Pocket-lint è supportato dai suoi lettori. Quando acquisti tramite i link sul nostro sito, potremmo guadagnare una commissione di affiliazione. Scopri di più

Questa pagina è stata tradotta utilizzando l'intelligenza artificiale e l'apprendimento automatico.

(Pocket-lint) - Adobe Photoshop testerà presto una tecnologia in grado di taggare il contenuto originale in modo da poter vedere da dove ha avuto origine.

Adobe ha annunciato la Content Authenticity Initiative durante la sua conferenza Adobe Max lo scorso anno, dove abbiamo riferito che era stata sviluppata con laiuto di Twitter e del New York Times.

Ora il sistema è quasi pronto per il test e Adobe ha pubblicato un whitepaper che dice che sarà testato in Photoshop questanno. E più organizzazioni sono a bordo, con la BBC, CBC/Radio Canada, Microsoft, University of California, Truepic e Witness che si uniscono allo sforzo.

Lautenticità dei contenuti è attualmente un argomento scottante, con TikTok che ha recentemente annunciato di aver bandito i contenuti deepfake in vista delle elezioni statunitensi e altri social network si stanno legando contro la disinformazione. Ma la proposta dellIniziativa per lautenticità del contenuto è leggermente diversa da altri sistemi retrospettivi perché funziona per etichettare il contenuto originale (con il dovuto credito) e quindi avvisa gli utenti quando quel supporto viene alterato. Adobe vuole promuovere uno standard aperto per metadati sicuri che verrebbero allegati alle immagini condivise, ad esempio, su Twitter o Facebook. In altre parole, i metadati non potrebbero essere facilmente modificati.

"Gli sforzi per affrontare lautenticità dei contenuti si sono concentrati in gran parte sullutilizzo dellintelligenza artificiale per rilevare falsi profondi e altri media alterati", afferma Andy Parsons di Adobe, coautore del white paper.

"E questo sforzo è importante. Ma non dovrebbe esserci anche un modo trasparente per informare il pubblico che ha creato le foto e i video originali e come queste risorse sono cambiate nel tempo? Non è altrettanto importante che i professionisti creativi e i fotoreporter ricevere credito per il loro lavoro?"

Scritto da Dan Grabham.