Pocket-lint è supportato dai suoi lettori. Quando acquisti tramite i link sul nostro sito, potremmo guadagnare una commissione di affiliazione. Scopri di più

Questa pagina è stata tradotta utilizzando l'intelligenza artificiale e l'apprendimento automatico prima di essere revisionata da un redattore umano nella vostra lingua madre.

(Pocket-lint) - Google sta correndo duro per recuperare il ritardo con Zoom nella nuova normalità delle videoconferenze e ora ha confermato una serie di funzionalità che arriveranno su Google Meet nei prossimi mesi.

Uno dei più richiesti è la possibilità di utilizzare uno sfondo virtuale. Questo era qualcosa che abbiamo sentito di recente potrebbe accadere, ma Google ha ora confermato che questa funzione sta arrivando. Non c'è una linea temporale precisa: Google dice solo "nei prossimi mesi".

Gli sfondi virtuali sono stati estremamente popolari su piattaforme come Zoom e Teams e, sebbene ci sia un lato serio: possono proteggere la tua privacy professionale e mantenere nascosto il tuo background, molte persone li usano per divertimento, con sfondi delle loro squadre preferite, luoghi in cui come essere in vacanza, o semplicemente uno sfondo che sembra l'ufficio.

Zoom è noto soprattutto per essere in grado di vedere un gran numero di partecipanti in una vista galleria, qualcosa che è stato molto popolare tra i colleghi scomparsi. Meet ha modificato lentamente questa opzione e presto la aumenterà a 48 partecipanti. Ci sono molte persone da guardare, ma funziona bene se ti capita di guardare un display enorme.

E per aiutare a gestire queste riunioni di grandi dimensioni, sarai anche in grado di alzare una mano virtuale nella riunione per attirare l'attenzione dell'ospite/relatore.

L'inclusione di stanze per gruppi di lavoro è un'opzione interessante. Fa parte dell'offerta a pagamento in Zoom , consentendo all'host di dividere i partecipanti in gruppi di lavoro e mandarli nelle stanze.

Ciò semplifica lo svolgimento di più conversazioni. Funziona bene per seminari o riunioni online in cui è necessario che le persone trovino soluzioni diverse e poi le presentino all'intero gruppo. È uno strumento potente e un'ottima aggiunta alla piattaforma.

Molte di queste aggiunte funzionano sia a livello sociale che a livello aziendale. Con questo in mente, Google ha recentemente aggiunto il supporto Nest per Google Meet, il che significa che puoi utilizzare Nest Hub per effettuare queste chiamate e per coloro che dispongono di hardware Google Meet dedicato, ci sarà il supporto per il controllo vocale anche per le sale riunioni, quindi le persone non è necessario toccare costantemente l'hardware comune per far funzionare le cose.

È fantastico avere queste funzionalità confermate da Google, ma al momento non si sa esattamente quando le vedrai cadere in Google Meets. Tieni solo gli occhi aperti.

Scritto da Chris Hall.