Pocket-lint è supportato dai suoi lettori. Quando acquisti tramite i link sul nostro sito, potremmo guadagnare una commissione di affiliazione. Scopri di più

Questa pagina è stata tradotta utilizzando l'intelligenza artificiale e l'apprendimento automatico.

(Pocket-lint) - Il lancio dellAudi A8 è stato linizio di qualcosa di nuovo. Mentre Audi sembra rilasciare molte nuove auto tutto il tempo, lAudi A7 è di nuova generazione: il suo esterno moderno incontra un interno ampiamente aggiornato rispetto al modello precedente, completo di una nuova tecnologia che spazzerà via tutto ciò che hai imparato sugli interni Audi negli ultimi 10 anni.

Questa vettura, come lAudi A8, è progettata per raggiungere unautonomia di livello 3 nel corso della sua vita. Questa macchina, tramite unapp per smartphone, si parcheggia da sola nel tuo garage (dopo un aggiornamento). Ma a differenza dellA8, questa non è una limousine per il trasferimento dellesecutivo: è una coupé da turismo a 5 porte grandiosa premium per lesecutivo da guidare.

Ognuna di queste parole descrittive è importante perché delinea le grandi ambizioni della nuova A7: il premio va con il marchio; il gran turismo significa potenza e lusso per lunghi viaggi; la parte coupé a 5 porte ti dice che è ancora pratica. Quindi quanto bene bilancia questo trio?

Il nostro parere veloce

LAudi A7 sembra unauto che abbraccia il futuro. Da un punto di vista degli interni, la sua cabina ricca di tecnologia ha tutte le opzioni che potresti desiderare, molte delle quali sono fornite di serie.

La guida è anche sicura, confortevole e divertente una volta in corso, sedendosi più sul lato sportivo che sul lato incrociatore (pensiamo che valga la pena attenersi allassetto Sport se il comfort è più importante per te). Cè un sacco di appeal esecutivo.

Quindi lAudi A7 ha gli interni premium, la grande potenza da turismo e le ampie scatole di praticità tutte spuntate. Tuttavia, cè anche una forte concorrenza: la BMW 6 Gran Turismo o la Mercedes CLS, ad esempio, oppure potresti raggiungere la Jaguar XJ o la Porsche Panamera. Tutte quelle auto ti faranno sorridere, così come lAudi.

Più tecnologia e più opzioni di motore arriveranno sullAudi A7 in futuro, quindi è unauto del futuro che vale la pena tenere docchio.

Alternative da considerare:

Porsche Panamera

Pocket-lintAlternative immagine 1

Più costoso dellA7, ma poi sembra un significativo passo avanti. Disponibile con una gamma di motori estremamente potenti, tra cui unallettante versione "e-hybrid" che puoi collegare, il punto di forza della Panamera è coprire enormi distanze a velocità e creare comfort. Quando la strada diventa tortuosa, diverte anche. Mancano alcuni dei sistemi semi-autonomi di livello 2 e di assistenza alla guida della A7, ma poi compri una Porsche per farti guidare o per guidarla? Laspetto è ben giudicato - molto migliorato rispetto alla prima generazione - e la Panamera si sente speciale per sedersi, con materiali di alta qualità utilizzati. È disponibile anche nella più pratica versione station wagon Sport Turismo.

Leggi la nostra recensione completa: Porsche Panamera

Recensione Audi A7: una granturismo ricca di tecnologia

Recensione Audi A7: una granturismo ricca di tecnologia

4.0 stelle
Pro
  • Grande livello di equipaggiamento standard
  • Interni sofisticati con una tecnologia molto intelligente
Contro
  • Cambio un po insensibile sulla linea
  • Il giro può essere un po duro
  • Il sistema di comando vocale è vintage

Design sportivo da coupé, ora molto più nitido

Caratteristico della nuova A7 è il rigonfiamento di potenza nel cofano e alcune spalle ingannevoli. Da alcune angolazioni questo sembra un design aggressivo e muscoloso, ma da altre angolazioni sembra svanire. Cè ancora una proporzionalità leggermente strana per lauto, con la parte posteriore che sembra cadere improvvisamente grazie a quella linea del tetto da coupé, ma è tutto più nitido e sportivo rispetto al modello A7 che va in pensione.

Pocket-lintAudi A7 immagine esterna 2

Il caratteristico design della griglia Audi centra un frontale ampio e basso, presentando fari personalizzati opportunamente esotici, con luci di marcia diurna a coste, abbinate a una configurazione di illuminazione posteriore che presenta circa 292 LED individuali (le luci di assetto sportivo sono un po meno fantasiose). A perforare la griglia sono due enormi array di sensori, che ospitano scanner laser e radar per fornire dati sul mondo esterno e abilitare alcune delle funzioni di sicurezza e autonome più avanzate di questa vettura.

Un interno futuristico completamente nuovo

Mentre lesterno ha una vaga somiglianza con lultimo A7, linterno no. È un interno unico (per il momento), poiché sebbene condivida gran parte della stessa tecnologia dellAudi A8 - con la disposizione del doppio touchscreen nella console centrale - laspetto è totalmente diverso.

Il cruscotto dellA7 si attiene allutilizzo di angoli simili come lesterno, con quei due display touchscreen centrali che presentano praticamente tutti i controlli interni. Bottoni, manopole e slider sono quasi del tutto fuori, dentro un effetto pulito e piatto che abbraccia il futuro.

La console centrale mantiene una manopola del volume e il pulsante di avvio/arresto - entrambi ci piacciono molto - ma il selettore del cambio è stato ridotto a una levetta corta con unampia imbottitura sul palmo, mentre gli altri controlli qui sono appiattiti in pulsanti a sfioramento con feedback tattile .

Lo schermo superiore da 10,1 pollici funziona come tutti gli schermi delle auto, offrendo accesso alle impostazioni dellauto, alla navigazione, ai media, alle funzioni di chiamata e queste sono tutte piuttosto semplici. Tutto bene qui, allora.

Lo schermo inferiore ospita quindi il controllo del clima, oltre a offrire scorciatoie personalizzabili (che potrebbe essere una posizione pre-salvata o una stazione radio). Significa che non cè bisogno di andare in giro alla ricerca di cose del genere: puoi semplicemente premere il pulsante di scelta rapida e succede. Questo schermo inferiore si cancella anche per diventare un blocco per gli scarabocchi quando è necessario inserire del testo, in modo da poter tracciare le lettere con un dito, il che è quasi come avere un iPad montato sul cruscotto su cui scarabocchiare.

Rispetto a un interno di unauto pieno di pulsanti e manopole, possiamo vedere che mantenere pulito tutto questo kit dallaspetto stravagante sarà un gioco da ragazzi. Si sporca di impronte digitali, ma non cè il rischio che accumuli briciole di sandwich e altri detriti. Anche i portabicchieri e il portachiavi sono nascosti sotto una patella, mentre il pad di ricarica wireless Qi per il tuo telefono e le connessioni USB vivono nel bracciolo, fuori dalla vista, tutto bello e in ordine.

Pocket-lintImmagine interni Audi A7 16

È un posto sofisticato dove stare, ogni centimetro dellesperienza Audi premium. I display interni sono di alta qualità con un ottimo contrasto e colore (qualcosa che normalmente diciamo solo sui televisori, ma ecco fatto) e lapertura della mappatura a schermo intero o la navigazione nei menu è fantastico.

Supporta anche i gesti pinch-and-zoom, con scorrimento con due dita per modificare langolazione delle mappe grazie alladozione dei gesti dello smartphone. Rileva anche la sensazione tattile, con feedback di vibrazione al tocco in modo da sapere di aver effettivamente toccato qualcosa. Ciò dà sostanza ai pulsanti virtuali: non stai solo toccando e sperando, stai premendo e ottenendo una risposta fisica che sembra sorprendentemente fisica.

Puoi persino collegare il tuo telefono per ottenere Android Auto o Apple CarPlay , ma lalto livello di connettività in auto significa che hai molti servizi senza dipendere dallassistenza dello smartphone.

Gloria connessa, ma non tutta una navigazione semplice

Quindi siamo tutti favorevoli a questa interpretazione calda del futuro, ma ci sono alcuni buchi nel sistema.

Partiamo dai comandi vocali (che non è una novità, Audi lo propone da anni). Premi il pulsante sul volante o nellinterfaccia utente e puoi dettare le cose. Ma nellA7 questa sembra ancora unesperienza vecchia di anni. Con la barra del controllo vocale impostata così incredibilmente in alto da Amazon Alexa e Google Assistant, Audi non si avvicina. Seriamente, Alexa non può arrivare abbastanza velocemente da dare a questa macchina futuristica la fluidità vocale che merita.

Pocket-lintImmagine interni Audi A7 19

Quella debolezza vocale aggrava una leggera stranezza con linterazione che si evolve da questa interfaccia di controllo apparentemente senza soluzione di continuità. È difficile da usare su strade sconnesse, perché non ci sono elementi fisici, a parte la manopola del volume. Cercare di inserire una destinazione come passeggero scrivendo sul display inferiore è difficile mentre si è in movimento, ed è qui che la voce sarebbe davvero daiuto.

Anche premere i pulsanti del menu durante la guida può essere difficile, soprattutto dover approfondire i controlli sullo schermo per il controllo del clima, ad esempio. Sospettiamo che ci sarà molta di questa esperienza nelle auto del futuro, ma si evolverà nel tempo (per non dimenticare, ovviamente, che in una futura situazione autonoma tali controlli sembreranno ancora più naturali). In questo momento, possiamo accettare totalmente che una volta che hai colpito lasfalto liscio dellautostrada - che, diciamocelo, è lhabitat naturale dellAudi A7 - che non avrai lo stesso tipo di problemi che avresti in un entroterra Ampio.

Al posto di guida

La cosa che redime è che il display del conducente nella A7 è lAudi Virtual Cockpit, quel glorioso display da 12,3 pollici che è personalizzabile e controllato dai pulsanti fisici sul volante. Dal punto di vista del conducente, è solo linserimento di una destinazione al volo che potrebbe causare un problema - e se è qualcosa di semplice come tornare a casa, ricorda che i pulsanti di scelta rapida risolvono questi problemi.

Pocket-lintImmagine degli interni dellAudi A7 2

Quindi per lautista, lesperienza è fantastica. Comodi sedili sportivi e acri di pelle La sistemano nellabitacolo, che porta lalta qualità che ci si aspetterebbe da Audi. Lassetto della linea S ottiene un leggero sollevamento rispetto al modello di ingresso, ma è meno di un passo rispetto ad alcune delle altre auto di Audi, quindi lassetto Sport è degno della tua attenzione.

LAudi A7 è Quattro - il modo del marchio tedesco di dire trazione integrale - di serie e viene fornita con una distribuzione intelligente della coppia per assicurarsi che la potenza sia dove dovrebbe essere. È inoltre dotato di sterzo integrale come opzione, modificando il rapporto di sterzata a seconda di ciò che stai facendo. Il risultato è un raggio di sterzata più stretto a basse velocità che potrebbe essere utile per la navigazione in parcheggi stretti e una migliore maneggevolezza alle alte velocità.

Lo sterzo è quasi comicamente leggero a basse velocità, però. E mentre questo potrebbe essere un vantaggio per le manovre a bassa velocità, sembra un po fuori dal carattere per unauto di queste dimensioni. Pesa sensibilmente con la velocità, ma non si sente mai estremamente connesso.

Cè un suono smorzante per rendere la cabina dellA7 un posto tranquillo, non che ci sia clamore da un motore V8 sul fronte. No, questa è lAudi di nuova generazione, quindi al lancio viene proposta con due motorizzazioni V6 da 3,0 litri (a scelta tra benzina o diesel).

Pocket-lintImmagine degli interni dellAudi A7 3

Inoltre, questa è unauto che Audi chiama "mild hybrid". Ma non lasciarti confondere da cosa significhi quellibrido in questo senso. Non è un ibrido come la BMW serie 5 iPerformance o la Toyota Prius , ma è lapplicazione di una tecnologia intelligente, che utilizza un sistema elettrico secondario a 48 V per fornire assistenza in una serie di aree.

Questo sistema aumenta lefficienza dellA7 consentendo cose come il coasting regolare e il riavvio efficiente del motore per un sistema di arresto/avvio più avanzato. Ciò significa davvero che potresti guidare lungo lautostrada e il motore potrebbe spegnersi quando stai percorrendo una discesa o non acceleri più, riavviando dolcemente pronto a fornire la potenza quando ne hai bisogno. Il risultato è una cifra dichiarata di 48,7 mpg su un ciclo combinato, con 150 g/km di CO2 (la benzina, che non abbiamo guidato, non andrà molto bene con quelle misure).

Una corsa sicura e un piacere da guidare

Il diesel da 3,0 litri è abbinato a un cambio tiptronic a 8 rapporti, che è fluido come ci si aspetta dalle automatiche Audi. La benzina ottiene il cambio automatico a 7 marce S tronic a doppia frizione, quindi potrebbe sembrare un po più veloce.

La nostra unica vera lamentela riguardo allunità è che le cose possono essere un po lente a reagire quando si parte. LA7 non si insinua quando togli il freno e poi cè un leggero ritardo mentre aspetti che arrivi la potenza quando metti il piede sullacceleratore. È evidente ai semafori e quando ci si allontana dalle rotatorie. Laddove potresti desiderare unerogazione regolare di potenza, vieni colpito da un lieve ritardo, seguito da unesplosione di potenza che ti deforma lo stomaco.

Su alcune auto, il passaggio alla modalità Sport/Dynamic allevia questo problema (lasciando i regimi più alti in modo che la potenza sia pronta per luso) e sui precedenti modelli Audi sei stato in grado di modificare le dinamiche fuori linea cambiando la modalità Drive. Nel caso dellA7, non sembra accadere così drammaticamente, quindi ci aspettiamo che la benzina possa fornire una guida più incisiva.

TomTom Go Navigation App è un'app di navigazione mobile premium per tutti i conducenti

Ciò potrebbe infastidire i conducenti di città impazienti, ma una volta avviata, lA7 non ha mancanza di potenza alla spina. È allora che lAudi A7 canta davvero; la nota di scarico del motore V6 non è opprimente, con labitacolo sufficientemente isolato da risparmiare il costante ronzio del diesel, ma continuerà a solleticare nelle gamme di regimi più alti, insieme a molta velocità. No, non è un V8, ma quella razza in via di estinzione è qualcosa che è sempre più difficile da acquisire in Europa senza pagare attraverso il naso (sia ora che probabilmente più tardi con i cambiamenti delle tasse e dei prezzi del carburante).

Il giro dellA7 è dalla parte solida, dando un giro sportivo piuttosto che un giro sguazzante dellincrociatore. Le sospensioni sportive sono di serie sullassetto S-line, abbassando lauto di 10 mm, il che non è necessariamente una buona cosa. Il passaggio alla modalità Comfort non cambia notevolmente, ma cè lopzione per le sospensioni pneumatiche adattive autolivellanti (£ 2.000) che vale sicuramente la pena esplorare se stai cercando una crociera più piacevole. Con i cerchi da 19 pollici di serie sulla Sport, rafforza ancora una volta largomento per scegliere Sport rispetto alla S-line.

Pocket-lintAudi A7 exterior image 9

Ci sono anche una tonnellata di sistemi di sicurezza e assistenza offerti (alcuni ancora da mettere a disposizione, che entrano nel lato autonomo delle cose). Mentre Audi non spinge lA7 come unauto a guida autonoma, linclusione del cruise control adattivo che funziona con il sistema di partenza dalla corsia guida praticamente lauto stessa (disponibile attraverso laggiunta del Tour Pack), sebbene lA7 non ma offri un solo pulsante da premere per passare il controllo allauto, come ottieni con Nissan ProPilot .

Tuttavia, molte delle opzioni più intelligenti costano una bella fetta. Come con qualsiasi Audi, puoi spendere molto aggiungendo molte delle funzionalità più avanzate. Ma stai tranquillo, ottieni molto di serie su entrambi i livelli di allestimento: illuminazione interna a LED, Virtual Cockpit, quei doppi display interni, navigazione, opzioni di connessione per smartphone, cruise control, telecamera posteriore, sensori di parcheggio e assistenza in coda.

Per ricapitolare

Dalla qualità degli interni, caratteristica rispetto alle altre Audi, al design esterno più nitido, cè molto fascino esecutivo nella nuova A7. Ciò si riflette anche nella guida, che è sicura, confortevole e divertente una volta in corso, sedendo più sul lato sportivo che sul lato incrociatore. La concorrenza è diffusa, tuttavia, il che rende la decisione di acquisto ancora più difficile.

Scritto da Chris Hall.