Pocket-lint è supportato dai suoi lettori. Quando acquisti tramite link sul nostro sito, potremmo guadagnare una commissione di affiliazione. Scopri di più

Questa pagina è stata tradotta utilizzando l'intelligenza artificiale e l'apprendimento automatico.

(Pocket-lint) - Apple sta introducendo un nuovo livello ai prezzi di Apple Music , portando il prezzo a soli $ 4,99 al mese. È la metà del prezzo del piano individuale, il che rende Apple Music molto più economica.

Ma cè un problema: devi controllarlo con la tua voce, da qui il nome Voice Plan. Questo nuovo piano consentirà a un utente di utilizzare Siri sui dispositivi Apple per accedere ad Apple Music.

Sì, dovrai chiedere a Siri di riprodurre quella musica, il che significa che è più naturalmente applicabile a coloro che usano la voce per tutto, quindi coloro che usano HomePod mini potrebbero scoprire che questo è il piano perfetto per loro.

Apple non è la prima ad adottare questo tipo di approccio: Amazon offre un piano Echo per Amazon Music Unlimited che costa $ 3,99, ma ha ancora la limitazione che puoi accedere solo a tutto sul tuo dispositivo Echo.

Apple ha il vantaggio che il piano vocale è applicabile a tutti i tuoi dispositivi Apple, ma se desideri utilizzare esclusivamente il controllo vocale è una questione diversa.

Per aiutarti a ottenere il massimo da Apple Music, Apple ha anche introdotto una nuova gamma di playlist che possono essere controllate con Siri. Puoi semplicemente chiedere a Siri di pianificare la musica per la tua cena o allenamento e otterrai brani adatti.

Almeno, per chi usa solo la voce, non dovrai poi chiedere ogni canzone che vuoi ascoltare.

Accumula ricompense e vantaggi su tutte le tue carte esistenti con questa Curve Mastercard

Apple Music Voice Plan sarà disponibile in Australia, Austria, Canada, Cina, Francia, Germania, Hong Kong, India, Irlanda, Italia, Giappone, Messico, Nuova Zelanda, Spagna, Taiwan, Regno Unito e Stati Uniti, ma non esiste una tempistica precisa su quando sarai in grado di accedervi.

Scritto da Chris Hall.