Pocket-lint è supportato dai suoi lettori. Quando acquisti tramite i link sul nostro sito, potremmo guadagnare una commissione di affiliazione. Scopri di più

Questa pagina è stata tradotta utilizzando l'intelligenza artificiale e l'apprendimento automatico.

(Pocket-lint) - Meta ha svelato un piano per consentire ai genitori di avere un maggiore controllo su ciò che i loro figli possono e non possono fare sui suoi visori VR, si spera che sia più facile regolare ciò che fanno.

I controlli sono tutti rivolti ai genitori con bambini di età pari o superiore a 13 anni, poiché tecnicamente è l'età più bassa consigliata per utilizzare regolarmente uno degli auricolari Meta in primo luogo.

Includono la possibilità in entrata di impostare un blocco con passcode su app e giochi specifici che desideri mantenere in quarantena, nonché la possibilità di impedire agli account più giovani di scaricare contenuti classificati in base all'età dal negozio per giocare.

Quest'ultima opzione avverrà automaticamente, come speri, mentre i genitori saranno in grado di ignorarli in casi specifici, se lo desiderano, anche dopo che il figlio ha richiesto l'autorizzazione di una determinata app o gioco.

I genitori riceveranno anche una nuova dashboard sull'app per smartphone Oculus per controllare cosa ha fatto il loro adolescente, inclusa la quantità di tempo che hanno trascorso nel visore.

Un modo per aggirare i blocchi sarebbe utilizzare Oculus Link per accedere ai contenuti di un PC, ma i genitori potranno anche disabilitare quella funzione, quindi è un'offerta abbastanza completa dall'aspetto.

Le modifiche dovrebbero iniziare a essere implementate a breve sui dispositivi Quest, ma non abbiamo una data precisa su quando saranno tutte attive. Tuttavia, è una direzione di marcia rassicurante.

Scritto da Max Freeman-Mills.