Pocket-lint è supportato dai suoi lettori. Quando acquisti tramite i link sul nostro sito, potremmo guadagnare una commissione di affiliazione. Scopri di più

Questa pagina è stata tradotta utilizzando l'intelligenza artificiale e l'apprendimento automatico prima di essere revisionata da un redattore umano nella vostra lingua madre.

(Pocket-lint) - Se lidea di scambiare la tua auto ad alto consumo di benzina con un modello completamente elettrico rispettoso del pianeta ti ha attratto ma lansia da autonomia ti ha fermato, questa è una storia che potrebbe aiutarti a fare il salto.

Chris Ramsey, fondatore di Plug In Adventures , è partito domenica 16 luglio nel tentativo di completare il Mongol Rally con sua moglie in un modello modificato di Nissan Leaf. Ramsey spera di raggiungere il traguardo in Siberia entro il 4 settembre, che lo vedrà percorrere un totale tra 8.000 e 10.000 miglia nel veicolo completamente elettrico.

Ce la farà e quali sono le sfide che dovrà affrontare, oltre a trovare punti di collegamento in Kazakistan? Abbiamo parlato con Ramsey prima della sua partenza per scoprire il suo piano.

Cosè il Rally Mongolo?

L Adventurists Mongol Rally afferma di essere la più grande avventura automobilistica del pianeta. È iniziato nel 2004 e per 11 anni il traguardo è stato nella capitale mongola di Ulan Bator, con partenza dallEuropa. Nel 2015, il traguardo si è spostato nella città siberiana di Ulan-Ude, 400 miglia a nord di Ulaanbaatar.

Lidea del Mongol Rally è che le squadre guidino le loro minuscole auto esplosive per circa 10.000 miglia attraverso le montagne, il deserto e le steppe dellEuropa e dellAsia per raggiungere il traguardo. Non cè backup, supporto e nessun percorso prestabilito e perdersi è una cosa positiva piuttosto che negativa, con i team incoraggiati a interagire con la gente del posto e a tirarsi fuori dai guai.

Il Mongol Rally ha tre regole e solo tre regole. Le squadre possono prendere solo un piccolo veicolo da 1,0 litri, sono completamente sole e devono raccogliere 1000 sterline per beneficenza.

NissanNissan Leaf At-ev immagine 5

Il primo Mongol Rally aveva solo sei squadre, quattro delle quali hanno completato il percorso. Tredici anni dopo e il Mongol Rally 2017 vede la partecipazione di 340 squadre, una delle quali è Chris Ramsey, sua moglie, le loro due mascotte e una Nissan Leaf modificata, ma ancora completamente elettrica. Se il team di Ramsey taglia il traguardo, sarà il primo a farlo, oltre a tentare di farlo, su un veicolo elettrico.

Sfide dei veicoli elettrici

Il problema più grande per i veicoli elettrici non è il design o la tecnologia, ma lansia da autonomia, rendendo questa particolare avventura una vera sfida.

Molti di noi acquisteranno unauto a benzina o diesel senza pensarci due volte al fatto che a un certo punto potremmo rimanere senza carburante. Eppure, lesaurimento della batteria è probabilmente la prima cosa che ci preoccupa quando si tratta di acquistare un veicolo elettrico, anche se in teoria è praticamente la stessa cosa.

Se ti stavi chiedendo perché Chris Ramsey ha deciso di sfidare la Nissan Leaf al Mongol Rally, dissipare lansia da autonomia dei veicoli elettrici è uno dei motivi.

"Il Mongol Rally è il nostro veicolo elettrico più impegnativo fino ad oggi, ma è uno che abbiamo pianificato per un certo numero di anni. Non solo dovremo affrontare un numero sempre minore di caricatori di veicoli elettrici man mano che andiamo a est, il terreno diventa anche più difficile da navigare.

"Utilizzare una Nissan LEAF per questo è stata una decisione ovvia. Conosco molto bene lauto, è sempre stata affidabile e affidabile per me e ha la più grande rete di opzioni di ricarica rapida in Europa.

NissanNissan Leaf At-ev immagine 4

"Poiché accetterà anche una connessione Commando a 240 V anche nelle aree remote quando le mie opzioni di ricarica rapida sono esaurite, posso ancora caricare la batteria e continuare a muovermi. Questo viaggio riguarda lesperienza di viaggio, tuttavia, non raggiungendo la destinazione in un veloce tempo. Non vedo lora di mettermi in viaggio e far conoscere a più persone i vantaggi dei veicoli elettrici, da qualunque paese provengano!"

Quei punti di ricarica rapida che vediamo nelle stazioni di servizio e nei parcheggi nel Regno Unito non saranno un lusso che Ramsey avrà mentre affronta le piste sterrate e le buche in Kazakistan, quindi se riesce anche a metà del trekking di 10.000 miglia del Mongol Rally, chi potrebbe davvero sostenere che lautonomia è un problema per i veicoli elettrici? Certamente non vorremmo essere dalla parte dellaccusa di quel processo.

Si dice che una Nissan Leaf Acenta standard offra fino a 155 miglia con una singola carica e Ramsey prevede di percorrere tra le 150 e le 200 miglia al giorno per raggiungere il suo obiettivo di tagliare il traguardo il 4 settembre. Tuttavia, non è preoccupato, affermando che "lelettricità è ovunque", cosa che supponiamo sia quando ci pensi, anche se è una presa in un negozio indipendente piuttosto che un punto di ricarica speciale per veicoli elettrici.

Per sfruttare questo fatto, Ramsey ha con sé una spina domestica a tre pin, una spina europea a due pin, un cavo dellamplificatore in stile caravan e un cavo di ricarica a tre frasi. Questultimo gli consentirà di utilizzare siti industriali, che secondo lui ridurranno il tempo di ricarica della Leaf di otto ore.

NissanNissan Leaf At-ev immagine 3

Secondo Ramsey, una batteria completamente scarica per il Leaf impiega tra le 12 e le 14 ore per caricarsi, ma costerà solo circa £ 1,90, anche se non prevede di caricarsi completamente ogni volta.

La Nissan Leaf e i suoi adattamenti Mongol Rally

La Nissan Leaf che il team Ramsey ha partecipato al Mongol Rally si basa su una Leaf Acenta standard da 30 kWh. Ci sono alcune modifiche e adattamenti, ma è ancora un veicolo completamente elettrico.

Chiamata Nissan Leaf AT-EV, che sta per All Terrain Electric Vehicle, lauto che Ramsey guiderà è stata dotata di ruote Speedline SL2 Marmora e pneumatici stretti Maxsport RB3 per consentirle di funzionare meglio su strade non asfaltate.

Le piastre sono state saldate alla parte inferiore dei bracci trasversali, mentre le linee dei freni in treccia, i paraspruzzi e un paracoppa in alluminio da 6 mm offrono ulteriore protezione dai terreni accidentati.

Anche le sospensioni sono state rialzate di 4 mm e i sedili posteriori e le cinture di sicurezza sono stati completamente rimossi per una perdita di peso di 32 kg. È stato anche installato un portapacchi modificato per lo stoccaggio esterno e presenta una barra luminosa Laser Triple-R 16 LED che produce 16.400 lumen di illuminazione anteriore a bassa tensione per le parti più remote del rally.

NissanNissan Leaf AT-EV immagine 2

Per quanto riguarda larea del guidatore e del passeggero, il Leaf AT-EV ha lo stesso aspetto del Leaf standard, con solo i tappetini in gomma installati come adattamento. Linterfaccia è pulita e semplice, mentre la seduta è comoda, anche se non siamo sicuri di quanto sarà comoda dopo otto settimane.

Abbiamo guidato brevemente il Leaf AT-EV con Ramsey e ha gestito molto bene i sentieri sterrati intorno a Rickmansworth nel Regno Unito. Sospettiamo che le tracce su cui abbiamo guidato non avranno nulla su quelli che Ramsey e sua moglie sperimenteranno in alcune parti del Rally.

Come seguire la squadra di Ramsey e la Foglia

Chris Ramsey farà soste regolari nei paesi che attraversa per promuovere i vantaggi della guida di veicoli completamente elettrici ai residenti.

Utilizzerà What3Words per registrare le posizioni della rete di ricarica inesplorata in modo che coloro che guidano veicoli elettrici nelle regioni in cui viaggia Ramsey possano beneficiare di posizioni precise dei punti di ricarica.

Ramsey registrerà anche i suoi progressi su Twitter allindirizzo @pluginadventure , Facebook allindirizzo www.facebook.com/pluginadventures e Instagram allindirizzo pluginadventure .

La nuova Leaf di Nissan verrà lanciata il 5 settembre.

Scritto da Britta O'Boyle.