Pocket-lint è supportato dai suoi lettori. Quando acquisti tramite i link sul nostro sito, potremmo guadagnare una commissione di affiliazione. Scopri di più

Questa pagina è stata tradotta utilizzando l'intelligenza artificiale e l'apprendimento automatico prima di essere revisionata da un redattore umano nella vostra lingua madre.

(Pocket-lint) - La Cupra Born è una proposta molto allettante. Come la Hyundai Ioniq 5 e la Kia EV6, anche una prima occhiata al design generale suggerisce che vi aspettano momenti emozionanti al volante.

La vettura è stata progettata utilizzando la piattaforma MEB del Gruppo Volkswagen, su cui si basa la Volkswagen ID.3, che viene assemblata nello stesso stabilimento tedesco.

A questo proposito, ci sono molte somiglianze tra questi due veicoli elettrici, con cinque porte, cinque posti e un'utilitaria che offre praticità, soprattutto per le famiglie.

Tuttavia, mentre l'ID.3 ha un aspetto gradevole, la Cupra Born colpisce per il suo stile dinamico, sia all'esterno che all'interno.

Abbinata a prestazioni sportive, utilizzando una delle tre diverse combinazioni di batterie, la Cupra Born promette molto. Ma è in grado di mantenere le promesse per l'uso quotidiano?

Il nostro parere veloce

Nel complesso, la Cupra Born è un vero successo. Offre un'esperienza EV davvero frizzante, ricca di prestazioni, grande maneggevolezza e un'autonomia quotidiana più che adeguata. È sicuramente molto divertente da guidare, una sensazione che viene esaltata dal pratico raggio di sterzata di 10,2 metri.

Ciò che potrebbe essere migliorato è il sistema di infotainment. C'è tutto quello di cui si può avere bisogno, ma l'erogazione è piuttosto carente. Dovrete sicuramente scaricare il manuale e studiarlo nel corso di qualche serata, per capire cosa è necessario per ottenere il meglio dal sistema.

In alternativa, potete chiedere l'aiuto dei vostri figli. È probabile che riescano a capire tutto in pochi secondi. E una volta capito tutto quello che vi hanno spiegato, il Cupra Born inizierà ad avere un senso. Ma soprattutto, questo è un altro EV con una personalità davvero forte.

Se Cupra riuscirà a perfezionare la tecnologia, sarà in grado di competere con Hyundai Ioniq 5 e Kia EV6 come una delle migliori auto elettriche sul mercato.

Recensione della Cupra Born: L'eroe della Hatchback

Recensione della Cupra Born: L'eroe della Hatchback

4.5 stars - Pocket-lint recommended
Pro
  • Guida davvero piacevole
  • Stile Cupra unico
  • Spaziosa all'interno
  • Qualità costruttiva solida
  • Prestazioni vivaci
Contro
  • Sistema di infotainment sconcertante
  • L'autonomia potrebbe essere migliore
  • Il manuale è completamente digitale
  • L'illuminazione ambientale infastidisce di notte

Un design perfetto e carino

Cupra ha fatto un ottimo lavoro con il Born, e la nostra auto aveva un aspetto davvero perfetto nel Geyser Silver, che sembra quasi opaco quando lo si osserva da certe angolazioni o sotto una luce diversa.

Pocket-lintcupra nato recensione foto 6

Anche le finiture nere sono ben visibili, soprattutto lungo i finestrini laterali, sul montante posteriore e sul portellone posteriore. I brancardi di colore scuro e l'inserto nero sulla griglia anteriore e sul paraurti posteriore aggiungono un uso intelligente dei colori a contrasto, e Cupra completa il tutto con badge color rame e sottili abbellimenti delle finiture. Se aggiungiamo l'argento e il nero dei cerchi, l'intero pacchetto è di grande effetto.

La Cupra Born ha anche un aspetto molto aggressivo e sicuramente pronto per l'uso, soprattutto nella parte anteriore. Sembra anche piuttosto bassa a terra, a causa del modo in cui è posizionata, anche se l'abbiamo trovata sorprendentemente abile nel superare i solchi e i dossi quando abbiamo spostato l'auto in posizione per alcune foto panoramiche.

In termini di dimensioni, la Cupra Born è lunga 4,32 metri e alta 1,80 metri. La larghezza, compresi gli specchietti, è di 1,80 metri, un valore che abbiamo trovato davvero pratico nell'uso quotidiano. Sebbene la Born sembri grande all'interno, sembra perfettamente a suo agio quando ci si fa strada nei villaggi più stretti e nelle stradine di campagna a un solo binario. Il nostro modello, con tutte le dotazioni, aveva un peso a vuoto di 1934 kg, ma ci è sempre sembrato molto agile ovunque lo portassimo.

Interni freschi

Come accennato in precedenza, la Cupra Born ha un aspetto accattivante dall'esterno, ma è l'interno che è davvero sorprendente. Se non siete abituati ai veicoli elettrici, troverete molte cose che vi interesseranno, dallo spazio extra a una serie di comandi di guida che sono decisamente diversi.

Sottili macchie di rame proseguono il tema iniziato all'esterno, con grande effetto sui pannelli delle portiere e sul vano portaoggetti centrale, dotato di un pratico sportello scorrevole per coprire gli oggetti di valore.

Pocket-lintcupra nasce recensione foto 17

L'illuminazione ambientale interna è bella e sembra una buona idea, ma in realtà è piuttosto invadente quando si guida di notte. Tornando a casa al buio e con un'autostrada trafficata a più corsie da affrontare, il bagliore proveniente dal lato del guidatore mi ha distratto parecchio. Forse è possibile attenuarlo, ma, in tal caso, i comandi sembrano essere sepolti nelle profondità del sistema di infotainment della Born.

Il punto di forza della Born è lo spazio che offre all'interno. Grazie al passo di 2,76 metri, l'abitacolo è spazioso e arioso. C'è anche molto vetro, anche se la linea della carrozzeria restringe la superficie vetrata verso la parte posteriore. Davanti, i sedili a secchiello del nostro modello erano davvero comodi, con lo schienale avvolgente che ti sostiene in modo mirato, soprattutto quando affronti le curve con decisione.

La configurazione dei sedili posteriori è un po' più convenzionale e piuttosto piatta, ma non per questo meno comoda. L'installazione di un seggiolino per bambini, ad esempio, è un gioco da ragazzi. C'è anche un robusto bracciolo centrale nella parte posteriore e molto spazio per i piedi, i telefoni, le borse e tutto ciò che una famiglia ammassa nell'auto.

Inoltre, sono presenti numerosi scomparti per bevande di ogni forma e dimensione, nonché porte USB e ricarica wireless sotto il bracciolo anteriore.

Nel frattempo, lo spazio del bagagliaio è abbastanza generoso, con 385 litri prima di abbattere i sedili posteriori frazionati 60/40.

L'unica preoccupazione per gli interni del nostro esempio era la loro durata dopo le inevitabili cadute che si verificano in un'auto familiare. Gli inserti dei sedili in pelle scamosciata sono sicuramente belli da vedere, ma potrebbero non essere più così impressionanti dopo qualche uscita.

Una storia di tecnologia pratica

Chi acquista la visione della Cupra Born si sentirà subito a proprio agio con la tecnologia presente in quest'auto. Sebbene gran parte di essa sia molto buona e decisamente utile, il modo in cui questa tecnologia viene fornita non è sempre altrettanto piacevole. Il principale responsabile è lo schermo da 12 pollici per l'infotainment situato al centro della plancia, anche se è bene precisare che sono presenti anche Apple CarPlay e Android Auto, se si desidera ricorrere a uno dei due.

Pocket-lintcupra nasce recensione foto 13

La creazione di Cupra ha molto di buono, ma numerosi problemi rendono difficili molte operazioni comuni. Anzi, alcuni elementi sono semplicemente sconcertanti. Abbiamo avuto l'auto per qualche giorno e molte operazioni ci sono sembrate difficili da eseguire, o addirittura impossibili. Ad esempio, accendere il climatizzatore e regolarlo è una vera e propria distrazione durante la guida.

Anche alzare e abbassare il volume della radio è sembrato un compito impossibile, non aiutato dalle linguette "più" e "meno" sul volante, altrettanto sconcertanti. In realtà è possibile farlo in modo semplice, tramite i sottili pulsanti più e meno sotto lo schermo, anche se per noi non è stato immediatamente evidente. Per inciso, l'impianto audio Bose della nostra auto ha funzionato a meraviglia, una volta che il volume era al livello desiderato.

Pocket-lintcupra nasce recensione foto 16

Altrove, il display "Digital Cockpit" da 5,3 pollici davanti al volante è semplice ma efficace e mostra la velocità, l'autonomia della batteria e le indicazioni del navigatore satellitare. Sulla nostra vettura, il display head-up è stato ulteriormente migliorato e sostituito da quello di serie.

I pannelli sensibili al tocco sul volante non sono altrettanto interessanti e, ancora una volta, le opzioni del volume per la radio descritte sopra sono le più difficili da far funzionare correttamente. Una vera e propria esasperazione per un lavoro così semplice.

Il consiglio migliore per i tecnici di bordo è quello di scaricare un PDF del manuale, poiché ne avrete bisogno. Tuttavia, anche questo aspetto potrebbe essere migliorato. L'uso continuo del sistema di infotainment rende le cose più facili, naturalmente, ma ci è voluta una settimana per scoprire come cancellare le posizioni indesiderate sul navigatore satellitare, che si è rivelato essere un semplice caso di scorrere verso sinistra per rivelare un'icona. Tra l'altro, anche i comandi a comando vocale funzionano, ma i risultati per noi sono stati discontinui.

Guida, autonomia e ricarica

Forse la cosa migliore della Cupra Born è guidarla davvero. Se non siete abituati allo stile della configurazione del selettore di guida di questo particolare veicolo elettrico, all'inizio potrebbe sembrarvi un po' estraneo. Tuttavia, se si trascorre un po' di tempo a bordo della Born, tutto comincia ad avere un senso. Infatti, l'auto è pronta a partire non appena ci si siede con il portachiavi in tasca. Selezionate Drive dal selettore girevole a destra del display da 5,3 pollici e il resto è una semplice operazione di stop/go.

Pocket-lintcupra nasce recensione foto 15

I pedali del freno e dell'acceleratore hanno un aspetto aggressivo, mentre ruotando il selettore su "B" si attiva la funzione di frenata rigenerativa. Se siete amanti della guida di veicoli elettrici con questa funzione, scoprirete che funziona particolarmente bene nella Cupra Born. L'auto è essenzialmente un'automatica a una sola velocità, che offre una coppia massima di 310 Nm dal motore e una batteria da 58 kWh alle ruote posteriori. Sono disponibili anche altre due opzioni di batteria, da 45kWh e 77kWh.

Le prestazioni sono certamente più che adeguate, con un'accelerazione da 0 a 62 miglia orarie in 7,3 secondi. La velocità massima è di 99 miglia orarie, ma la parte davvero impressionante della guida della Cupra Born è la sua maneggevolezza. L'auto si sente bene su una vasta gamma di superfici stradali, ma eccelle nelle stradine tortuose di campagna e nelle zone collinari, dove si può entrare davvero in sintonia con la guida rigenerativa con un piede.

Anche in città la Cupra Born è facile da guidare. Anche se la vista posteriore è meno impressionante, si può contare su specchietti retrovisori decenti e una telecamera posteriore. Insieme all'eccellente sterzo, leggero ma reattivo, ci si sente sempre in controllo. Più la guidavamo e più migliorava, anche se la sensazione di spugnosità del pedale del freno rigenerativo richiede un po' di pratica per sentirsi a proprio agio, soprattutto durante le soste impreviste.

Inizialmente non pensavamo che la Cupra Born avesse un'autonomia così elevata, ma col tempo ci è sembrata perfettamente adatta alla guida di tutti i giorni. Ha convinto anche nei percorsi più lunghi, soprattutto se si guida con prudenza e si sfrutta la funzione di frenata rigenerativa.

Per quanto riguarda la ricarica della batteria, i dati di Cupra indicano che è possibile passare dal 5% all'80% in 35 minuti utilizzando un caricabatterie da 135 kW. In realtà, utilizzando un comune caricatore da 50 kW siamo passati dal 20% all'80% in circa 45 minuti, più o meno. Anche l'autonomia reale dell'auto in prova è risultata di poco superiore alle 200 miglia, anche se la cifra ufficiale è di 263 miglia.

Per ricapitolare

Nel complesso, la Cupra Born è un vero successo. Offre un'esperienza EV davvero entusiasmante, ricca di prestazioni brillanti, grande maneggevolezza e un'autonomia quotidiana più che adeguata. È sicuramente molto divertente da guidare, grazie anche a un raggio di sterzata di 10,2 metri.

Scritto da Rob Clymo. Modifica di Chris Hall.