Pocket-lint è supportato dai suoi lettori. Quando acquisti tramite i link sul nostro sito, potremmo guadagnare una commissione di affiliazione. Scopri di più

Questa pagina è stata tradotta utilizzando l'intelligenza artificiale e l'apprendimento automatico prima di essere revisionata da un redattore umano nella vostra lingua madre.

(Pocket-lint) - Sembra cheWhatsApp stia sviluppando una funzione che consentirebbe agli utenti di caricare una nota vocale nel proprio Stato.

Attualmente, gli aggiornamenti di stato consentono solo a chi utilizza WhatsApp di aggiungere un'immagine o un video, in modo simile alle Storie di Instagram e Facebook.

-

Tuttavia, questa potenziale nuova funzione rappresenterebbe una novità assoluta per la gamma di applicazioni di Meta per i social media, consentendo agli utenti di caricare clip vocali solitamente riservati solo alle chat.

Resta da vedere se i clip salvati o le note esistenti delle chat potranno essere aggiunti agli status, ma ci aspettiamo che la premessa di questi aggiornamenti rimanga la stessa, ovvero che tutti i contatti dell'utente possano visualizzarli.

Come mostrato nello screenshot qui sotto, per gentile concessione di WaBetaInfo, un utente sarà in grado di aggiungere uno "stato vocale" selezionando l'icona nell'angolo in basso a destra.

WABetaInfoWhatsApp potrebbe presto permettere agli utenti di aggiungere note vocali agli aggiornamenti di stato foto 2

Come accade per molti test di WhatsApp, questa funzione sembra attualmente in fase pre-beta, il che significa che probabilmente manca ancora un po' di tempo prima che sia disponibile per tutti gli utenti su iOS o Android.

Sempre che, ovviamente, arrivi alla versione completa dell'app, perché WhatsApp potrebbe decidere di non includerla dopo questo periodo iniziale di test.

Se così fosse, la funzione si unirebbe alle tante che abbiamo visto di recente da parte dell'azienda, tra cui la possibilità di silenziare qualcuno in una chiamata di gruppo, l'aumento del numero massimo di utenti in una chat di gruppo a 512 e il miglioramento dei controlli sulla privacy.

Scritto da Conor Allison.