Pocket-lint è supportato dai suoi lettori. Quando acquisti tramite i link sul nostro sito, potremmo guadagnare una commissione di affiliazione. Scopri di più

Questa pagina è stata tradotta utilizzando l'intelligenza artificiale e l'apprendimento automatico.

(Pocket-lint) - BeoPlay, il ramo del produttore audio danese di fascia alta Bang & Olufsen, produce alcuni dei nostri altoparlanti portatili dallaspetto e dal suono preferiti. BeoPlay P6 incarna il linguaggio del design che abbiamo imparato ad amare, in un fattore di forma meno comune. È il portatile perfetto?

Il nostro parere veloce

Il BeoPlay P6 di Bang & Olufsen offre certamente un suono sensazionale. Tuttavia, il suo prezzo richiesto è in qualche modo sensazionale, il che significa che il suo cugino BeoPlay A1, più piccolo e più rotondo, è un acquisto più logico nel nostro libro.

Recensione BeoPlay P6: suono sensazionale a casa o in viaggio

Recensione BeoPlay P6: suono sensazionale a casa o in viaggio

4.0 stelle
Pro
  • Grande suono
  • Solida qualità costruttiva
  • Buona durata della batteria
  • Controlli fisici facili da gestire
Contro
  • Molto costoso
  • Senza 3
  • 5 mm
  • Non così attraente come il BeoPlay A1

squirrel_widget_145767

Design e connettività

  • Design in alluminio sabbiato con cinturino in pelle e base in polimero
  • Pulsanti: volume su, giù, un tocco, on/off, Bluetooth
  • Microfono integrato per chiamate e utilizzo dellassistente virtuale
  • Nessuna porta di ingresso (solo wireless Bluetooth)
  • A prova di polvere e schizzi (IP54)
  • 170x130x68mm; 1 kg

Quando si tratta di altoparlanti portatili, BeoPlay A1 è stato il nostro altoparlante Bluetooth preferito per i viaggi. La sua forma circolare e le dimensioni ridotte lo rendono ideale da mettere in borsa quando si esce da casa per un paio di giorni. BeoPlay P6 ha una forma completamente diversa, un cuneo verticale più grande dellA1, quindi un po meno pratico da portare in giro. Labbiamo portato nel bagaglio a mano su un aereo, tuttavia, quindi non è enorme. Tra i due, tuttavia, troviamo lA1 più conveniente del P6.

Pocket-lintBeoPlay P6 recensione immagine 4

Il P6 è anche incentrato sulla connettività wireless. Guardati intorno e tutto ciò che troverai è una porta USB-C per la ricarica. Non cè un ingresso da 3,5 mm, il che è un peccato. Per i controlli, il P6 offre cinque pulsanti in alto, che sono chiaramente contrassegnati. Regola il volume, sincronizza il Bluetooth, accendi/spegni il dispositivo (con il segnale acustico associato) o premi il pulsante "One Touch" per funzionalità intelligenti, come lutilizzo di un assistente vocale per controllare il tuo servizio musicale.

In termini di qualità costruttiva, è qui che Bang & Olufsen brilla davvero. La gamma BeoPlay utilizza un alluminio sabbiato, mostrato qui nella sua finitura naturale, con singoli fori fresati come griglia. I pannelli sono uniti da una base in polimero leggermente sbiadito e rivestimenti, tuttavia, che rendono il modello nero un po più uniforme. Tuttavia, scegli uno dei due e non rimarrai deluso. Cè anche il caratteristico cinturino in pelle per appendere laltoparlante.

Qualità del suono e durata della batteria

  • 2x driver full range da 1,5", 1x woofer da 4"
  • Risposta 55-20.000 Hz, potenza di picco 215 W
  • Capacità della batteria di 2600 mAh per un massimo di 16 ore
  • Ricarica USB-C (richiede 3 ore per la ricarica completa)

Poiché il P6 ha griglie su entrambi i lati, può emettere il suono in modo omnidirezionale, con unuscita forte in due direzioni che lo fa suonare forte e chiaro ovunque sia posizionato laltoparlante.

La qualità del suono è piuttosto sensazionale anche per un piccolo altoparlante, sebbene non sia un enorme aggiornamento rispetto allA1, quindi il costo aggiuntivo per il P6 è alquanto discutibile. Entrambi i prodotti suonano alla grande, ma lA1 sembra il miglior tuttofare con un appeal più ampio per noi.

Pocket-lintBeoPlay P6 recensione immagine 6

I piccoli altoparlanti non sono spesso eccezionali quando si tratta di gestire i bassi, ma la fascia bassa del P6 scende fino a 55Hz, che emette una buona dose di bassi e grancassa martellante, qualunque sia il genere di musica.

Durante i nostri viaggi il P6 ci ha intrattenuto per molte ore, vivendo fino a 16 ore per carica senza problemi. Peccato che la porta USB-C non si ricarichi rapidamente, poiché occorrono tre ore per ricaricare questa batteria della capacità dello smartphone, anche se è molto facile lasciarla collegata durante lascolto.

Per ricapitolare

Se stai cercando un altoparlante Bluetooth portatile ben fatto e dal suono eccellente, il BeoPlay P6 è un'opzione sensazionale... ma il BeoPlay A1 ha più senso per noi ed è anche un po' più economico.

Scritto da Mike Lowe. Modifica di Stuart Miles.