Pocket-lint è supportato dai suoi lettori. Quando acquisti tramite link sul nostro sito, potremmo guadagnare una commissione di affiliazione. Scopri di più

Questa pagina è stata tradotta utilizzando l'intelligenza artificiale e l'apprendimento automatico.

(Pocket-lint) - Un giudice statunitense ha emesso uningiunzione nel caso Epic vs Apple, ordinando al colosso di Cupertino di consentire agli sviluppatori di app la possibilità di accettare pagamenti alternativi, oltre che tramite la stessa Apple.

Parte del caso Epic vs Apple, lordine afferma che ad Apple è "permanentemente trattenuto e ingiunto dal vietare agli sviluppatori di includere nelle loro app e nei loro pulsanti di metadati, collegamenti esterni o altri inviti allazione che indirizzano i clienti ai meccanismi di acquisto". Fondamentalmente, Apple non può più costringere gli sviluppatori a offrire solo acquisti in-app tramite il sistema monetario di Apple. Saranno in grado di circumnavigare efficacemente la commissione pagata ad Apple per acquisto (generalmente intorno al 30%).

Questo è stato largomento principale nel caso Epic, con lo studio Fortnite che è stato avvertito e poi bandito per aver offerto sconti ai fan se hanno acquistato valuta di gioco al di fuori dellapp iOS.

Lintero giudizio può essere visto qui , come pubblicato da The Verge . Potrebbe anche avere un impatto significativo su Google, anchessa attualmente coinvolta in un proprio caso giudiziario con Epic Games. Anche questo riguarda lofferta di metodi di pagamento alternativi e collegamenti allinterno delle app.

È interessante notare che la sentenza rivela anche che il 70% delle entrate dellapp store proviene dai giochi, quindi se né Apple né Google possono guadagnare tanto dagli acquisti in-app, ci chiediamo se ci saranno cambiamenti significativi nel modo in cui spinge determinate app in futuro.

Il tempo dirà su quel fronte. Per ora, questo potrebbe essere il primo passo importante per riportare Fortnite su iPhone e iPad. Però non trattenere il respiro nel frattempo.

Scritto da Rik Henderson.