Pocket-lint è supportato dai suoi lettori. Quando acquisti tramite i link sul nostro sito, potremmo guadagnare una commissione di affiliazione. Scopri di più

Questa pagina è stata tradotta utilizzando l'intelligenza artificiale e l'apprendimento automatico.

(Pocket-lint) - L'app per parcheggi del Regno Unito RingGo ora funziona direttamente tramite Android Auto, aiutandoti a valutare più facilmente quanto sono occupati i vari parcheggi e dove parcheggiare quando sei in difficoltà.

Ciò fa seguito alla notizia che RingGo ha aggiunto la funzionalità Apple CarPlay per gli utenti Apple alla fine del 2021, quindi ora l'app è collegata a entrambi i principali sistemi di terze parti.

La collaborazione con Android Auto consente ai conducenti di "visualizzare l'app RingGo mobile sul cruscotto della propria auto, rendendo il parcheggio più comodo per i conducenti", afferma RingGo nella sua versione ufficiale.

Ci sono alcune disposizioni tecniche, in quanto il tuo dispositivo Android deve eseguire Marshmallow o versioni successive in un veicolo Android Auto compatibile. Dato che il sistema operativo Android di Google è ora alla versione 12, tutti i nuovi dispositivi acquistati negli ultimi sei anni non avranno alcun problema con il soddisfare tale requisito.

L'aggiunta dell'app sui cruscotti digitali delle auto compatibili ha molto senso: "Gli automobilisti ora possono alternare tra l'app di parcheggio RingGo, i servizi di navigazione, la musica e la messaggistica, in modo più fluido che mai", afferma Peter O'Driscoll, Amministratore delegato di RingGo.

Con l'evoluzione del codice della strada, ora è illegale tenere un telefono cellulare in mano per qualsiasi motivo durante la guida nel Regno Unito (è consentito solo se apposto), quindi avere un sistema congiunto adeguato in cui le app vengono visualizzate sui sistemi in-car , anche tramite Apple CarPlay o Android Auto, è sicuramente il modo in cui i produttori di app e i conducenti dovrebbero apparire allo stesso modo. Sicurezza e praticità racchiuse in uno.

Scritto da Mike Lowe.