Pocket-lint è supportato dai suoi lettori. Quando acquisti tramite i link sul nostro sito, potremmo guadagnare una commissione di affiliazione. Scopri di più

Questa pagina è stata tradotta utilizzando l'intelligenza artificiale e l'apprendimento automatico prima di essere revisionata da un redattore umano nella vostra lingua madre.

(Pocket-lint) - La Hyundai Kona Electric è diventata rapidamente una delle nostre auto elettriche preferite dopo il suo lancio nel 2018.

Accanto alla Kia e-Niro, Hyundai ha offerto la Kona in varie vesti - con versioni ibride e a combustione - una strategia che continua in questa versione più recente.

-

Ciò che la Kona offre è il fascino del crossover con pura potenza elettrica - compresa una gamma che è rispettabile e prezzi che sono avvicinabili.

Il nostro parere veloce

La Hyundai Kona Electric viene da una posizione forte, facendo un certo numero di modifiche in questa nuova versione per aggiornare l'esperienza rispetto all'incumbent.

Per chi ha già una Kona, passare al nuovo modello sarà molto familiare, mentre le basi fondamentali - le opzioni per l'alimentazione e le batterie - sono molto simili a quelle di prima.

Ciò che è davvero cambiato è la concorrenza: ci sono molti più modelli tra cui scegliere, con modelli più economici e compatti come la Mini Electric o la Honda e, fino a rivali più vicini come la Vauxhall Mokka-e o la Peugeot e-2008.

Ma la Hyundai Kona Electric rimane una delle migliori auto elettriche per il costo e la gamma che si ottiene. È ottimo per le piccole famiglie, con quell'opzione da 64kW davvero attraente.

Hyundai Kona Electric recensione: Ancora il crossover elettrico da battere?

Hyundai Kona Electric recensione: Ancora il crossover elettrico da battere?

4.5 stars - Pocket-lint recommended
Pro
  • Ottima gamma per i soldi
  • Guida confortevole
  • Uso efficiente della potenza
  • Facile selezione dell'assetto senza troppe opzioni
Contro
  • L'abitacolo non è di altissima qualità
  • Aumenta la concorrenza in questo segmento
  • Un po' stretti i sedili posteriori
  • L'interfaccia utente sembra un po' datata

Design

Il design della Kona Electric è stato leggermente semplificato rispetto all'uscita precedente. Fondamentalmente, questo è un lifting del crossover compatto, quindi è immediatamente riconoscibile come la Kona.

C'è un nuovo paraurti anteriore, che racchiude l'area che prima aveva una griglia coperta. La griglia rimane sulla versione ibrida e a combustione, ma il modello elettrico ora ottiene un design anteriore migliore, guardando un po' più raffinato, un po' più amato.

Pocket-lintHyundai Kona Electric foto 14

Dai lati l'aspetto è sostanzialmente lo stesso, ma ci sono alcune modifiche alla carrozzeria che risultano in un look leggermente più semplice. I passaruota in plastica e altri dettagli sono stati rimossi dalla Kona Electric, fornendo anche un punto di distinzione dai modelli con motore a combustione.

Il risultato è un look leggermente più pulito, mentre la Kona a gas regolare sembra un po' più robusta con quelle protezioni di plastica sui passaruota. Se non altro, è facile individuare l'elettrico sulla strada ora, grazie al leggero cambiamento di stile.

Ci sono alcune piccole differenze esterne tra i livelli di allestimento offerti - SE Connect, Premium, Ultimate - ma questo ammonta principalmente a come la sezione inferiore del paraurti anteriore appare premium. Come spesso accade con Hyundai, non c'è un intero mondo di opzioni, invece le diverse specifiche sono dettate dai diversi livelli di allestimento.

Pocket-lintHyundai Kona Electric foto 13

Questo rende la scelta del modello più facile: sospettiamo che il più popolare sarà il Premium, che offre una scelta di dimensioni della batteria, ma viene ancora in un prezzo che si qualifica per il Regno Unito Plug-in Car Grant, risparmiando £2500 fuori la versione più grande 64kWh. Quello che si ottiene è una macchina ben attrezzata per meno di 30.000 sterline, con una gamma decente troppo.

Aggiornamenti interni minori

L'interno della Kona Electric non ha visto grandi cambiamenti rispetto al modello esistente - la più grande differenza evidente è il passaggio a un display completamente digitale.

La Kona è comoda e abbastanza spaziosa nella parte anteriore, ma i sedili posteriori sono un po' più stretti. Mettete un guidatore alto nella parte anteriore e sarete lasciati con uno spazio minimo per le gambe nella parte posteriore, quindi è davvero adatto solo allora per i bambini più piccoli, ma c'è un sacco di spazio per la testa, che salva dalla sensazione troppo angusta.

L'assetto di livello più alto ottiene l'opzione per rivestimenti in pelle e colori più chiari, mentre le finiture inferiori hanno un interno nero, che, se non altro, non mostrerà così tanto sporco se si sta trasportando una giovane famiglia intorno - che molti Konas sarà.

Sull'assetto Ultimate che abbiamo provato, ci sono punti di contatto in pelle, ma un uso abbastanza ampio di plastiche più dure di varie texture. Come abbiamo detto, questo non è fuori luogo dato il prezzo della vettura - e per coloro che vogliono qualcosa di superiore la Ioniq 5 vale la pena guardare come alternativa. Anche se è facile puntare ad auto più costose con interni che sono ovviamente di qualità superiore, è davvero difficile lamentarsi della Kona a questo prezzo.

L'assetto Ultimate porta un po' di lusso, con riscaldamento e raffreddamento dei sedili anteriori, tuttavia, con quel raffreddamento che è piuttosto unico.

Pocket-lintHyundai Kona Electric foto 8

Il bagagliaio è un po' compatto, offrendo 332 litri di spazio, anche se i sedili posteriori si piegano per aumentare la capacità se necessario. Per molti, come un run-around quotidiano, questo è un sacco di spazio per la spesa settimanale, ma si allinea ampiamente con la Citroën ë-C4 e altri intorno a questa fascia di prezzo. C'è un piccolo vassoio di stoccaggio sotto il pavimento del bagagliaio, ma non molto spazio per qualsiasi altra cosa.

Tutto sommato, è un interno che si adatta al suo scopo. A patto che si possa accettare che la Kona è un crossover piuttosto compatto, perché è nei sedili posteriori che si sente di più.

Tecnologia interna

Uno dei cambiamenti interni che abbiamo menzionato è il display digitale del conducente. Questo sostituisce un display che aveva un unico quadrante centrale e dà un impulso all'esperienza di guida, anche se sembra essere affondato abbastanza in profondità all'interno del cofano. Non importa, è abbastanza chiaro con un tachimetro a sinistra e un misuratore di potenza a destra.

Ci piace che Hyundai presenta un sacco di dati su questo display, come il chilometraggio medio che si sta ottenendo da quella batteria, che vi aiuterà a ottenere un quadro migliore di come si sta guidando.

La sezione centrale permette di sfogliare le informazioni, come altri dati, quindi c'è anche un piccolo grado di personalizzazione. È importante che sia tutto abbastanza chiaro da capire, cosa che non si può dire di tutti i display delle auto. Come si passa attraverso le modalità di guida, cambierà anche il colore, con il rosso per lo Sport, naturalmente, per renderlo un po' più "filante".

Il display centrale è piatto, non c'è nessuna curvatura della cabina verso il guidatore, con una serie di pulsanti sotto di esso per portarvi dove volete andare - incluso un pulsante personalizzabile. Due quadranti significano che è facile da lavorare, pur supportando anche il tocco, anche se la manopola del volume sembra un tratto, meglio posizionato per il passeggero che il conducente. Fortunatamente, ci sono controlli completi anche sul volante.

Anche in questo caso c'è un facile accesso alle informazioni su quanto efficientemente si sta guidando e dove si trova il caricatore pubblico più vicino. Alcune delle grafiche sembrano un po' datate, ma con il supporto per Android Auto e Apple CarPlay, c'è molta flessibilità - anche se questi sistemi basati su smartphone non riempiono l'intero schermo.

C'è un piccolo crossover nel display del conducente - si può vedere l'audio che si sta riproducendo, per esempio - ma altrimenti i pulsanti rimangono rivolti ai sistemi Hyundai. Questo significa che se state guidando con Google Maps attraverso Android Auto, per esempio, e premete il pulsante Maps, esso tornerà al sistema Hyundai, lasciandovi a scavare nel sistema per ritrovare la strada verso Android Auto.

Nonostante alcuni dei grafici di Hyundai sembrino un po' datati, ci sono molte informazioni utili. Si può scavare in ciò che sta utilizzando la vostra carica, trovare il vostro consumo medio, più altro. È anche possibile trovare facilmente le opzioni di navigazione per portarvi a un caricabatterie per auto elettriche, ma come molti sistemi, non ha tutti i caricatori ed elenca alcuni che non si possono effettivamente utilizzare, come nei parcheggi privati.

Ma si può facilmente navigare verso i caricabatterie e si ha la possibilità di nominare i propri preferiti, in modo da poter facilmente navigare verso quelli in una particolare area facilmente, senza dover guardare attraverso l'enorme lista. La navigazione stessa è buona, con un'utile finestra laterale nel display che vi darà le statistiche di base e la navigazione rapida verso quei caricatori.

Guida e autonomia

Con un colpetto del pulsante D sarete sulla vostra strada in beato silenzio. I pulsanti stanno diventando sempre più comuni per queste funzioni di guida, con i selettori delle marce o della guida sostituiti da interazioni più semplici. Ciò che è forse strano è che il selettore della modalità di guida è proprio sul retro della console centrale accanto ai comandi del riscaldamento dei sedili - bisogna allungare il braccio dietro di sé per accedervi, quindi non è molto pratico durante la guida.

Pocket-lintHyundai Kona Electric foto 20

Questo se sentite davvero il bisogno di usare le modalità. Eco è un po'muto, ma consegna l'economia migliore; Normale è un poco più spritely; mentre lo sport probabilmente sarà un poco troppo virgulto per alcuno. Sospettiamo che chi compra la Kona non lo farà per la velocità, quindi Eco potrebbe essere la migliore modalità da selezionare e lasciare l'auto.

Come accennato, ci sono due capacità di batteria disponibili per la Kona, che gioca un ruolo importante nel dettare il prezzo. La batteria più piccola è 39kWh ed è l'unica opzione per l'assetto più basso SE Connect, accoppiato con un motore 100kW/136PS. La batteria più grande è 64kWh ed è disponibile come opzione per l'assetto Premium, mentre è anche la dimensione che si ottiene sull'assetto Ultimate - accoppiato con un motore 150kW/204PS, quindi ci sarà una differenza di prestazioni tra i trim in base alle opzioni scelte.

Ecco perché sospettiamo che la Premium con la batteria da 64 kWh sarà la più popolare, perché ti dà le migliori prestazioni per i soldi e probabilmente offrirà la stessa esperienza di guida della Ultimate.

Pocket-lintHyundai Kona Electric foto 6

Avendo passato del tempo a guidare la Kona in varie condizioni, è abbastanza facile ottenere più di 5 miglia per kWh. La tipica guida suburbana in modalità Eco ci ha dato una media di 5,6 miglia per kWh, che sulla batteria da 64kWh restituirebbe un'autonomia di 358 miglia. Naturalmente la guida nel mondo reale è spesso più varia, ma anche nella guida più spensierata, è probabile che colpirete il marchio di 4,5 miglia per kWh, che è 288 miglia - di nuovo, vicino alla gamma citata per questo modello.

Quest'ultima cifra è più vicina a quella che otterrete nella guida in autostrada, ma tenete a mente che questo varia a seconda della temperatura, di quanto è carica l'auto e di quanto è pesante il vostro piede destro. Ciò che è più incoraggiante è che la Kona Electric si sente economica - non è difficile ottenere una buona autonomia e con piccoli dettagli come la possibilità di limitare la ventola solo al conducente; tutto sembra ben considerato.

La gamma citata per la versione con batteria 39kWh è di 198 miglia, ma ancora una volta, le medie varieranno intorno a quella cifra.

L'autonomia raggiungibile dipenderà da come si guida l'auto, con le modalità Eco ed Eco+ in atto per aiutarvi a ridurre la dispersione di potenza. Al livello superiore Sport si ha la risposta dell'acceleratore più nervosa (che dà quel tempo 0-62mph di 7,9 secondi), e la più bassa rigenerazione sul lift-off.

Hyundai offre paddles sul piantone dello sterzo per spostare manualmente il livello di rigenerazione, così si può guidare in Eco e scegliere di disattivare la rigenerazione se si vuole solo costeggiare una collina senza rallentare. Una volta che si è nella mentalità di come funziona la rigenerazione, questo rende davvero facile essere più impegnati con la guida.

Come per altre auto elettriche, la guida è super scorrevole ed è anche confortevole. Questa era l'impressione che avevamo avuto del modello precedente e pensiamo ancora che Hyundai ha una grande formula qui, offrendo una gamma pratica e prezzi ragionevoli, in una dimensione di auto che è enormemente popolare.

Aggiunto al mix è il supporto per la ricarica a 100kW, che anche se non è la più veloce là fuori, vi farà tornare sulla strada abbastanza rapidamente quando vi agganciate a un caricatore veloce.

Per ricapitolare

Il modello facelift sembra un po' meglio intorno alla parte anteriore, mentre all'interno la tecnologia è rafforzata con un display digitale. Al suo centro, la gamma per il prezzo e le opzioni di dimensioni della batteria rendono questo un crossover convincente per coloro che vogliono andare elettrico.

Scritto da Chris Hall. Modifica di Stuart Miles.