannello nero, con dettagli più profondi se si guarda più da vicino. È piuttosto grande e offre una grande rottura di design sul frontale dell'auto, il che significa che si ottiene un effetto leggermente diverso a seconda del colore di vernice scelto.

Il colore di lancio, il bronzo, ci è sembrato molto bello, ma il modello sicuro, nero, perde la distinzione di questi elementi di design esterno e non ha lo stesso carattere. L'Ariya è un'auto, come molte altre, che dà il meglio di sé in alcuni dei suoi colori più vivaci.

Inoltre, è alta e offre una posizione di guida elevata, ma non sembra molto più grande della Qashqai quando la si guida. Tuttavia, è più grande e offre il vantaggio di avere un pavimento piatto, ottimizzando lo spazio dell'abitacolo con alcuni dettagli intelligenti.

Pocket-lintNissan Ariya foto 9

Il bagagliaio offre 466 litri di spazio nella versione a due ruote motrici, che si riducono a 408 litri nel modello a trazione integrale. Questa perdita di spazio è dovuta al motore posteriore aggiuntivo necessario per la trazione integrale, mentre la linea del tetto spiovente significa che c'è un po' meno spazio in alto rispetto a modelli più squadrati come la Nissan X-Trail.

Il salotto interno

Il passaggio a un design degli interni in stile lounge è stato una sorta di tendenza nelle auto recenti. La Ariya segue lo stesso percorso, dando vita a un abitacolo moderno, fresco e invitante. Ancora una volta, questo è un buon motivo per non riciclare la Qashqai, perché ci si sente diversi e speciali quando si entra nella Ariya.

Per aumentare lo spazio interno, la plancia è stata ridotta, lasciando spazio libero intorno ai piedi. Nissan (sugli allestimenti superiori) offre anche una console centrale mobile. Premendo un pulsante, è possibile spostarla in avanti o indietro per ridistribuire lo spazio in avanti e in dietro, o semplicemente per posizionare il bracciolo in una posizione migliore.

È una specie di novità e non siamo sicuri che molti ne saranno davvero entusiasti, ma significa anche che non c'è molto spazio al centro: c'è posto solo per il pad di ricarica wireless e per un altro alloggiamento più in basso, accanto alle prese USB a livello del pavimento.

Questo è un difetto che abbiamo riscontrato anche nella Hyundai Ioniq 5, il che significa che il vostro telefono potrebbe finire vicino ai vostri piedi se decidete di collegarlo.

Pocket-lintNissan Ariya foto 42

Nella parte anteriore c'è un cassetto portaoggetti nascosto, che va notato. Premendo un pulsante sulla console centrale, questo cassetto si apre, formando quasi un tavolino nella parte anteriore e offrendo un altro foro per tenere gli oggetti fuori dai piedi. Il sistema ricorda un po' James Bond, ma con pochi spazi aperti per riporre oggetti come le custodie degli occhiali da sole, è sicuramente ben accetto, anche se è un po' troppo ingegnerizzato.

Per quanto riguarda il cruscotto, è stata operata un'enorme riduzione dei pulsanti fisici. In realtà, non ce ne sono quasi più: Nissan ha utilizzato un sistema tattile aptico. Con finiture simili al legno e illuminazione posteriore, è un'altra soluzione moderna che riduce l'ingombro dell'abitacolo.

Pocket-lintNissan Ariya foto 28

Anche i display hanno un nuovo design: Nissan li ha riuniti in un'unica barra, anziché separarli come nei veicoli precedenti. È la tendenza del momento.

Anche il volante è stato ammodernato rispetto alla Qashqai, con migliori comandi a sfioramento su tutta la superficie, anche se è piuttosto affollato rispetto a quello della BMW iX.

E, come abbiamo già detto, c'è spazio in abbondanza, con un vantaggio che si estende anche ai sedili posteriori. C'è ampio spazio per le gambe e per la testa, grazie al pavimento piatto, e i sedili sono confortevoli, offrendo una gamma di finiture, un sostegno abbondante e comandi elettrici. Sono inoltre dotati di riscaldamento di serie, mentre la ventilazione/raffreddamento dei sedili è una caratteristica dell'allestimento Evolve più alto.

Ci sono due allestimenti - Advance ed Evolve - e, dato che l'Ariya è considerata un modello premium, la dotazione di serie è davvero notevole. Non è una cosa insolita per le auto elettriche, ma ci sono cose come l'illuminazione ambientale, il ProPilot, il parcheggio automatico, Apple CarPlay e Android Auto wireless di serie.

Pocket-lintNissan Ariya foto 22

La Evolve si arricchisce della console centrale scorrevole, del tetto panoramico apribile, dei sedili posteriori riscaldabili, dei sedili in pelle sintetica, dell'impianto audio Bose a 10 altoparlanti e dell'heads-up display, per cui la differenza è notevole.

Anche le finiture degli interni sono più morbide rispetto ad altri modelli Nissan che abbiamo guidato. Sebbene in alcuni punti si faccia ancora uso di plastiche dure, che riprendono i tradizionali richiami al design giapponese, ci sono molte opzioni in pelle sintetica e scamosciata, con quest'ultima dall'aspetto davvero elegante.

Il risultato è un abitacolo di alta qualità che si distingue decisamente dalla Qashqai.

La tecnologia degli interni

Abbiamo accennato al fatto che i display sono ora fusi in un'unica barra, per dare un nuovo look, ma l'interfaccia sarà familiare a chiunque abbia avuto a che fare con l'ultima Qashqai. L'interfaccia è la stessa nel complesso, con una serie di icone lungo i lati per accedere alle aree principali: navigazione, telefono, musica e la home page basata su widget.

Anche il display del conducente offre una piccola personalizzazione, consentendo l'uso di quadranti o di un'opzione più minimale che si concentra sulle informazioni, come la navigazione, le statistiche e così via. Il display combinato ha anche un controllo fisico della luminosità sul lato, in modo da poterlo regolare facilmente verso l'alto o verso il basso.

Tuttavia, sebbene l'ampia superficie del display sia generalmente apprezzata, sembra avere una sorta di finitura antiriflesso, per cui appare un po' opaco, il che lo attenua leggermente rispetto, ad esempio, all'analogo display lucido della Qashqai. Un dettaglio minore, ma da tenere presente.

L'utilizzo della tecnologia interna è per lo più semplice, con un buon equilibrio tra forma e funzione, ma l'aspetto non è dei più moderni, con alcune scelte di design discutibili.

Il più grande di questi problemi si presenta nella navigazione. Quando si è pianificato il percorso, la visualizzazione della mappa va bene, ma quando ci si avvicina a una svolta, accanto alla mappa appare un riquadro che mostra l'incrocio e che per qualche motivo ha uno sfondo nero.

Il risultato è un po' stridente con la versione più chiara di praticamente la stessa cosa sull'altro lato del display e non siamo convinti che sia utile come dovrebbe.

Il display heads-up è comunque eccellente. È riccamente presentato e pieno di informazioni necessarie, compresi i suggerimenti per le modifiche ai limiti di velocità (grazie al riconoscimento dei cartelli stradali), che consentono di accettare il cambiamento di velocità quando si guida con il sistema ProPilot di Nissan, che offre il controllo adattivo della velocità di crociera e l'assistenza allo sterzo con la semplice pressione di un paio di pulsanti.

ProPilot esiste da un paio d'anni ed è un sistema davvero facile da usare. Generalmente affidabile nel mantenere l'auto nella propria corsia, basta appoggiare delicatamente le mani sul volante e lasciare che sia l'auto a guidare. Tuttavia, quando perde la corsia, ad esempio se la segnaletica è indistinta a causa di lavori stradali, il sistema emette solo un breve segnale di avvertimento e una vibrazione prima di riprendere il controllo.

Come per tutti i sistemi di assistenza alla guida di questo tipo, è necessario mantenere il controllo dell'auto in ogni momento, anche se l'auto sembra guidare da sola.

È disponibile un'ulteriore assistenza per il parcheggio, con telecamere intorno al veicolo che aiutano a fare retromarcia o a infilarsi in uno spazio ristretto. Anche in questo caso si tratta di una funzione comune, ma comodamente implementata con un pulsante da premere sul cruscotto per attivare le telecamere.

È inoltre possibile collegare Ariya ad Amazon Alexa o Google Assistant, per chiedere all'altoparlante intelligente o al telefono di bloccare l'auto o di fornire dettagli sulla carica della batteria.

Potenza, prestazioni e autonomia

Le batterie sono di due dimensioni, 63kW o 87kW, e sono entrambe disponibili in entrambi gli allestimenti, Advance o Evolve. Ma ci sono anche opzioni per il motore, per cui potrete passare dal motore standard da 160 kW a quello da 178 kW, sempre in entrambi gli allestimenti.

Infine, c'è l'opzione di trazione integrale, nota come e-4ORCE, che aggiunge un motore posteriore per portare la potenza a 225W. Non solo la trazione integrale, ma anche le prestazioni di questa top di gamma, che è anche più veloce.

Pocket-lintNissan Ariya foto 7

In totale sono sei i modelli tra cui scegliere, con una scala di prezzi che parte da poco più di 43.000 sterline nel Regno Unito e arriva a oltre 56.000 sterline. In realtà, si tratta di un prezzo competitivo rispetto ad alcuni marchi premium come BMW e offre una certa concorrenza a marchi come Kia e Hyundai, con la Ioniq 5 che parte da un prezzo leggermente inferiore, ma con una batteria leggermente più piccola.

La cosa importante da ricordare al momento dell'ordine è che i livelli di allestimento sono disponibili con tutte queste dotazioni, indipendentemente dalla dimensione della batteria o dalla potenza del motore che si sceglie. Il nostro modello in prova (nella foto) era l'Evolve da 160 kW.

Vale la pena notare, tuttavia, che i modelli con batterie più capienti non si limitano a offrire il vantaggio di una maggiore autonomia, ma offrono anche una ricarica da 22 kW. Questo aumento della velocità di ricarica in corrente alternata potrebbe significare che è possibile ottenere una ricarica più rapida in più luoghi e più veloce di quella standard da 7,4 kW.

Pocket-lintNissan Ariya foto 52

Naturalmente, per la ricarica più veloce, dovrete utilizzare la ricarica rapida DC, con supporto fino a 130kW. Non è la più veloce in circolazione: Hyundai offre una ricarica da 350 kW, ma con la batteria più grande si possono percorrere oltre 200 miglia in 30 minuti.

Per quanto riguarda l'autonomia, ecco i dati ufficiali di Nissan sull'autonomia di Ariya:

  • 63kW - 250 miglia (2WD)
  • 87kW - 329 miglia (2WD)
  • 87kW - 310 miglia (e-4ORCE)

Durante il nostro test, siamo riusciti a raggiungere una media di 4,9 miglia per kWh, pari a 308 miglia (rispetto alle 250 miglia indicate da Nissan per il modello a due ruote motrici da 63 kW).

L'autonomia reale dipenderà sempre dalle condizioni di guida, dallo stile di guida e dal carico dell'auto, ma le cifre sono impressionanti e i risultati che abbiamo ottenuto sono stati raggiunti senza alcuno sforzo per sacrificare l'efficienza. Aggiorneremo questo dato se e quando avremo modo di trascorrere più tempo alla guida della Ariya.

Pocket-lintNissan Ariya foto 10

Va anche detto che la Ariya è molto piacevole da guidare. La posizione di guida dominante offre un'ottima visibilità, mentre lo sterzo si appesantisce bene in curva per dare maggiore sensibilità. La guida e la maneggevolezza sono buone, anche se noi l'abbiamo guidata per lo più su strade lisce, quindi non possiamo dire con certezza come si comporterà sulle buche e sulle superfici sconnesse.

Le velocità più elevate spettano al modello e-4ORCE (che è la versione a trazione integrale, ricordiamo), con un tempo da 0 a 62 miglia orarie di 5,7 secondi e una velocità massima di 124 miglia orarie. Non si tratta di una velocità enorme e non darà ai proprietari della Tesla Model Y nulla di cui preoccuparsi.

Il modello e-4ORCE si propone di ottimizzare l'esperienza su strada e di fornire maggiore potenza, senza competere con le capacità fuoristradistiche della Toyota bZ4X.

Pocket-lintNissan Ariya foto 4

Le opzioni a due ruote motrici prevedono un tempo di percorrenza da 0 a 62 miglia orarie leggermente più lento, pari a 7,5 secondi, più nella media, ma comunque abbastanza veloce per la maggior parte degli automobilisti.

TomTom Go Navigation App è un'app di navigazione mobile premium per tutti i conducenti

C'è un senso di qualità e raffinatezza e, come per le altre auto elettriche, il vantaggio di avere la potenza disponibile in modo fluido e immediato quando si mette il piede a terra dà all'elettrica un vantaggio rispetto ai modelli convenzionali.

Ci sono anche altre opzioni, con una modalità di guida diretta e una modalità batteria che offre una maggiore rigenerazione in fase di partenza. È poi possibile optare per l'ePedal - attivabile tramite un pulsante - che riduce ulteriormente la necessità di usare i freni ed è ottimo per la guida in città.

Pocket-lintNissan Ariya foto 26

Ci sono anche diverse modalità di guida - Sport, Standard, Eco - e la cosa sorprendente è che Eco non ha alcuna rigenerazione. L'idea è che, quando si toglie la potenza, l'auto si muova in modo lento, evitando l'effetto frenante della rigenerazione che rallenterebbe l'auto. La modalità Eco è quindi ideale per la guida in autostrada.

Non è possibile modificare manualmente i livelli di rigenerazione, perché vi si accede solo attraverso queste diverse opzioni, ma tutte sembrano funzionare abbastanza bene e, soprattutto, sono facili da usare.

Infine, le auto elettriche sono note per la loro silenziosità, e questo vale anche in questo caso. La Ariya è dotata di un sistema di cancellazione attiva del rumore progettato per eliminare gli altri rumori esterni e il risultato è un abitacolo raffinato. Anche il rumore del vento è minimo e l'unica vera intrusione proviene dai pneumatici.

Per ricapitolare

La Nissan Ariya offre uno spazio interno generoso, molto comfort e una qualità degli interni superiore a quella che abbiamo visto su altri modelli del produttore. Con opzioni per l'autonomia e la potenza, prestazioni per lo più eccellenti e molta tecnologia anche nei modelli di base, questa è un'offerta davvero competitiva da parte di Nissan.

Scritto da Chris Hall. Modifica di Conor Allison.