Pocket-lint è supportato dai suoi lettori. Quando acquisti tramite i link sul nostro sito, potremmo guadagnare una commissione di affiliazione. Scopri di più

Questa pagina è stata tradotta utilizzando l'intelligenza artificiale e l'apprendimento automatico prima di essere revisionata da un redattore umano nella vostra lingua madre.

(Pocket-lint) - Il termine "ibrido a ricarica automatica" è esploso sulla scena negli ultimi anni, vedendo molte persone commentare a coloro che hanno ibridi plug-in che avrebbero dovuto invece ottenere il modello "ricarica automatica".

Ma cosa significa in realtà tutto questo parlare di ibridi? Spieghiamo cosa sono tutte queste auto ibride.

Cos'è un'auto ibrida?

Nella sua forma più pura, un'ibrida è un'auto che ha sia un motore a combustione che una batteria. Utilizza una combinazione di entrambe le fonti di alimentazione per consentirti di guidare l'auto e ci sono un'ampia gamma di diversi tipi e configurazioni di ibridi.

Tutte le ibride gestiscono automaticamente il flusso di energia e molte ti permetteranno di scegliere di guidare esclusivamente in elettrico (dalla batteria), se lo desideri. Ciò significa che l'auto funziona senza emissioni di scarico e silenziosamente senza il rumore del motore acceso.

In generale, l'obiettivo delle auto ibride è ridurre le emissioni dallo scarico e ridurre il consumo di carburante tradizionale, consentendo la possibilità di ridurre i costi di guida e la capacità di ridurre l'inquinamento atmosferico in alcune situazioni. Ci sono anche aliquote ridotte quando si tratta di oneri ambientali o tasse in alcune aree.

Pocket-lintChe cosè unimmagine ibrida a carica automatica 2

Che cos'è un ibrido a carica automatica?

L'ibrido a ricarica automatica è un termine di marketing su cui Lexus e Toyota stanno davvero prendendo piede. È molto utilizzato nella pubblicità e viene utilizzato per distinguere tra ibridi plug-in e quelli che non hanno la possibilità di collegarli.

In realtà, un ibrido autocaricante è un normale ibrido. Nell'annuncio qui sotto Lexus sembra vantarsi di "no plugs" come vantaggio, ma in realtà tutti gli ibridi si auto-ricaricano (come lo sono i veicoli elettrici ) in una certa misura.

Le auto ibride utilizzano la rigenerazione per ricaricare la batteria: invece di frenare per attrito e trasformare quell'energia cinetica (il movimento in avanti) in calore sprecato tramite i freni, la usa per far funzionare un generatore per ricaricare la batteria di bordo. Possono anche utilizzare il motore per ricaricare direttamente la batteria.

Pertanto, gli ibridi autocaricanti sono migliori nella guida stop-start: se si guida solo a velocità costante in autostrada, le opportunità di recupero energetico si riducono. E sarai in grado di percorrere solo un miglio o due con la sola batteria, prima che il motore debba accendersi e rabboccare la batteria. Infine, ricorda che non puoi ottenere energia dal nulla, quindi se non lo stai collegando, utilizzerai il motore a combustione per quella potenza.

Il classico esempio di ibrida normale o autocaricante è la Toyota Prius . Fondamentalmente è l'auto che ha dato il via alla rivoluzione dei propulsori ibridi e ci sono molti modelli Toyota e Lexus che offrono questa tecnologia.

Quindi, un ibrido a carica automatica è un ibrido che non puoi collegare. Ecco alcuni esempi:

Pocket-lintChe cosè unimmagine ibrida a carica automatica 1

Cos'è un ibrido plug-in?

Gli ibridi plug-in (o PHEV - veicolo elettrico ibrido plug-in) hanno il vantaggio di consentire di ricaricare la batteria collegandola alla rete. Ciò significa che non devi solo recuperare energia attraverso la rigenerazione per caricare la batteria o utilizzare il motore come generatore per caricarlo.

Ciò significa che puoi guidare lontano da casa sapendo di avere la batteria completamente carica. Poiché le batterie degli ibridi plug-in sono più grandi delle ibride autocaricanti (in genere, puoi guidare per circa 30 miglia solo con la batteria), puoi scegliere di guidare in città o in locale in modalità batteria, passando al motore solo quando sei su strade più grandi dove l'autonomia potrebbe essere un problema.

La rigenerazione in frenata funziona ancora sull'ibrida plug-in come farebbe in un'ibrida "autoricarica", quindi in sostanza non si perde nulla. Gli ibridi plug-in sono ampiamente disponibili, ma in genere sono più costosi della stessa auto di un normale ibrido, a causa degli adattamenti necessari per la ricarica e della batteria più grande.

La Hyundai Ioniq e la Toyota Prius sono entrambe disponibili come ibrida normale o ibrida plug-in e c'è una differenza di prezzo di circa £ 5.000 tra i due, ma entrambi questi modelli plug-in hanno anche batterie di maggiore capacità, offrendo più potenza e più autonomia. solo elettrico. Lo svantaggio di un ibrido plug-in è che l'autonomia elettrica è minima e, di nuovo, se non stai facendo la guida stop-start, la batteria si esaurisce presto ed è solo (letteralmente) un peso morto, quindi le economie in autostrada non sono Buono.

Ecco alcuni esempi:

Pocket-lintChe cosè unimmagine ibrida a carica automatica 4

Cos'è un ibrido leggero?

Un ibrido delicato probabilmente non dovrebbe essere in questa lista. Ma, in accordo con la nostra definizione iniziale di cosa sia un'auto ibrida, la stiamo includendo qui.

Un ibrido leggero è un'auto che ha una batteria secondaria oltre a un motore a combustione, che esegue un sistema elettrico secondario. Questo sistema può essere utilizzato per alleggerire parte del carico del motore, riducendo così il consumo di carburante.

Audi, ad esempio, ha un sistema MHEV (veicolo elettrico ibrido leggero) che farà cose come consentire all'auto di girare per inerzia a motore spento per un massimo di 40 secondi, oltre a far tornare il motore alla velocità per migliorare la dinamica di guida dell'auto e migliorare l'esperienza stop-start. Il risparmio di carburante riportato è di circa 0,7 litri per 100 km.

Mentre è probabile che gli ibridi autocaricanti e plug-in siano qualcosa che esci e acquisti deliberatamente perché vuoi ridurre le emissioni dallo scarico, l'MHEV è un vantaggio minore. Ecco alcuni esempi:

Qual è il miglior ibrido?

In definitiva, se l'obiettivo è ridurre i costi ambientali legati all'automobilismo, è preferibile un ibrido plug-in. Ciò ti consentirà di utilizzare l'auto per brevi tragitti interamente a batteria - la corsa scolastica, la spesa settimanale, forse il tuo tragitto giornaliero - in modo da poter ricaricare a casa e ridurre sia le emissioni che i costi del carburante.

Quando si tratta di ridurre i costi del carburante in tutte le condizioni, gli ibridi non vanno bene nei viaggi autostradali più lunghi, perché la batteria non offre molta assistenza e in genere un diesel convenzionale è più economico da utilizzare (in termini di costi del carburante) rispetto a un ibrido . Qui la disposizione MHEV può essere più efficiente in quanto è fondamentalmente un diesel con alcune efficienze aggiunte.

TomTom Go Navigation App è un'app di navigazione mobile premium per tutti i conducenti

In definitiva, se stai cercando di ridurre sia le emissioni che i costi del carburante su lunghe distanze, allora l'elettricità pura potrebbe essere la risposta per te. Con 300 miglia ora che stanno diventando più comuni e una ricarica che costa sostanzialmente meno di un pieno di diesel - e nessuna emissione di gas di scarico - sono solo coloro che desiderano autonomia più lunga senza doversi fermare per la ricarica che potrebbero avere difficoltà con un'auto elettrica.

Scritto da Chris Hall.