Pocket-lint è supportato dai suoi lettori. Quando acquisti tramite i link sul nostro sito, potremmo guadagnare una commissione di affiliazione. Scopri di più

Questa pagina è stata tradotta utilizzando l'intelligenza artificiale e l'apprendimento automatico prima di essere revisionata da un redattore umano nella vostra lingua madre.

(Pocket-lint) - Qualcomm ha presentato un nuovo importante progetto di riferimento: il Qualcomm AR Smart Viewer Reference Design. Perché è importante? Perché dimostra le tecnologie che alimenteranno la prossima generazione di occhiali AR wireless.

Gli occhiali AR sono in ascesa, con dispositivi come il Nreal Air o l'HTC Vive Flow che mostrano un paio di svolte su come può essere implementata la VR portatile. Ma entrambi hanno qualcosa in comune: sono legati.

-

Ciò significa che devono essere fisicamente collegati a uno smartphone per funzionare, invece di offrire la libertà che potrebbe offrire una connessione wireless, dove si possono semplicemente indossare gli occhiali e immergersi in un altro regno.

Il dispositivo di riferimento di Qualcomm utilizza la piattaforma Snapdragon XR2 Gen 1 e incorpora il FastConnect 6900 che abilita il Wi-Fi 6 e il Bluetooth 5.3, consentendo una connessione senza latenza al telefono.

In sostanza, il telefono invia fotogrammi renderizzati compressi agli occhiali, che li decodificano e li visualizzano, rimandando al contempo le informazioni provenienti dalle fotocamere e dai sensori a bordo, in modo che l'elaborazione sia suddivisa tra i dispositivi.

Per quanto riguarda gli occhiali, sono presenti tre fotocamere: due sono mono e progettate per il tracciamento, compreso quello della mano, mentre una fotocamera RGB è in grado di vedere il mondo circostante.

Sono presenti due schermi micro OLED con risoluzione di 1920 x 1080 pixel, che funzionano a 90 Hz per garantire una visione fluida, mentre l'alimentazione è fornita da una batteria da 650 mAh.

Il progetto di riferimento è stato realizzato da Goertek, mentre i display sono stati forniti da SeeYA. Il design degli occhiali si avvicina di più a quello di un occhiale da sole: così come sono, assomigliano un po' agli occhiali da sole degli anni '80, il genere di occhiali popolari tra i ciclisti o negli sport sulla neve.

Ma sono più sottili del 40% rispetto al progetto di riferimento della generazione precedente che Qualcomm ha prodotto per gli occhiali AR cablati.

Questi occhiali rileveranno i movimenti a 6 gradi di libertà, oltre a tracciare le mani, in modo da fornire una serie di metodi di interazione con i contenuti o gli ambienti virtuali.

Si tratta solo dell'annuncio di un progetto di riferimento, quindi siamo ancora lontani dal vederli apparire come prodotto acquistabile, ma l'idea è quella di dimostrare che l'hardware funziona e di fornire agli sviluppatori gli strumenti software per creare prodotti ed esperienze future.

Scritto da Chris Hall.