Pocket-lint è supportato dai suoi lettori. Quando acquisti tramite i link sul nostro sito, potremmo guadagnare una commissione di affiliazione. Scopri di più

Questa pagina è stata tradotta utilizzando l'intelligenza artificiale e l'apprendimento automatico.

(Pocket-lint) - Le cuffie AR/VR di Apple sono state considerate considerevolmente più costose dei dispositivi rivali quando finalmente arriveranno. Ma, come compromesso, dovrebbe anche essere ricco di tecnologia potente.

L' esperto di Apple Mark Gurman di Bloomberg ha scritto nel suo ultimo episodio della newsletter Power On che crede che molto probabilmente il dispositivo si chiamerà Apple Vision , anche se potrebbe anche finire con il nome di Apple Reality o Apple Sight.

Ha anche spiegato perché è probabile che costi oltre $ 2.000: "Apple in genere addebita un po' di più dei suoi concorrenti per i prodotti, bloccando margini che l'hanno aiutata a diventare una delle società di elettronica di consumo più redditizie di sempre", scrive.

"Le nuove cuffie non faranno eccezione, ma il motivo principale per cui l'azienda ha discusso di prezzi superiori a $ 2.000 è a causa di alcune delle sue tecnologie interne".

Una delle tecnologie, pubblica, è un chipset in stile M1 Pro: "Mi aspetterei due processori all'interno del dispositivo, incluso uno alla pari con l'M1 Pro nel MacBook Pro. Combinalo con più display, incluso il super- pannelli 8K ad alta risoluzione: un'opzione di lenti graduate intercambiabili e tecnologia audio avanzata, e i costi si sommano.

"Il motivo principale per scegliere un M1 Pro rispetto a un M1 non è la velocità della CPU. È la necessità di una grafica più avanzata. Come forse saprai, l'M1 ha una GPU a otto core, mentre l'M1 Pro ha da 14 a 16 grafici core."

Conclude il suo commento su Apple Vision (o come viene chiamato il visore) dicendo che probabilmente sarà annunciato nel prossimo anno circa.

Il famoso analista Ming-Chi Kuo è andato meglio lo scorso novembre . Ha affermato che apparirà per la prima volta alla fine del 2022.

Scritto da Rik Henderson.