Pocket-lint è supportato dai suoi lettori. Quando acquisti tramite i link sul nostro sito, potremmo guadagnare una commissione di affiliazione. Scopri di più

Questa pagina è stata tradotta utilizzando l'intelligenza artificiale e l'apprendimento automatico prima di essere revisionata da un redattore umano nella vostra lingua madre.

(Pocket-lint) - Apple ha brevettato una nuova interessante tecnologia che suggerisce di avere piani innovativi per il controllo delle sue tanto vociferate cuffie per la realtà aumentata (AR).

Il brevetto mostra come gli utenti che indossano dispositivi indossabili al polso (che assomigliano molto ai modelli di Apple Watch, come è ovvio) potrebbero utilizzare i punti di contatto intorno alle mani per controllare l'interfaccia utente.

-

Ciò potrebbe significare compiere gesti, toccare punti sul palmo della mano o qualsiasi altro movimento, e potrebbe sbloccare molte funzionalità senza la necessità di un controller separato dalle cuffie.

Gli indossabili dovrebbero essere dotati di almeno un elettrodo a contatto con la pelle dell'utente per rilevare qualsiasi contatto cutaneo, per cui le attuali opzioni di Apple Watch sul mercato potrebbero essere adatte.

La possibilità di controllare gli oggetti in realtà virtuale o aumentata non è esattamente una novità: già da tempo è possibile farlo su cuffie più economiche, come le opzioni Quest di Meta, utilizzando le telecamere delle cuffie per riconoscere le mani e le dita.

Questo può consentire un controllo abbastanza preciso quando tutto funziona, ma è classico di Apple esplorare ogni strada per ottenere la migliore esperienza utente possibile prima di lanciare qualcosa.

Il deposito del brevetto è stato individuato da Patently Apple e riteniamo del tutto probabile che nei prossimi mesi verranno scoperti altri depositi di questo tipo. Apple, dopo tutto, non ha fatto alcun segno ufficiale di voler svelare l'auricolare stesso nell'immediato futuro.

Scritto da Max Freeman-Mills.