Pocket-lint è supportato dai suoi lettori. Quando acquisti tramite link sul nostro sito, potremmo guadagnare una commissione di affiliazione. Scopri di più

Questa pagina è stata tradotta utilizzando l'intelligenza artificiale e l'apprendimento automatico.

(Pocket-lint) - Instagram sta espandendo le sue tecnologie di traduzione alle storie, cinque anni dopo aver lanciato la funzione per post e didascalie.

Fondamentalmente, lapp dei social media offre la possibilità di tradurre automaticamente il testo nei post delle storie. Quando rileva una lingua straniera in un post, visualizzerà unopzione "Vedi traduzione " nellangolo superiore dello schermo. Tutto quello che devi fare è toccarlo per vedere immediatamente una traduzione nella parte inferiore dello schermo.

Secondo Instagram, la sua funzione di traduzione linguistica delle storie sarà disponibile a livello globale al momento del lancio e attualmente supporta oltre 90 lingue, tra cui arabo, hindi, giapponese e portoghese. (Instagram ha affermato che il supporto per alcune lingue potrebbe variare a seconda del sistema operativo che stai utilizzando.)

Lidea alla base della funzione è rendere molto più semplice la condivisione di storie con un pubblico internazionale. Tieni presente che nel 2016 Instagram ha iniziato a offrire traduzioni automatiche per commenti, didascalie e biografie degli utenti. Sebbene abbia lanciato storie meno di un mese dopo, non ha portato loro traduzioni.

Vale la pena notare che la tecnologia di traduzione automatica di Instagram funziona solo sul testo allinterno delle storie. Le traduzioni audio non sono disponibili "in questo momento". Sospettiamo che questa funzione potrebbe essere in lavorazione, dato che Instagram ha lanciato i sottotitoli automatici per le storie in inglese a maggio. Speriamo solo che non ci vorranno anni per il debutto.

Per ulteriori informazioni sulle storie di Instagram, consulta le nostre pratiche guide:

Accumula ricompense e vantaggi su tutte le tue carte esistenti con questa Curve Mastercard

Scritto da Maggie Tillman.