Pocket-lint è supportato dai suoi lettori. Quando acquisti tramite i link sul nostro sito, potremmo guadagnare una commissione di affiliazione. Scopri di più

Questa pagina è stata tradotta utilizzando l'intelligenza artificiale e l'apprendimento automatico prima di essere revisionata da un redattore umano nella vostra lingua madre.

(Pocket-lint) - Sonos è tutt'altro che un nuovo giocatore nel settore degli altoparlanti multi-room. Sta giocando il gioco e lo sta facendo bene da quasi due decenni. Tuttavia, il multi-room è un mercato molto diverso ora rispetto a quando Sonos è apparsa per la prima volta - la concorrenza è aumentata in modo significativo e, poiché lo streaming della musica è ormai la norma, molti produttori sono alla ricerca di una fetta della torta.

L'originale Sonos Play:5 è stato lanciato nel 2010 e, fino al 2015, ha detenuto la corona come l'altoparlante più grande e tosto della line-up Sonos. Nel 2015, l'azienda ha introdotto un nuovo Play:5; un successore rinfrescato e interamente ridisegnato, cercando di mostrare al resto del mercato cosa offre la sua esperienza.

Il nuovo Play:5 è chiaramente tagliato dalla stessa stoffa dell'originale, ma ha fatto sembrare il suo predecessore datato. C'è una grande differenza di design tra i due, ma l'aspetto non è tutto. Quando si tratta di audio multi-room, la qualità del suono è altrettanto, se non più, importante del design.

Il Sonos Play:5 (2015) offre il pacchetto completo per il matrimonio?

Il nostro parere veloce

Sonos ha un curriculum fantastico nel fornire grandi altoparlanti - e la seconda generazione di Play:5 stabilisce ancora un altro precedente. Ha un design sottile ma sofisticato che ci piace, offre una brillante app per connettersi ai servizi di streaming e a tutta la tua musica, tra le altre grandi caratteristiche come i controlli touch capacitivi.

Ma soprattutto il suono che offre è superbo, specialmente con la sintonizzazione software Trueplay. Sì, è leggermente sbilanciato sui bassi, non c'è il supporto per l'alta risoluzione e non è economico, ma il Play:5 (2015) è tutto sommato fantastico e vale la pena spendere un po' di soldi.

Sonos ha una concorrenza che la tallona a sinistra, a destra e al centro, ma il Play:5 (2015) mostra ciò che oltre un decennio di esperienza può offrire. È il modo ideale per iniziare un sistema multi-room Sonos, o aggiungere un pezzo centrale tosto a uno già esistente.

Quindi il Sonos Play:5 è il pacchetto completo del matrimonio? Certamente lo amiamo ancora quattro anni dopo e siamo sicuri che continueremo a farlo per molti anni a venire.

Recensione di Sonos Play 5: Intelligente, sofisticato, superbo

Recensione di Sonos Play 5: Intelligente, sofisticato, superbo

5 stars - Pocket-lint editors choice
Pro
  • Bel design
  • Eccellente qualità del suono
  • Costruzione solida
  • Grande gamma dinamica
  • Rete mesh wireless impressionante
  • Controlli touch
Contro
  • Nessun supporto audio ad alta risoluzione
  • Bassi leggermente pesanti
  • Un po' costoso per quello che è essenzialmente un altoparlante di plastica

squirrel_widget_135399

Grande capo

  • 364 x 204 x 154 mm, 6,36 kg
  • Opzioni di colore bianco e nero
  • Design in plastica
  • Orientamento verticale o orizzontale

Il Sonos Play:5 (2015) è un prodotto stupefacente ma sottile, per quanto riguarda le scatole che pompano i vostri brani preferiti. Sonos non fa le cose complicate, come suggeriscono le opzioni monotono nero o bianco (entrambi con una griglia nera).

Semplice e sofisticato è ciò che la seconda generazione del Play:5 va per, offrendo linee pulite dal suo design oblungo curvo - un tema trovato in tutta la gamma di diffusori multi-room di Sonos. È dotato di curve che spazzano intorno ai suoi bordi e la parte superiore, prima di restringere nella parte posteriore, dandogli una forma simile al Play:3, anche se su una scala più grande. Il Play:5 è più raffinato del vecchio modello, con un'identità più futuristica che abbiamo visto trascendere in altri prodotti Sonos più recenti, come il Sonos Beam,Sonos One e il portatile Sonos Move.

Non è né piccolo né leggero, ma il Play:5 è un diffusore domestico e certamente non uno che porterete in giro in una borsa o in spiaggia - quindi nessuno di questi punti è davvero importante.

Pocket-lintsonos play 5 recensione immagine 8

Il Play:5 (2015) ha richiesto tre anni di lavoro e la griglia frontale - composta da 60.000 fori interrotti solo dal marchio Sonos - è uno dei dettagli di design più interessanti, nonostante sia fatta di plastica piuttosto che di metallo. Sonos ci ha informato che il metallo era la scelta primaria dal punto di vista estetico, ma tale scelta di materiale non sarebbe stata la migliore per il suono.

L'etichetta del marchio Sonos si trova direttamente al centro del diffusore, in alto o sul lato destro o sinistro, a seconda dell'orientamento del prodotto, dato che è possibile posizionarlo in verticale piuttosto che in orizzontale. Indipendentemente dalla posizione dell'altoparlante, però, l'etichetta del marchio si trova di fronte al trasduttore, il che teoricamente influenzerebbe i suoni ad alta frequenza se non fosse per gli 828 fori praticati anche in questa etichetta del marchio. Pazzesco, vero?

Controlli tattili

  • Controlli tattili capacitivi
  • Scorri da un lato all'altro per saltare la traccia
  • Sensori intelligenti per rilevare l'orientamento
  • Porta Ethernet, ingresso 3.5mm

La targhetta non è solo per un sacco di piccoli fori o per garantire che tutti sappiano che hai optato per Sonos come sistema di altoparlanti multi-room. È progettato per essere utile quando si tratta di localizzare i controlli, che sono basati sul tocco capacitivo e si trovano sia ai lati che sopra il tag.

L'idea è che non c'è bisogno di cercare troppo a lungo i controlli e un rapido tocco o strisciata nel posto giusto darà una risposta istantanea. La destra aumenta il volume, la sinistra lo diminuisce; un passaggio da un lato all'altro salta una traccia. I controlli beneficiano anche di sensori intelligenti che rilevano l'orientamento dell'altoparlante per garantire che l'aumento del volume sia sempre rivolto nella sua direzione logica.

Passare dai pulsanti fisici al tocco capacitivo potrebbe essere visto come una mossa rischiosa in quanto molti apprezzeranno l'aspetto visivo e la risposta diretta che i pulsanti reali forniscono - una critica che abbiamo avuto del Ministry of Sound Audio L Plus. Ma noi amiamo i nuovi controlli Sonos e come sono integrati perfettamente nel design. Sono un piacere da usare e lo stesso vale per Sonos One, Sonos One SL, Sonos Move,Playbase e Sonos Beam, tutti dotati di controlli capacitivi.

Pocket-lintsonos play 5 recensione immagine 6

L'involucro del Play:5 (2015) è anch'esso di plastica come la griglia, il che significa che state essenzialmente pagando 499 sterline per un diffusore prevalentemente di plastica. Sembra e si sente ogni bit come ben fatto come i precedenti altoparlanti Sonos però, se non di più. L'involucro ha una finitura opaca ma una sensazione di ceramica, che lo rende bello da toccare e controllare.

La parte posteriore continua con la tendenza al design semplice, con solo una porta Ethernet, 3.5mm line-in, cavo di alimentazione e un pulsante di accoppiamento verso il fondo dell'altoparlante.

Nonostante sia poco più di una scatola nera, ogni aspetto del Sonos Play:5 è stato chiaramente considerato; è intelligente, sofisticato, ma forse meglio di tutto, è semplice.

Qualità del suono dinamica e dettagliata

  • Tre tweeter
  • Tre mid-woofer
  • Sei amplificatori di classe D
  • Due microfoni

Come abbiamo detto, l'aspetto non è tutto. Fortunatamente la seconda generazione del Sonos Play:5 ha la personalità sonora che corrisponde al suo design sottile ma di successo. La sua uscita audio è leggermente pesante sui bassi, come lo era il Play:5 originale, ma il suono complessivo è assolutamente brillante.

Dietro la griglia frontale ci sono tre tweeter, tre mid-woofer a lunga gittata e sei amplificatori digitali in classe D, oltre a due microfoni che sono stati incorporati per funzioni future, come la realizzazione del potenziale del software Trueplay che è stato lanciato nello stesso periodo - più avanti ne parleremo.

Nonostante l'inclusione di microfoni e l'abitudine di Sonos di introdurre la tecnologia del futuro nei suoi altoparlanti anche se non viene utilizzata subito - non c'è un controllo vocale integrato sul Play:5 come il Sonos Beam, Sonos Move o Sonos One. È comunque possibile controllare il Play:5 con un dispositivo Amazon Echo o Google Home, o tramite un Sonos One, Sonos Move o Sonos Beam.

Pocket-lintsonos play 5 recensione immagine 5

C'è una grande gamma dinamica e un volume serio dal Play:5 - molto più grande della maggior parte delle stanze in cui è probabile che sia collocato. Il dettaglio è chiaro anche a volumi più bassi, quindi non si perde nulla non avendo il diffusore al massimo, ma non si perde nemmeno a volumi più alti.

Abbiamo ascoltato diversi brani e generi - da Someone Like You di Adele a Unfinished Symphony e voce dei Massive Attack - e gli strumenti erano nitidi e corposi come i bassi in forte espansione. Il Play:5 copre bene tutti i reparti, offrendo una qualità del suono ampia e impressionante, e per coloro che amano un po' di bassi in più, non deluderà.

Abbiamo anche chiesto a un amico musicista di fare un salto e di ascoltare uno dei suoi brani, The Art of Silent War, per vedere se secondo lui il Play:5 (2015) gli ha reso giustizia e ha riprodotto il brano nel modo in cui intendeva farlo suonare. Secondo lui, gli alti e i bassi erano perfettamente separati e pensava che il basso del brano fosse valorizzato in modo positivo.

Nessun hi-res

  • Uscita stereo possibile con due altoparlanti Play:5
  • Supportato fino a 16 bit

L'uscita stereo è possibile utilizzando una coppia di altoparlanti Play:5 (o qualsiasi combinazione degli stessi altoparlanti Sonos, se è per questo). Durante una demo prima di ricevere il Play:5 (2015) a casa per la recensione, abbiamo sperimentato un'accoppiata stereo in entrambi gli orientamenti orizzontale e verticale. Quando sono girati in orizzontale, gli altoparlanti offrono un palcoscenico più ampio alle nostre orecchie, offrendo un suono altrettanto impressionante ai lati della stanza quanto lo sweet-spot al centro della stanza.

A differenza di alcuni dei suoi concorrenti, Sonos supporta fino alla qualità CD (16-bit), ma deve ancora saltare sul carro dell'alta risoluzione (24-bit) e non è probabile che lo faccia presto. Questo potrebbe essere una delusione per alcuni. Ci è stato detto nel 2015 dal leader del suono dell'azienda, Giles Martin, che "non ha senso nel mondo dei consumatori", aggiungendo che lui o l'azienda "si rifiutano di fare il gioco dei numeri".

Pocket-lintsonos play 5 recensione immagine 4

Martin ha anche detto che l'hi-res è un modo conveniente per le compagnie audio di fare quello che le compagnie automobilistiche fanno con il loro "da 0 a 60 miglia orarie": pensa che la maggior parte della gente farebbe fatica a individuare la differenza tra la qualità del CD e un file a 24 bit, sia esso a 96kHz o 192kHz.

È la settimana del PC Gaming in associazione con Nvidia GeForce RTX

Tuttavia, per gli ascoltatori di fascia alta, un certo numero di concorrenti offre l'alta risoluzione, tra cui Bluesound, Sony e LG - quindi se la differenza è evidente o meno per molti, sta accadendo nei prodotti multi-room, e Sonos non ne fa ancora parte, nemmeno per il down-sampling. Anche così, non abbiamo avuto l'impressione che la nostra esperienza con il Play:5 sia stata in qualche modo ostacolata dalla mancanza del supporto hi-res, ma per coloro che non possono vivere senza, dovrete vivere senza Sonos.

Grande controllo dell'app

  • Più di 80 servizi supportati
  • Supporto Apple AirPlay 2
  • La rete mesh wireless unisce gli altoparlanti Sonos

Sonos offre semplicità e ha successo nel farlo sia in termini di design che di software. Prendete l'app Sonos, che è lassù come la migliore soluzione multi-room là fuori, se non la migliore. Offre un'esperienza fluida e semplice. È possibile cercare per artista, traccia, album, playlist, stazioni, host e podcast e l'app cercherà attraverso tutti i 100+ servizi compatibili che supporta, il che è molto più facile che passare attraverso ciascuno di essi individualmente.

Alcuni grandi cambiamenti hanno avuto luogo nel corso degli anni da quando la seconda generazione di Play:5 è stata lanciata originariamente, tra cui una riprogettazione dell'app Sonos, così come il supporto per Apple Music, il supporto per AirPlay 2 di Apple e la possibilità di controllare Sonos attraverso Spotify.

Pocket-lintSonos Play 5 Recensione immagine 17

Puoi leggere i nostri consigli e trucchi Sonos per conoscere tutte le funzioni offerte dall'app Sonos, dalla ricerca alle impostazioni di equalizzazione per ogni singola stanza (se hai più di un Sonos collegato).

Come gli altri altoparlanti Sonos, il Play:5 (2015) può essere collegato direttamente al tuo router utilizzando un cavo Ethernet, oppure è disponibile la connettività wireless. Raccomandiamo quest'ultima in quanto la tecnologia di rete mesh wireless Sonos è brillante e significa anche che non è necessario utilizzare quelle preziose porte Ethernet del router o seguire i fili ovunque. Non c'è più bisogno di un Sonos Hub, come era necessario all'inizio della vita del sistema, per semplificare ulteriormente le cose.

Molto raramente sperimentiamo drop-out o problemi di connessione e abbiamo sperimentato una sincronizzazione completa su tutti gli altoparlanti, senza problemi.

Eccellenza Trueplay

  • Dispositivo iOS richiesto per Trueplay
  • Trueplay disponibile per tutti gli altoparlanti Sonos
  • Circa un minuto per completare

Trueplay è una funzione software di Sonos che è stata lanciata contemporaneamente alla Play:5 (2015). In poche parole, Trueplay migliora l'audio in base alla posizione dell'altoparlante rispetto alle superfici circostanti e ottimizza l'equalizzazione per la stanza in cui è collocato. È disponibile per tutti gli altoparlanti Sonos, non solo per il Sonos Play:5, anche se è automatico sul Sonos Move.

Utilizzando il microfono incorporato del tuo dispositivo smart Apple (iOS 7 e superiore, non Android per problemi di standardizzazione) per raccogliere informazioni sulla stanza in cui ti trovi, il processo di sintonizzazione richiede di tenere il tuo dispositivo smart e di agitarlo su e giù mentre cammini intorno alla stanza (no, davvero).

Emette una serie di suoni e dopo 45 secondi (di guardare e sentirsi piuttosto sciocchi) è tutto fatto. Devi essere completamente silenzioso per non confondere le letture, e dovrai assicurarti di non avere una custodia sul tuo dispositivo, ma se fai qualcosa di sbagliato ti verrà detto di rifarlo. Se vuoi saperne di più, puoi leggere il nostro articolo Trueplay spiegato, o il nostro articolo su come eseguire Trueplay.

Pocket-lintSonos Play 5 Recensione immagine 18

Siamo stati in grado di sintonizzare sia la nostra Play:5 (2015) in salotto che la Play:1 che abbiamo installato nel nostro ufficio in base al loro ambiente. Nelle loro posizioni normali, con un ampio spazio intorno, abbiamo notato una differenza minima quando abbiamo acceso o spento Trueplay. Ma quando abbiamo posizionato la Play:5 dietro il divano e l'abbiamo risintonizzata, la differenza è stata molto più significativa. È qui che Trueplay mostra davvero il suo valore: evitando il suono confuso che può verificarsi quando un diffusore è troppo vicino a una parete.

Meglio ancora, Trueplay permette a chiunque abbia diffusori Sonos, vecchi o nuovi, di ottenere il meglio da essi. Non è necessario acquistare il Play:5 o anche l'ultimo diffusore Sonos per beneficiare del potenziamento del vostro attuale suono Sonos, ma se siete alla ricerca di un diffusore principale pesante allora il Play:5 è certamente una scelta solida.

squirrel_widget_135399

Per ricapitolare

Il Play:5 (2015) offre un design bello e sofisticato che ci piace, ma soprattutto, il suono che offre è superbo. Sì, è leggermente sbilanciato verso i bassi, non c'è supporto hi-res e non è economico, ma il Play:5 (2015) è un altoparlante fantastico a tutto tondo.

Scritto da Britta O'Boyle. Modifica di Stuart Miles.