Pocket-lint è supportato dai suoi lettori. Quando acquisti tramite i link sul nostro sito, potremmo guadagnare una commissione di affiliazione. Scopri di più

Questa pagina è stata tradotta utilizzando l'intelligenza artificiale e l'apprendimento automatico.

(Pocket-lint) - La Hyundai Ioniq 5 è la prima vettura puramente elettrica di Hyundai: è unauto che è stata progettata solo elettrica, a differenza della Kona e dellomonima Ioniq , che sono disponibili anche come modelli ibridi.

Ciò distingue leggermente lo Ioniq 5 da quegli altri modelli popolari, ma rappresenta anche un enorme passo avanti per Hyundai. Questa è unauto progettata per fare più di una dichiarazione e mostrare le serie ambizioni di Hyundai con le auto elettriche.

E non fa solo questo?

Il nostro parere veloce

La Hyundai Ioniq 5 è una delle auto elettriche più interessanti che arriveranno sulla strada nel 2021: segna un cambio di passo nell'approccio di Hyundai, costruendo sul successo di auto come la Kona Electric e dando ai clienti qualcosa di un po' più grande e un po' più premium del modello esistente.

La vera vittoria qui è nello spazio per i passeggeri, non solo da quel pavimento piatto, ma per quella seconda fila di sedili - è davvero un'auto comoda ovunque siate seduti. Rende la corsa a scuola un piacere, le giornate fuori con gli amici molto più confortevoli, mentre la guida a lungo raggio è offerta attraverso quelle opzioni di batteria più grande troppo.

Se state acquistando un'auto elettrica per la famiglia e volete qualcosa nel territorio dei crossover, la Hyundai Ioniq 5 deve essere sulla vostra lista.

Recensione Hyundai Ioniq 5: una visione del futuro

Recensione Hyundai Ioniq 5: una visione del futuro

5 stars - Pocket-lint editors choice
Pro
  • Design esterno retrò cool
  • Grande spazio per le gambe e interni rinfrescanti
  • Buona autonomia e opzioni di batteria
  • Ottimo da guidare
Contro
  • Il display ha bisogno di una modalità giorno/notte
  • Le cinture di sicurezza posteriori possono sbattere contro i lati quando non sono in uso
  • Nessun CarPlay wireless o Android Auto

Design

Lo Ioniq 5 si basa sul concept Hyundai 45 che è stato mostrato al salone di Francoforte nel 2019. Sebbene gran parte del concept sia sparito, il design del frontale è stato mantenuto, così come la piega diagonale lungo i lati e la finitura opaca, con conseguente visione futuristica.

In uno di quei bizzarri colpi di scena della realtà, sembra futuristico perché ha un aspetto fantascientifico retrò, specialmente nella parte anteriore e posteriore dellauto intorno allilluminazione. Prendi lauto di lato ed è piuttosto più convenzionale e questo probabilmente aumenterà il suo fascino: cè un mix futuro e contemporaneo sia dentro che fuori.

Pocket-lintHyundai Ioniq 5 foto 5

La vernice opaca si aggiunge a quellestetica (anche se costa di più) e con nomi come Gravity Gold e Cyber Grey quella sensazione futura continua. Guardando le cartelle colori, tuttavia, questi sono tutti colori piuttosto tenui: non cè giallo canarino o rosso cremisi da vedere, è tutto piuttosto più serio.

Guarda in alto e il nostro modello di prova aveva un tetto solare montato, mentre le ruote sono uniche per questo livello di allestimento Ultimate. Hyundai offre tre allestimenti, SE Connect, Premium (nella foto qui in Lucid Pearl Blue) e Ultimate (nella foto qui in Gravity Gold) e come spesso accade con Hyundai, le opzioni sono ridotte al minimo, invece la variazione è offerta attraverso il livelli di allestimento, compresa la capacità della batteria e le opzioni del motore a tua disposizione.

Pocket-lintHyundai Ioniq 5 foto 22

Si trova nel territorio di un crossover, assomiglia un po più a un grande portello che a un SUV, ma ha uno spazio interno da SUV, quella sensazione di apertura nellabitacolo e una ragionevole profondità del bagagliaio. Hyundai lo chiama CUV (veicolo utilitario crossover); in realtà, è di dimensionisimili alla VW ID.4 , semplicemente non sembra così elevato come il modello VW e questo potrebbe essere in parte dovuto allillusione ottica del design.

Su questa edizione Ultimate, i davanzali sono in tinta con la carrozzeria, mentre molte auto hanno sezioni inferiori più scure: a prima vista, questo può far sembrare la Hyundai più piantata e le rivali più alte, anche se tutte hanno una altezza da terra simile.

Quel bagagliaio, tuttavia, mentre offre circa 540 litri di spazio, ha un pavimento piatto e non cè praticamente spazio sotto quel pavimento, a differenza dellID.4. Pensiamo che lo stivale ID.4 sia più pratico, lo stile hatchback inclinato non gli dà il volume che ci si potrebbe aspettare. I sedili posteriori possono scorrere in avanti per aumentare lo spazio del bagagliaio, ma se lo fai, le cose cadranno facilmente sul retro di quei sedili.

interni

Mentre lesterno riflette che Hyundai ha iniziato da zero con questa vettura, linterno continua quella storia. Cè un pavimento piatto nella cabina, con Hyundai che sceglie di adattarsi a una console centrale scorrevole, chiamata Universal Island sullultimo assetto. Ciò significa che puoi bilanciare lo spazio anteriore e posteriore, magari dando più spazio per i piedi per il passeggero posteriore centrale o facendo scorrere quello indietro per dare più spazio intorno alla parte anteriore.

Pocket-lintHyundai Ioniq 5 foto 20

Sta in parte dimostrando che non cè un tunnel di trasmissione come quello che troveresti in unauto a combustione, ma lo spazio per i piedi nella parte anteriore non è molto utile: non puoi metterci nulla perché devi proteggere i pedali, quindi è più sul dare il senso dello spazio piuttosto che creare lopportunità di portare più borse della spesa.

Infatti, avendo convissuto con un modello di allestimento Premium (che non offre la console scorrevole) non possiamo dire che ci manchi. Quello che salta davvero fuori è la spaziosità e che i portabicchieri sono in una posizione davvero pratica, non ingombrano nientaltro nellabitacolo, quindi sono più utili che su molte auto. Cè anche una massa di spazio tra i sedili quando sollevi il bracciolo, abbastanza grande per un picnic decente, mentre il vano portaoggetti è più simile a un secchio: abbiamo riposto una fotocamera DSLR insieme ai manuali dellauto per tenerlo nascosto.

La sensazione di lounge continua, con il sedile del passeggero anteriore che offre una reclinazione decente con un poggiapiedi (su assetto Ultimate), come se potessi andare a dormire, mentre anche i sedili posteriori si reclinano leggermente. La cappelliera scorrevole può essere montata in un paio di posizioni diverse per accogliere anche questa reclinazione.

Cè molto spazio, con un buon spazio per le gambe nella parte posteriore e anteriore, Hyundai sfrutta davvero il pavimento piatto e questo è forse il più grande vantaggio da Ioniq 5. Cè un sacco di spazio per le ginocchia nella parte posteriore, non ti senti come sei circondato da mobili per interni e questo rappresenta un gradito cambiamento. Anche con un guidatore di 6 piedi davanti, cè spazio per un 6 piedi dietro, con spazio libero, e questo è piuttosto raro per unauto di queste dimensioni esterne. Potrebbe essere il Tardis? Certamente vorrebbe che tu la pensassi così.

Pocket-lintHyundai Ioniq 5 foto 10

Anche la finitura interna è di alta qualità, notevolmente più esotica sullallestimento Ultimate della Kona Electric, con finiture più morbide. Linterno chiaro sembra fantastico, ma sospettiamo che con i bambini nella parte posteriore inizieranno a sembrare grigi, ma ci sono molte belle linee pulite e semplici, che aggiungono ancora una volta il senso del futuristico.

Il Premium non ottiene una finitura così sontuosa; sebbene mostri molte delle stesse caratteristiche di design, come i punti opportunamente scolpiti per chiudere le porte piuttosto che le maniglie, cè sicuramente un miglioramento della qualità quando si passa al rivestimento superiore, con i modelli di livello inferiore che si spostano su plastiche più dure, ad esempio.

Cè un piccolo dettaglio a cui prestare attenzione: abbiamo scoperto che le fibbie delle cinture di sicurezza posteriori potrebbero sbattere contro il lato dellauto, quindi potresti voler assicurarti che siano fuori mano o collegate prima di partire per un viaggio. È un punto minore, ma quando stai viaggiando lungo lautostrada per un paio dore, può diventare un po irritante.

Una posizione di guida tecnica

Non ci sono controlli sulla console centrale: il selettore di marcia si trova sul piantone dello sterzo, consentendoti di ruotare per selezionare la modalità, mentre linterruttore del freno a mano è sul cruscotto.

La grande cosa che noterai è labbinamento di due display in una barra, uno per il conducente e uno al centro dellauto. È piatto piuttosto che curvo come abbiamo visto su alcuni altri modelli: Hyundai non sembra coccolare il guidatore come fanno altri modelli, il che mantiene le cose leggere e ariose, ma forse non si sente così coinvolto come alcune auto che voglio mettere il conducente al primo posto.

Pocket-lintHyundai Ioniq 5 foto 32

Tutti i controlli sono raggruppati attorno al volante, tuttavia, con comandi del clima facili da usare, pulsanti per le funzioni principali e una manopola del volume adeguata sul cruscotto, facile da azionare. Lo Ioniq 5 utilizza una pompa di calore per il controllo del clima e non è immediato come un condizionatore daria tradizionale a cui potresti essere abituato, quindi abbiamo scoperto che nelle mattine fredde dovevamo premere regolarmente il pulsante di sbrinamento dei finestrini per dargli un colpo per eliminare la condensa durante il nostro viaggio.

Per ripulire il volante, Hyundai utilizza controller più grandi piuttosto che singoli pulsanti e questi funzionano bene, anche con un pulsante personalizzabile, quindi puoi assegnare quella funzione alle tue preferenze, sebbene la gamma di funzioni offerte per quel pulsante sia limitata - quindi non è così utile come potrebbe essere.

I due display sono da 12 pollici ciascuno e mentre il display del conducente ha una disposizione visiva in stile 3D con grafica per mostrare la velocità a sinistra e come viene utilizzata la potenza a destra, la parte centrale può essere personalizzata in base alle proprie preferenze. In funzione, è la stessa della Hyundai Kona Electric, ma con una modifica grafica per renderla più sofisticata.

Ci sono due temi di colore per il display, nero o bianco, e sfortunatamente passare da uno allaltro significa immergersi nel menu delle impostazioni: non cè passaggio giorno/notte che pensiamo dovrebbe esserci. Se stai guidando sul tema del bianco, quando diventa buio, stai guardando una barra di luce bianca piuttosto grande. Si attenua - e ha un filtro per la luce blu (quindi diventa leggermente più giallo dopo il tramonto) - ma il tema nero è molto meglio per la guida notturna.

Il display centrale è abilitato al tocco, funziona allunisono con i pulsanti per farti passare alle aree principali: mappa, nav, media. Questi pulsanti sono utili perché il pulsante home sul touchscreen a volte si nasconde, ad esempio sulla mappa, e non è presente alcun pulsante home fisso.

È abbastanza facile aggirare tutte le funzioni principali e lutilizzo del sistema nativo di Hyundai fa un uso migliore del display rispetto ad Android Auto , dove una sezione del display viene persa a causa del nome del telefono connesso. Apple CarPlay è migliore, utilizzando il display completo.

Non cè supporto per il wireless, quindi devi collegare il telefono e, a causa della cabina aperta, fondamentalmente colleghi il telefono a livello del pavimento ... e poi lo lasci in un sgabuzzino a livello del pavimento, accanto al tuo piedi. Sebbene ci siano altre prese USB nella console centrale dellauto, solo quella anteriore supporta la connessione per smartphone, il che sembra una stranezza: è un posto davvero strano per collegare un telefono.

Una cosa positiva è che il pulsante di controllo vocale sul volante accederà al sistema dellauto (che è nella media) o su una lunga pressione può quindi accedere a Google Assistant o Siri sul telefono quando si utilizza Android Auto o Apple CarPlay - che è molto più flessibile per rispondere ai messaggi, ricerca avanzata e così via.

La ricerca della destinazione è abbastanza buona e puoi cercare le stazioni di ricarica in un paio di tocchi, con la possibilità di perfezionare gli elenchi per tipo (AC, DC) e in alcuni casi per marchio, sebbene non tutti i marchi siano rappresentati, inclusi alcuni dei principali attori, come Pod Point. Abbiamo anche scoperto che lelenco non era il più aggiornato, con alcune opzioni elencate come caricabatterie privati. Abbiamo trovato cose simili su Kona, il che suggerisce che è necessario un aggiornamento del database.

Batteria, autonomia e prestazioni

Ci sono due opzioni di batteria su Ioniq 5, il trim SE Connect entry-level offre solo la batteria da 58kWh, mentre il trim Premium e Ultimate offrono anche la batteria da 73kWh.

Ci sono quindi più opzioni di motore. Ancora una volta, SE Connect ha unopzione, la 170 CV, che aziona le ruote posteriori. Anche Premium e Ultimate hanno questa opzione, insieme a una trazione posteriore da 217 CV di livello superiore o a una trazione integrale a doppio motore da 305 CV.

Sono sette diverse opzioni, che danno una fascia di prezzo (al momento della stesura) da £ 36.995 fino a £ 48.145 attraverso tutte le finiture. Sì, questultima cifra sarebbe il prezzo per il modello Gravity Gold nella foto qui, abbiamo anche guidato lopzione Premium 217PS 73kWh, che arriva a poco più di £ 40k che potrebbe essere più appetibile, offrendo la gamma più lunga ma a un prezzo più prezzo gradevole.

Pocket-lintHyundai Ioniq 5 foto 25

Ruota la leva per innestare D e con un tocco sullacceleratore guidi in beato silenzio. Bene, a parte il dolce ronzio alle basse velocità mentre ti senti come se stessi guidando verso il futuro. È, in realtà, unesperienza vicina a quella di guidare la Kona, per molti aspetti, ma è più raffinata, di classe superiore, di unauto elettrica e molto più simile alla guida di un grosso SUV tedesco, che sarà probabilmente il tipo di conducente che Hyundai sta cercando.

La cosa interessante è il pulsante della modalità di guida sul volante. E sì, è un pulsante, non un quadrante, che sembra unoccasione mancata. Si tratta di un quadrante zigrinato per fare clic tra le modalità come una sorta di hypercar, invece è solo un pulsante, con ripetuti colpi che attraversano le modalità offerte.

Pocket-lintHyundai Ioniq 5 foto 24

Queste modalità coprono Eco, Normale e Sport, ognuna facendo esattamente ciò che ti aspetti e con la personalizzazione disponibile tramite i menu. Ognuno cambia il carattere di come guida lauto, specialmente in relazione alla rigenerazione della forza di sollevamento quando si solleva il piede dallacceleratore e alla risposta che si ottiene dallacceleratore quando si abbassa il piede.

Hyundai offre anche paddle al volante e questi cambiano la forza della rigenerazione. Ciò significa che puoi apportare queste modifiche al volo, indipendentemente dalla modalità di guida in cui ti trovi. Puoi aggiungere più rigenerazione a Sport o rimuovere la rigenerazione da Eco quando guidi in autostrada, ad esempio, e vuoi solo per inerzia. Non labbiamo mai tolto dalla rigenerazione di livello 3 e mentre i paddle sono belli, ci chiediamo quanti li useranno mai.

Puoi tenere premuto il paddle sinistro per attivare i Pedal, che è essenzialmente una guida con un solo pedale, la grande differenza tra questo e il livello massimo di rigenerazione (livello 3) è che usando i Pedal lauto si fermerà completamente, mentre al livello 3 di rigenerazione rallenterà a passo duomo, ma continuerà ad andare avanti. La guida a pedale singolo è ottima per iniziare a guidare da fermo e presto ti abituerai a giudicare la distanza che dovrai rallentare completamente.

Pocket-lintHyundai Ioniq 5 foto 31

Durante il nostro primo breve test drive, abbiamo fatto una media di circa 3,5 miglia per kWh nel modello Ultimate con trazione integrale. Prendendo quella cifra, otterresti circa 255 miglia da una carica completa; Hyundai cita unautonomia di 310 miglia. Questa è solo unistantanea di ciò che otterrai in base alla guida tipica su strade miste.

Nella guida a lungo termine nel modello a trazione posteriore (217 CV) con la batteria da 73 kWh, abbiamo registrato una media di circa 3,8 miglia per kWh sulle autostrade (autonomia di 277 miglia), ma più di 4,2 miglia per kWh nella guida urbana (autonomia di 306 miglia); siamo riusciti a stare seduti a 5,5 miglia per kWh su un viaggio più breve con un sacco di traffico stop-start, ma non è tipico sui viaggi più lunghi. Lautonomia che otterrai dipende da una serie di fattori: come guidi, il tempo, il percorso, come è caricata lauto, ma nel complesso lo Ioniq 5 si comporta bene, ma non sembra così facile estrarre il stesso tipo di medie che otteniamo nella Hyundai Kona, ma questo potrebbe semplicemente dipendere dalle dimensioni e dal peso del veicolo.

Laltro aspetto importante dellimpianto elettrico qui è che supporta la ricarica a 220 kW. Ciò offre la capacità di funzionare con i caricabatterie più veloci che troverai.

Pocket-lintHyundai Ioniq 5 foto 16

Sul modello di punta cè un sacco di ritmo, con un tempo di 0-62mph di 5,2 secondi e anche se questo non preoccupa Tesla , cè più ritmo rispetto a modelli come VW ID.4. Ma come tutte le auto elettriche, è la coppia istantanea fuori linea - e tutto in relativo silenzio - che rende questo un piacere da guidare, e questo è vero per tutti i modelli.

Il cruise control entra nei sistemi di assistenza alla guida e offre anche qualcosa in più. È adattivo, quindi manterrà la distanza dallauto che precede, ma offrirà anche assistenza allo sterzo, o "lane follow assist", anche nelle opzioni per il cambio di corsia assistito. Sebbene lassistenza al mantenimento della corsia possa essere molto buona, abbiamo scoperto che spesso apportava micro regolazioni quando avrebbe dovuto guidare dritto, un po come BA Baracus, il furgone dellA-Team. Questo può essere scomodo perché finirai per litigare, quindi il più delle volte lo disattiviamo.

Inoltre, smetterà rapidamente di seguire le strade quando le linee diventano indistinte - cosa comune nel Regno Unito - come sempre, è necessario avere sempre le mani sul volante per mantenere il controllo del veicolo.

Le migliori auto elettriche 2022: i migliori veicoli a batteria disponibili sulle strade del Regno Unito

Generalmente Ioniq 5 guida molto bene, offrendoti una buona posizione sulla strada, molta visibilità grazie a quei bei finestrini grandi e un sacco di comfort. Labbondanza di spazio fa davvero la differenza, rendendolo un luogo ideale per i viaggi più lunghi, con una corsa che si sente abbastanza controllata da non sguazzare negli angoli, mentre si prende il punto sulle strade dissestate.

Per ricapitolare

La Hyundai Ioniq 5 porta con sé l'eccitazione di un'auto nuova di zecca: si sente unica, si sente speciale, mentre tira dentro l'esperienza delle precedenti auto elettriche di Hyundai. La Ioniq 5 è un EV che sarà popolare per un po' di tempo.

Scritto da Chris Hall.