Pocket-lint è supportato dai suoi lettori. Quando acquisti tramite link sul nostro sito, potremmo guadagnare una commissione di affiliazione. Scopri di più

Questa pagina è stata tradotta utilizzando l'intelligenza artificiale e l'apprendimento automatico.

(Pocket-lint) - Instagram sta pianificando di ripristinare il suo feed cronologico il prossimo anno, secondo un dirigente della società, che ha parlato con i legislatori statunitensi in unaudizione al Senato mercoledì su Instagram e la sicurezza degli adolescenti.

"Stiamo attualmente lavorando a una versione di un feed cronologico che speriamo di lanciare il prossimo anno", ha detto il capo di Instagram Adam Mosseri. Ha confermato che la società sta lavorando alla funzione "da mesi". Instagram ha poi chiarito in un tweet che non è passare tutti a un feed cronologico - qualcosa che ha smesso di usare circa cinque anni fa, ma "creare nuove opzioni" e "fornire alle persone più scelte".

Questo è un enorme capovolgimento sia per Instagram che per Mosseri, che proprio la scorsa estate ha affermato in unpost sul blog che un feed cronologico ha reso "impossibile per la maggior parte delle persone vedere tutto, per non parlare di tutti i post a cui tenevano". Mosseri ha anche affermato che luso del feed cronologico da parte di Instagram ha fatto sì che molti utenti perdessero i post degli account che seguivano. "Nel 2016 le persone perdevano il 70% di tutti i loro post nei feed", ha detto Mosseri.

Instagram non ha ancora condiviso ulteriori dettagli su come funzionerebbe la sua nuova versione di un feed cronologico o su come potrebbe impedire agli utenti di perdere i post che potrebbero effettivamente voler vedere. Ma Mosseri ha affermato che la società "mira al primo trimestre del prossimo anno" per un lancio.

Nel frattempo, Instagram è al centro dellattenzione e attualmente risponde alle domande davanti al Congresso su come i suoi algoritmi classificano e suggeriscono contenuti, in particolare per adolescenti e utenti più giovani. I legislatori hanno anche preso in considerazione modi per regolamentare potenzialmente gli algoritmi "maligni ".

Scritto da Maggie Tillman.