Pocket-lint è supportato dai suoi lettori. Quando acquisti tramite i link sul nostro sito, potremmo guadagnare una commissione di affiliazione. Scopri di più

Questa pagina è stata tradotta utilizzando l'intelligenza artificiale e l'apprendimento automatico.

(Pocket-lint) - Slack potrebbe sembrare una parte sempre più onnipresente della vita dufficio per molti lavoratori, ma è facile dimenticare che ha ancora una relativa carenza di clienti globali davvero enormi, per i quali passare a una nuova chat e servizio di messaggistica interna potrebbe essere un serio mal di testa .

Questo è un contesto dietro il motivo per cui una nuova partnership con Amazon è un affare piuttosto significativo. È una partnership che vedrà Amazon distribuire Slack a molti dei suoi dipendenti (anche se non lo dice tutti ) e, dal punto di vista della maggior parte degli utenti, porterà un cambiamento al servizio di videochiamate e chiamate vocali di Slack.

Passerà ad Amazon Chime, la soluzione di videoconferenza di Amazon, che secondo Slack dovrebbe portare alcuni rapidi miglioramenti su tutta la linea, incluso il potenziale per le videochiamate dallapp mobile, che Slack attualmente non ha da solo.

Slack ha fatto passi da gigante per cercare di rimediare a questo, incluso un cambiamento relativamente recente per integrare Microsoft Teams nella sua chiamata, ma la mossa di collaborare con Amazon sembra destinata a distruggere Microsoft, piuttosto che lavorare con essa come prima.

Accumula ricompense e vantaggi su tutte le tue carte esistenti con questa Curve Mastercard

Slack e Microsoft sono stati bloccati in battaglia per il mercato delle chat aziendali per qualche tempo, con Teams che ha aggiunto molte funzionalità e aggiornamenti per sfidare Slack, ma avere accesso diretto allintegrazione e allaiuto di Amazon è sempre utile nellattuale mondo tecnologico.

In background, questo vedrà anche Slack migrare su Amazon Web Services in modo più completo di quanto non abbia fatto finora, lasciandosi alle spalle luso di Microsoft Azure e Google Cloud.

Scritto da Max Freeman-Mills. Modifica di Adrian Willings.