Pocket-lint è supportato dai suoi lettori. Quando acquisti tramite link sul nostro sito, potremmo guadagnare una commissione di affiliazione. Scopri di più

Questa pagina è stata tradotta utilizzando l'intelligenza artificiale e l'apprendimento automatico.

(Pocket-lint) - Circa 10 anni fa, Facebook ha lanciato unapp Messenger dedicata . Alcuni anni dopo, ha ufficialmente rimosso i messaggi, le chiamate vocali e le videochiamate dalla sua app principale. Ora, Bloomberg ha affermato che Facebook sta valutando laggiunta di chiamate vocali e videochiamate alla sua app principale in diversi paesi, inclusi gli Stati Uniti.

Le chiamate vocali e video sono due funzioni principali di Messenger. Queste funzionalità di Messenger sono disponibili anche in altri prodotti Facebook, come le videocamere Portal e i visori per realtà virtuale Oculus . Se ti stai chiedendo se altri Messenger arriveranno su Facebook, il direttore della gestione dei prodotti di Messenger ha detto a Bloomberg che "comincerai a vedere un po di più di questo nel tempo".

La società non ha condiviso quanti utenti saranno in grado di testare le chiamate vocali e video su Facebook o cosa accadrà allapp Messenger, ma ha detto ai media che gli utenti dovrebbero continuare a utilizzare Messenger per unesperienza più completa che includa messaggistica, audio e videochiamate.

Sospettiamo che Facebook stia considerando questa mossa come un modo per far interagire gli utenti con lapp di Facebook. Probabilmente ci sono molte persone là fuori che usano Messenger per comunicare con i loro amici e i loro cari, ma allo stesso tempo potrebbero non avere nemmeno installato lapp di Facebook.

Accumula ricompense e vantaggi su tutte le tue carte esistenti con questa Curve Mastercard

Cè anche la domanda: questo cannibalizzerà lapp Messenger? E non dimentichiamo anche che questo cambiamento integrerebbe Messenger più a fondo in Facebook, non diversamente da come Facebook ha unificato Instagram e la messaggistica diretta di Facebook , rendendo più difficile dividere tutte quelle app. Forse è questo il punto.

Scritto da Maggie Tillman.