Pocket-lint è supportato dai suoi lettori. Quando acquisti tramite i link sul nostro sito, potremmo guadagnare una commissione di affiliazione. Scopri di più

Questa pagina è stata tradotta utilizzando l'intelligenza artificiale e l'apprendimento automatico prima di essere revisionata da un redattore umano nella vostra lingua madre.

(Pocket-lint) - Google Chrome è notoriamente terribile nel monopolizzare le risorse di sistema e nel scaricare la batteria del laptop, ma questo potrebbe presto cambiare.

Il browser web più popolare al mondo non è generalmente noto per essere estremamente efficiente dal punto di vista energetico, ma Google sta prendendo provvedimenti per rimediare.

-

I prossimi aggiornamenti del browser apparentemente includono eleganti funzionalità di risparmio della batteria che aiuteranno a combattere alcuni dei problemi causati da vari siti Web che consumano molta batteria.

TomTom Go Navigation App è un'app di navigazione mobile premium per tutti i conducenti

I siti che utilizzano Javascript che consumano il succo o che consumano molte risorse in altri modi, come i siti di streaming video, potrebbero essere ottimizzati in futuro per ridurre il consumo di energia. Se hai più schede aperte in background e non le stai utilizzando attivamente, quei siti verranno messi in sospensione e limitati per evitare che utilizzino la potenza di elaborazione della tua macchina e quindi sprechino la batteria.

Si pensa che questa logica possa far risparmiare minuti, se non ore, di durata della batteria, a seconda dei siti che stai guardando e di cosa stai facendo in quel momento.

I siti web saranno anche in grado di aiutare con questa logica suggerendo impostazioni di risparmio energetico che Chrome può utilizzare e quindi aiutare a risparmiare la durata della batteria dellutente. Ciò può includere cose come la riduzione della frequenza dei fotogrammi su una pagina o la modifica del modo in cui gli script vengono eseguiti sulla pagina per ridurre al minimo lutilizzo della batteria.

Queste impostazioni cambieranno anche in base alle impostazioni di risparmio energetico dellutente nel proprio sistema operativo.

Il futuro della navigazione sul Web potrebbe essere molto meno oneroso.

Scritto da Adrian Willings.