Pocket-lint è supportato dai suoi lettori. Quando acquisti tramite i link sul nostro sito, potremmo guadagnare una commissione di affiliazione. Scopri di più

Questa pagina è stata tradotta utilizzando l'intelligenza artificiale e l'apprendimento automatico.

(Pocket-lint) - HomePod di Apple è qui, quindi come si confronta con gli altri attori chiave sul mercato? Vale a dire i dispositivi Amazon Echo e Google Home significativamente più economici.

Amazon ha rilasciato loriginale Amazon Echo tre anni fa come altoparlante all-in-one con controllo vocale Amazon Alexa.

Da allora è stata aggiunta una famiglia di dispositivi Echo , oltre a una sostituzione del vecchio modello nel nuovissimo Echo e un aggiornamento al modello originale nel nuovissimo Echo Plus con una migliore qualità del suono.

Ma Amazon non è lunica azienda che combatte per le tue orecchie, anche se è stata la prima.

Nel 2016, Google ha rilasciato Google Home con il controllo vocale di Google Assistant, arrivato nel Regno Unito lo scorso aprile. Due più recenti altoparlanti di Google sono seguiti lo scorso ottobre nellHome Mini e nellHome Max dal suono più robusto

L Home Max è probabilmente la corrispondenza più vicina allHomePod perché entrambi sono altoparlanti più grandi progettati pensando al suono. Qui stiamo confrontando le offerte di base, però. E purtroppo Home Max non è ancora disponibile nel Regno Unito (perché non Google?)

Nella battaglia tra Alexa, Google Assistant e Siri, quale di questi tre altoparlanti intelligenti è il migliore per le tue esigenze?

Apple HomePod contro Google Home contro Amazon Echo: Design

  • Apple HomePod: 172 x 142 mm; 2,5 kg
  • Google Home: 143 x 96 mm; 477 g
  • Eco Amazon: 148,5 x 88 mm; 820 g

Amazon offre in realtà alcune versioni diverse di Echo ( Tap, Dot, Look , Show , Spot e Plus ), ma per questo confronto ci stiamo concentrando sulla sostituzione del modello originale a forma di contenitore.

Echo è un altoparlante cilindrico alto 5,9 pollici con un array di microfoni a sette pezzi. Lesterno è disponibile in una gamma di tessuti e finiture, tra cui rovere con perforazione per la griglia dellaltoparlante o tessuto antracite dove la griglia è coperta. La parte superiore ha un anello luminoso che puoi ruotare per regolare il volume e pulsanti per disattivare laudio e attivare. Ci sono sei finiture in totale.

Google Home è un dispositivo leggermente più corto, alto 5,6 pollici. È disponibile in diversi colori con la sua base che offre la possibilità di essere scambiata con uno dei sei diversi colori di tessuto o gusci di metallo per abbinarsi ai tuoi mobili.

La casa ha una parte superiore inclinata, con un display touch-capacitivo e quattro LED per fornire un feedback visivo. Cè solo un pulsante di disattivazione fisico sul retro, che puoi premere per impedire a Google di ascoltare le parole calde.

Apple HomePod nel frattempo, è il più grande e il più pesante con un margine considerevole con unaltezza di 6,8 pollici.

Questo perché Apple ha confezionato più altoparlanti intelligenti rispetto ai suoi concorrenti, alla ricerca del miglior suono. Dalla forma a bulbo, lHomePod rivestito in tessuto sarà disponibile in due colori: grigio siderale o bianco.

Apple HomePod vs Google Home vs Amazon Echo: assistente vocale

Apple HomePod

Apple utilizza lassistente Siri in HomePod, lo stesso che troverai nei suoi iPhone, iPad e persino Mac. Ciò significa che puoi porre domande e ricevere risposte, istruire dispositivi domestici intelligenti o controllare la musica.

Sarà possibile dire cose come "Ehi Siri, mi piace questa canzone" e tali informazioni verranno registrate di conseguenza, con lassistente che apprende le tue preferenze personali da centinaia di generi e stati danimo, attraverso decine di migliaia di playlist di Apple Music.

Siri sarà anche in grado di gestire ricerche avanzate allinterno della libreria musicale, quindi potresti porre domande come "Ehi Siri, chi è il batterista in questo?" e ottenere una risposta.

Puoi inviare un messaggio, impostare un timer, riprodurre un podcast, controllare le notizie, il traffico e il meteo. SiriKit di Apple abilita anche il supporto per app di terze parti, quindi app come WhatsApp funzioneranno automaticamente con HomePod.

Assistente Google

Google Home ti consentirà di chiedere qualsiasi cosa a Google, grazie al suo Assistente Google AI. Avrai accesso ai 17 anni di esperienza di ricerca di Google, che ti consente di porre domande specifiche come "Quanto grasso cè in un avocado?" o "Qual è il numero di maglia di Wayne Rooney?" Quei tipi di domande metterebbero in difficoltà Amazon Echo, ma non Google. Puoi anche chiedere il tempo o controllare Wikipedia.

  • Che cosè lAssistente Google, come funziona e quali dispositivi lo offrono?

LAssistente Google può essere colloquiale, quindi puoi porre domande di follow-up come "Dove è andato a scuola?" e Home sarà in grado di collegare il pronome "he" alla tua precedente domanda su Rooney (o chiunque altro) per fornire una risposta. Puoi anche chiedere cose complesse come "Qual era la popolazione degli Stati Uniti quando è stata fondata la NASA?"

Google Home ti darà risposte immediate ogni volta. Può anche rileggerti la parte pertinente delle pagine web. LAssistente Google su Google Home è lo stesso dellAssistente sui telefoni Android.

Ci sarà anche laggiunta di più utenti , per tutta la famiglia, nel prossimo futuro.

Amazon Alexa

Simile a Google Assistant, Amazon Echo ha Alexa, un assistente diverso. Esso (o "lei" come molti diranno) è in grado di comprendere semplici comandi, o anche una serie di comandi, ma sono meno colloquiali in quanto dovrai affrontare lintera domanda ogni volta (non cè seguito comprensione del pronome attualmente).

Alexa riprodurrà musica, fornirà informazioni, fornirà notizie e risultati sportivi, ti comunicherà il meteo, controllerà i dispositivi domestici intelligenti e estrarrà informazioni dalla ricerca Bing. Consentirà persino ai membri Prime di ordinare i prodotti che hanno già ordinato.

Alexa si aggiorna automaticamente attraverso il cloud e impara in ogni momento. Più usi Echo, più Alexa si adatterà ai tuoi schemi vocali, vocabolario e preferenze personali.

Apple HomePod contro Google Home contro Amazon Echo: casa intelligente

Grazie ad Alexa, Amazon Echo può rispondere ai tuoi comandi vocali e controllare qualsiasi prodotto abilitato per Alexa, come luci, interruttori, termostati e altro. Chiedi ad Alexa di accendere una lampada, accendere la ventola, abbassare le luci o aumentare la temperatura. Alcuni prodotti funzionano direttamente con Alexa e altri ecosistemi domestici intelligenti richiedono un hub compatibile o unapp "intermediario", sebbene il dispositivo Echo Plus si sbarazzi del requisito dellhub o dellapp intermediario.

I marchi in primo piano che lavorano con Echo includono Samsung SmartThings, Philips Hue, Nest, Hive, Tado, Wemo, Wink e Honeywell. Puoi trovare un elenco completo dei dispositivi compatibili sul sito di Amazon. Poiché i dispositivi Echo sono in circolazione da più tempo di Google Home e Apple HomePod, ha avuto un notevole vantaggio e quindi tonnellate di partnership, dallauto a casa e oltre.

Google Home può essere un centro di controllo per tutta la casa, perché ha accesso a Google Assistant. Questo non solo ti consentirà di eseguire le operazioni di base come impostare sveglie e timer e gestire elenchi di cose da fare e liste della spesa, ma si connetterà anche ai tuoi dispositivi domestici intelligenti e include il supporto per i sistemi di rete più diffusi. Ciò significa che sarai in grado di controllare luci intelligenti, interruttori, porte e altro ancora.

Google Home funziona con Nest, SmartThings, Philips Hue, Wemo, Netatmo, Tado, tra pochi altri. Funziona anche come ricevitore Chromecast. Pertanto, con la sola voce, è possibile chiedere allAssistente Google di regolare il termostato Nest o spegnere le luci Philips Hue o trasmettere contenuti tramite Chromecast alla TV. Google prevede di collaborare con più partner in modo che anche tu possa controllare più cose.

Apple potrebbe sembrare in ritardo per la festa della casa intelligente, ma la sua configurazione HomeKit sta ribollendo in background da qualche tempo. Mentre Amazon Echo necessita di prodotti o app compatibili con Alexa, Apple HomePod necessita di prodotti o app compatibili con HomeKit per funzionare.

HomePod, in un certo senso, è lanello mancante che darà a HomeKit uno scopo maggiore. Fungerà da hub per controllare i dispositivi abilitati per HomeKit, come laccensione delle luci Philips Hue, senza la necessità di un iPad o Apple TV per fungere da hub (come è necessario fino al lancio di HomePod). Puoi trovare un elenco completo dei dispositivi compatibili sul sito di Apple.

Tuttavia, essere un dispositivo HomeKit significa che HomePod può adattarsi agli stessi ruoli di Amazon Echo o Google Home, controllando altri dispositivi.

Apple HomePod contro Google Home contro Amazon Echo: Audio

Amazon Echo è un altoparlante Bluetooth, quindi può riprodurre musica ed essere controllato da qualsiasi dispositivo che supporti lo streaming audio Bluetooth. Per impostazione predefinita, parlerà con Amazon Music, ma altre fonti, come Spotify, sono controllabili.

Echo è un singolo altoparlante con un tweeter da 0,6 pollici e un woofer da 2,5 pollici. Nella nostra recensione del dispositivo originale, pensavamo che Amazon avrebbe potuto fare di meglio nel reparto audio, ma si afferma che il nuovissimo Echo migliora laudio con laggiunta dellelaborazione Dolby. È anche possibile collegare Echo a un sistema musicale più potente.

Google Home è un altoparlante Wi-Fi in grado di riprodurre musica in streaming direttamente dal cloud. Abbiamo trasmesso in streaming brani da fonti integrate come Google Play Music, YouTube Music, Spotify e Pandora. Labbiamo persino usato per trasmettere laudio in modalità wireless dal nostro telefono e laptop. Sfortunatamente, Google Home non ha connettività Bluetooth come Echo, quindi dovrai utilizzare app e servizi con esso che supportano Google Cast.

La casa è dotata di doppi radiatori passivi rivolti lateralmente nella sua forma compatta, quindi suona molto forte con una qualità del suono discreta per il suo prezzo richiesto. Acquista più di uno e offre anche la riproduzione multi-room. Home non suona molto meglio dellEcho originale, ma pensiamo che lo abbia marginalmente superato nel reparto della qualità del suono.

Lultimo è HomePod di Apple, che offre AirPlay 2 dai tuoi dispositivi o la possibilità di eseguire lo streaming da servizi di musica cloud come Apple Music (Spotify e altri sono disponibili, proprio come su iPhone). Sfortunatamente, non cè il Bluetooth, ma questo non è un problema con AirPlay 2.

Apple ha chiarito le fonti sonore come:

  • Apple Music (è richiesto labbonamento)
  • Acquisti iTunes Music
  • iCloud Music Library con un abbonamento Apple Music o iTunes Match
  • Beats 1 Live Radio
  • Podcast
  • Contenuti tramite AirPlay da iPhone, iPad, iPod touch, Apple TV e Mac

Dal punto di vista del suono, Apple ha chiaramente il sopravvento. HomePod è un altoparlante molto più grande con molto di più allinterno, inclusi sette tweeter per unuscita audio a 360 gradi e un woofer da 4 pollici per gestire i bassi.

Da quello che abbiamo sentito allevento di anteprima di Apple, è di gran lunga il miglior suono del trio, avvicinandolo ai livelli audio di Sonos Play:3. Puoi leggere cosa abbiamo pensato del suono dellHomePod nel nostro verdetto iniziale.

Apple HomePod contro Google Home contro Amazon Echo: prezzo

Amazon Echo è ora disponibile per lordine, al prezzo di £ 89,99 / $ 99,99. Cè anche lEcho Dot, progettato per essere sincronizzato con un sistema musicale più grande, al prezzo di $ 50/£ 50, o il più potente Echo Plus, al prezzo di £ 139,99/$ 149,99. Google Home è ora disponibile al prezzo di £ 129/$ 129.

HomePod è ora disponibile anche per lacquisto per £ 319 nel Regno Unito o $ 349 negli Stati Uniti.

Apple HomePod vs Google Home vs Amazon Echo: Conclusione

Il vincitore? È difficile da chiamare.

Se laudio è il tuo obiettivo, HomePod è chiaramente il vincitore tra questi tre dispositivi, anche se potresti prendere in considerazione lHome Max di Google . È anche il più costoso (potresti invece acquistare tre dispositivi Echo e un Echo Dot).

Visivamente parlando, Echo è passato dallessere il meno attraente, ad offrire una buona selezione di finiture. Inoltre, Alexa offre la rete più ampia in termini di compatibilità, con più abilità, dispositivi e app rispetto ai concorrenti.

Il tempo sarà un grande giocatore, tuttavia, poiché Google Home ha già alcune ottime partnership, oltre a un approccio più colloquiale alle domande di Assistant che potrebbe vederlo vincitore in termini di aiuto.

In questo momento, tuttavia, quella corona va ad Alexa. E dovremo aspettare e vedere come funziona Siri con HomePod.

Scritto da Elyse Betters. Modifica di Britta O'Boyle.