Pocket-lint è supportato dai suoi lettori. Quando acquisti tramite i link sul nostro sito, potremmo guadagnare una commissione di affiliazione. Scopri di più

Questa pagina è stata tradotta utilizzando l'intelligenza artificiale e l'apprendimento automatico.

(Pocket-lint) - Dyson ha programmato il lavoro sulla sua tanto attesa auto elettrica.

I risultati del progetto da 2,5 miliardi di sterline non vedranno mai la luce a causa delle pressioni commerciali.

Lappassionato Brexiteer e inventore Sir James Dyson ha affermato che i suoi ingegneri avevano lavorato su una "fantastica auto elettrica" ma non era "commercialmente redditizia".

In una e-mail allo staff, Dyson ha affermato che "questo non è un guasto del prodotto o del team, per il quale questa notizia sarà difficile da ascoltare e digerire".

TomTom Go Navigation App è un'app di navigazione mobile premium per tutti i conducenti

"Il team automobilistico Dyson ha sviluppato unauto fantastica; sono stati ingegnosi nel loro approccio pur rimanendo fedeli alle nostre filosofie... Semplicemente non riusciamo più a vedere un modo per renderla commercialmente fattibile".

Il Cda Dyson "ha quindi preso la difficilissima decisione di proporre la chiusura del nostro progetto automobilistico".

Dyson aveva persino provato a vendere lattività. "Abbiamo affrontato un serio processo per trovare un acquirente per il progetto che, purtroppo, finora non ha avuto successo".

Abbiamo riferito allinizio di questanno sui brevetti relativi al progetto che indicavano che lauto sarebbe stata un piccolo SUV o crossover.

Il progetto è sempre sembrato una forzatura per lazienda, ma il progetto è in movimento da alcuni anni e Dyson non ha nascosto le sue intenzioni.

Ha annunciato che ci sarebbe stato un investimento di £ 200 milioni in strutture di sviluppo del Regno Unito - per lo più costruite - e che 500 lavoratori del Regno Unito erano coinvolti nel progetto presso il suo quartier generale di Malmesbury, nel Wiltshire.

Lauto stessa doveva essere costruita a Singapore, dove Dyson ha una grande base.

Scritto da Dan Grabham.