Pocket-lint è supportato dai suoi lettori. Quando acquisti tramite link sul nostro sito, potremmo guadagnare una commissione di affiliazione. Scopri di più

Questa pagina è stata tradotta utilizzando l'intelligenza artificiale e l'apprendimento automatico.

(Pocket-lint) - Renault sta cercando di affrontare il più grande problema affrontato dalle auto elettriche - il costo - delineando i suoi piani futuri al suo evento Renault Eways Electropop.

La chiave di questi piani sarà la nuova Renault 5 - che uscirà su strada nel 2023 - che secondo la società sarà del 33% più economica della Renault Zoe . Ciò vedrebbe un costo di circa £ 19.000.

Ci sarà anche un revival della targa 4, con un modello pianificato che attualmente si chiama 4ever, ma puntando anche sullaccessibilità.

Gran parte di questo dipenderà dalle nuove piattaforme per auto elettriche di Renault: CMF-BEV e CMF-EV.

Il primo è rivolto alle auto del segmento B, compresa quella Renault 5 e la nuova 4ever, che rotolano oltre il 50% dei componenti - i componenti non EV - dallattuale CMF-B che è alla base di molti dei modelli Renault esistenti.

CMF-BEV è modulare, quindi la carreggiata e la lunghezza dei veicoli possono essere regolate, ma è progettato in base allaccessibilità economica, presentato come il venditore di volumi e consentirà unautonomia elettrica fino a 400 km WLTP (250 miglia).

Avrà un motore da 100 kW, che Renault progetterà da sola, cercando in definitiva di ridurre i costi, ridurre le dimensioni del gruppo propulsore e aumentare lefficienza.

La seconda piattaforma di Renault è CMF-EV, che è alla base della futura MeganE (nella foto) - prevista per il 2022 - e Nissan Ariya , prevista per il 2021. Questa piattaforma offrirà fino a 580 km di WLTP (360 miglia).

Stanno accadendo molte cose a livello organizzativo allinterno del Gruppo Renault, con lintenzione di lanciare 10 modelli elettrici in tutto il gruppo entro il 2025, sette dei quali della stessa Renault.

La Renault 5 sarà prodotta nel nord della Francia, così come le batterie, con la Renault che afferma che ha senso poiché Francia, Germania e Regno Unito sono visti come mercati chiave per il nuovo modello.

Ci sono piani per due gigafabbriche, sempre con lobiettivo di ridurre i costi delle batterie, mentre si preparano per le batterie a stato solido entro il 2030.

Sicuramente succederà molto per la Renault e inizieremo a vedere i risultati già nel 2022.

Scritto da Chris Hall.