Pocket-lint è supportato dai suoi lettori. Quando acquisti tramite link sul nostro sito, potremmo guadagnare una commissione di affiliazione. Scopri di più

Questa pagina è stata tradotta utilizzando l'intelligenza artificiale e l'apprendimento automatico.

(Pocket-lint) - I sogni ad occhi aperti di Google sono finiti. Letteralmente.

Sta finendo il suo progetto Daydream VR dopo due anni, con i telefoni Pixel 4 e Pixel 4 XL lanciati durante l evento "Made by Google" di ieri che non supportano la piattaforma.

Inoltre, ha rivelato che non venderà più i visori Daydream VR .

Secondo un portavoce di Google, ladozione da parte di consumatori e sviluppatori è stata debole e non come sperava la divisione Daydream. Inoltre, la società ha dichiarato a Engadget che i proprietari di cuffie utilizzano meno i loro dispositivi: "Abbiamo riscontrato una diminuzione dellutilizzo delle cuffie Daydream View nel tempo. Quindi, mentre non vendiamo più Daydream View o supportiamo Daydream su Pixel 4, Daydream app e store rimarranno disponibili per gli utenti esistenti."

È in agonia, in fondo.

Invece, Google sta rivolgendo maggiormente la sua attenzione alla realtà aumentata, piuttosto che al virtuale: "Stiamo investendo molto in esperienze AR utili come Google Lens, navigazione a piedi AR in Maps e AR nella ricerca che utilizzano la fotocamera dello smartphone per colmare il digitale e mondi fisici, aiutando le persone a fare di più con ciò che vedono e a conoscere il mondo che li circonda", si legge in una nota.

Daydream VR è stato lanciato con i visori Daydream View di Google e altri di diversi produttori. Ma la realtà virtuale per smartphone è in declino negli ultimi tempi: il Samsung Galaxy Note 10 non è compatibile con il suo visore Gear VR , ad esempio.

Scritto da Rik Henderson.